#8 Marina Grande di Sorrento – Immersione Notturna

Giornata lavorativa trascorsa quasi interamente al Policlinico di Napoli, il cielo è coperto ma provo a sentire gli amici subacquei per capire se qualcuno riesce a farmi compagnia in serata ma nessuno è disponibile.

Verso le 14:30 mentre mangio qualcosa a Torre del Greco, effettuo una videochiamata whatsapp ai miei amici della Lega  Navale di Napoli che sono a pranzo lì, mi dispiace di non poter essere con loro, ma domani vorrei andare a fare un’uscita fotografica in apnea con loro e volevo capire le condizioni meteorologiche in situ. Mi confermano che ci sarà vento di grecale forte ma che si riesce ad uscire. Valuterò allora il da farsi … notturna stasera o apnea domani?

Quando torno a casa mi dedico a sistemare una clamp di un braccetto galleggiante che si è bloccata, poi preparo un pacco per la riparazione di due obiettivi guasti da spedire al laboratorio e mi metto in attesa dell’orario della lezione di danza delle mie figlie. 

Poco prima delle 18:30 accompagno le ragazze a danza, torno al garage e prendo l’attrezzatura subacquea e la bombola e alle 19 sono giù al porto. Impiego una mezz’ora nei preparativi prima di entrare in acqua. C’è una leggera onda all’esterno della scogliera ed inizia ad alzarsi il vento di grecale. “Drizzo le antenne” memore dell’ultima immersione ed effettuo il solito giro con puntata profonda verso i 30 metri. Non c’è granché in giro, recupero un paio di occhialini e vedo un piccolo alcionario.

Tra i pochi sussulti dell’immersione un polpo e la castagnola Chromis chromis nel boccale di birra che sta sotto il muretto dei pescatori. Ritorno costeggiando la scogliera a basso fondale e fotografo un paio di labridi Symphodus tinca addormentati, Riesco a scattare una sola foto ad un piccolo cinto di Venere Cestus veneris che mi perdo immediatamente.

Guardo il computer subacqueo, sono le 20:30 e sono ancora in punta alla scogliera. Non riuscirò così a fare in tempo per andare a riprendere le mie ragazze ma loro sanno che se non invio un messaggio di conferma devono rientrare da sole a casa. Supero la punta ed entro nel porticciolo.

Con la torcia riesco a vedere una  piccola spigola ma non riesco ad avvicinarmi prima di vederla allontanarsi nel buio. Sono sotto i pescherecci ormeggiati quando mi vedo sfilare davanti agli occhi una polpessa Octopus macropus che nuota spostandosi a reazione. Sono già in fase di rientro e sono in acqua bassa pronto al ritorno a terra. La seguo nei suoi spostamenti e scatto una lunga serie di immagini fino a finire con la bombola fuori dall’acqua. Mi sollevo ed esco per posare la bombola nell’auto, lasciando invece la fotocamera sul posto, ritorno ma senza maschera ed inizio a cercare il rosso cefalopode con la lampada montata sullo scafandro Nauticam NA-D850 nell’acqua bassa ma in questo modo non riesco a vedere nulla, anche perché i miei piedi sollevano un gran polverone. Desisto e torno indietro per svestirmi.

Ho fatto tardi stasera rispetto al solito, sono le 21:15 e la temperatura è di 12°C ed è in sensibile abbassamento. Avviso subito casa per non farli preoccupare e mentre mi cambio arriva il mio amico Raffaele con il suo cane. Lo saluto, passo per il garage e arrivo a casa alle 21:45.

Inizio a lasciare la fotocamera “a bagno” prima di lavare l’intera attrezzatura fuori al balcone, vado a cenare ma nel frattempo il vento è aumentato sensibilmente ed è in corso una bufera nel golfo. Vedo fulmini in lontananza e si ode il rombo dei tuoni. Quando ritorno fuori al balcone il vento mi congela le mani durante le operazioni di risciacquo. Non ho ancora ultimato l’operazione che inizia a piovere. Confesso di sentire più freddo qui fuori che sott’acqua. Solo verso le  23 posso sedermi davanti al monitor del computer per guardare le foto fino a tarda notte. Sono abbastanza stanco, domani mattina resterò a dormire … 

Il resoconto della serata è abbastanza deludente, stasera niente di esaltante, ma va bene così. Ho fatto immersione e questo è quello che conta! La gioia odierna mi arriva dalla notizia dell’arrivo alla Juventus del giovane centravanti Dusan Vlahovic.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.