#30 Marina Grande con Arturo – Immersione Notturna

E’ un lunedì mattina quasi lavorativo, nonostante sia nel bel mezzo delle ferie estive, tra telefonate di lavoro ricevute ed incombenze familiari da sistemare. Approfitto anche per andare all’AMP Punta Campanella per rinnovare i permessi per le immersioni e al mio ritorno, quando sono le 13 e sono pronto a sedermi a tavola con la mia family, squilla il telefono … è il mio amico del liceo Gianluca bisognoso di aiuto con la sua auto in panne con la batteria scarica. Scendo subito, prendo l’auto di mia moglie e gli vado in soccorso. 30 minuti dopo sono già a tavola. Il tempo di un caffè e salto sullo scooter con mia moglie per andare al mare. 

Alle 18 sono a casa, telefono ad Arturo per concordare il nostro appuntamento, ho da assemblare flash e fotocamera e quindi sono salito un pò prima dal mare. Sono indeciso su cosa montare, lasciare il Sigma 15 mm oppure montare il Tokina 10-17 mm regolato a 15 mm, ma alla fine seguo la prima opzione. Approfitto anche per cenare in anticipo, per non farlo a tarda notte, al mio rientro.

Appuntamento alle 20 al porto di Sorrento dove prenderemo la nostra barca Armarc. Ci accompagna il miglior marinaio al mondo, mia madre Maria Rosaria, ma a sorpresa vengono anche le mie figlie Lorenza e Lidia. Carico borsone subacqueo e fotografico sullo scooter, poi passo al garage a prendere una bombola carica. Ormai sono diventato esperto nel “carico” anche su questo nuovo scooter e raggiungo il porto. Mio fratello e mia madre sono già in banchina e dopo poco arrivano le mie ragazze. Aspettiamo oltre 45 minuti in banchina mentre sistemiamo le attrezzature per far sì che le tenebre prendano possesso della serata. Il mare è calmo e fa ancora molto caldo.

Alle 21 siamo davanti Marina Grande, tutta illuminata dalle gialle luci notturne, così come l’intera costa di Sorrento. Mi tuffo per primo, Arturo mi segue un attimo dopo. Dopo il check in superficie ci immergiamo. L’acqua è abbastanza limpida ma qui sotto l’hotel è pieno di rifiuti antropici.
Mentre sono intento a fotografarli, Arturo mi lampeggia con la sua torcia. Mi avvicino … c’è una gallinella sepolta nel sedimento. Inizia a scattare e viene fuori dal fango sollevando un polverone. La seguiamo mentre si allontana provando a “stringerla” tra le nostre fotocamere ma ben presto guadagna l’abisso.
Proseguiamo il nostro giro fino ad arrivare alla base della prima boa, dove ci sono alcuni gamberi. Continuiamo incrociando anche le seguenti, fino ad arrivare dinanzi il pontile metallico. Stasera “girano” svariate enormi triglie, ma non sempre collaborano per lasciarsi fotografare.
Una polposa, un piccolo scorfano e poco altro. Siamo al termine dell’immersione, ormai 60 bar nella bombola, tempo di risalire.

Arturo, al suo primo tuffo notturno dell’anno, sembra in gran forma e “attira” i soggetti. Mi segnala prima un alcionario bianco e poi una piccola Alicia mirabilis, mi mostra sul suo display la foto di una corvina e mi segnala di aver visto fuggire un tonnetto. Siamo a circa 4 metri di profondità e mi dedico a scattare delle foto ad una murena intrappolata in una nassa. Trascorro gli ultimi minuti prima di risalire quando la lampada di Arturo si agita freneticamente nel buio! 

Mi precipito verso di lui con la poca aria nelle bombole, lo spettacolo è magnifico … un pesce civetta sta sorvolando la prateria di posidonia e insieme proviamo a metterlo in mezzo tra i nostri oblò. Scattiamo a ripetizione, ma ben presto devo segnalare a mio fratello che ho terminato l’aria, facendogli il segnale convenzionale muovendo la  mano sotto il collo. Mi segue in superficie dove c’è mia madre che ci aspetta, siamo felici ed allo stesso tempo sconsolati, per aver perso una bella occasione di continuare a scattare.  

Risaliamo a bordo soddisfatti per la bella serata, ci svestiamo e subito dopo facciamo il bagno con mia madre, così come hanno fatto già le mie figlie durante l’immersione. L’acqua è calda e piacevolissima. Con calma ci asciughiamo e sistemiamo le attrezzature prima di rientrare in porto.

Sono ormai le 23 quando attracchiamo al pontile della Coport, non resta che rimettere tuto sullo scooter, anzi, ancora di più! Infatti in risalita dal porto metto su anche la seconda bombola sulla pedana del mio Xcenter Yamaha, oltre al borsone subacqueo e quello fotografico.

Passo per il garage a posare le bombole e poi finalmente a casa, Lavo tutto fuori al terrazzino e metto ad asciugare, nel frattempo è passata la mezzanotte, è San Lorenzo e corro a fare gli auguri di buon onomastico a mia figlia che sta cenando con la sorella. Non sembrandomi “corretto” lasciarle cenare da sole, mi unisco a loro e ceno per la seconda volta! 

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.