Archivi tag: Arturo Gargiulo

Giuria del III Trofeo L.N.I. di Napoli

Anche questa domenica è dedicata alla fotografia subacquea ma oggi resto all’asciutto! Ho appuntamento con mio fratello Arturo sotto casa dei nostri genitori e alle 13:30 raggiungiamo i giardini del Molosiglio dove c’è la sede della Lega Navale Italiana di Napoli. Entriamo all’interno della darsena ed aspettiamo il rientro degli atleti che tornano in banchina alle 14.

Il mio compito odierno è quello di acquisire le immagini dalle schede di memoria dei concorrenti del III Trofeo L.N.I. di Napoli di Safari Fotosub, gara selettiva nazionale valida per la finale del Campionato Italiano FIPSAS di Ottobre ’22, svoltasi nello specchio d’acqua antistante (lato ponente) il Castel dell’Ovo di Napoli con condizioni meteo-marine inattese rispetto alle previsioni.  

Man mano che gli scafandri vengono aperti dai concorrenti, le schede di memoria si accumulano sulla mia scrivania; bisogna prestare attenzione massima nell’operazione per copiare tutti i files nelle cartelle pre-organizzate sul computer iMac di Giancarlo Crimaldi, senza commettere errori. 

Le operazioni sono concluse rapidamente, ora è il momento di trasferirle su un hard disk esterno per poi ricopiare il tutto sul computer portatile di Francesco Chiaromonte, che utilizzeremo per effettuare la giuria, visto che il programma gestionale Safari Manager gira solo su Windows.  

I ragazzi hanno effettuato la doccia ed è anche tempo di salire nella sala a noi dedicata, dove mangiamo un rapido pasto, prima di procedere alla visione e selezione delle foto che i concorrenti sottoporranno alla giuria.

Sono tutti impegnati nella scelta delle foto, io mi dedico invece a collegare il monitor e ad espletare tutte le procedure ed i controlli sul programma gestionale. Man mano che gli atleti consegnano i loro files CSV di “PySafari” con le istruzioni delle foto selezionate,  io provvedo a caricarli nel programma e verificarne il corretto inserimento all’interno del Safari Manager. 

Sono le 16:30 quando arriva anche Mimmo Roscigno e ci riferisce che fuori piove copiosamente. Non ci siamo accorti di nulla, la pioggia prevista è arrivata fortunatamente in ritardo. Alle 17 iniziamo i lavori di giuria composta dal sottoscritto indicato come presidente, da mio fratello Arturo ed appunto il prof. Roscigno.

Procediamo inizialmente a visionare e votare le foto dei cinque esordienti, poi passiamo a votare le foto della categoria “compatte” ed infine le “reflex”. Terminiamo alle 19 e così è possibile pubblicare la classifica generale e quelle delle 4 categorie: Apnea Compatte, Apnea Master, Ara Compatte ed Ara Master.

Salutiamo tutti e scattiamo qualche selfie ricordo, poi torniamo a casa ed arriviamo verso le 20:30, in tempo per la cena e per guardare il GP di F1 di Miami con le due Ferrari in prima fila.

Mi preme ringraziare Dario Di Napoli e Giancarlo Crimaldi per la loro dedizione a superare ogni difficoltà logistica e organizzativa. Un grazie anche a Salvatore Avitabile per la sua assistenza sul campo di gara ed alla disponibilità di Roberto Leone quale giudice di gara.

Complimenti a tutti i partecipanti ed, in particolare, agli esordienti che hanno fatto un’ottima gara nonostante l’acqua torbida. Grazie anche a Gianpiero Liguori per i bellissimi premi messi a disposizione. 
 
Ecco qui i risultati della gara selettiva:
Best Hunter – Giancarlo Crimaldi,
Migliore Foto in Ara – Vito Guzzetta
Migliore Foto in Apnea – Thomas Mario
1° ARA MASTER – Francesco Chiaromonte
1° APNEA MASTER – Giancarlo Crimaldi
1° ARA COMPATTE – Vito Guzzetta
1° APNEA COMPATTE – Thomas Mario
1° ESORDIENTI – Alice Mirasole
 

EUDISHOW 2022

Ecco il resoconto fotoSELFIco di tre magnifici giorni trascorsi con i miei familiari a Bologna. E’ stata un’esperienza indimenticabile, a coronamento di un lavoro immane che hanno svolto i miei genitori, Enrico e Maria Rosaria durante gli ultimi due anni pandemici.

Costretti a trascorrere tante ore in casa, sono passati dal realizzare un “diario”  per i nipoti, al trasformarlo in un “volume” vero e proprio, da poter condividere con tutti gli amanti della fotografia subacquea. Il mio contributo, così come quello di mio fratello Arturo è stato assolutamente marginale, limitato solo all’organizzazione di testi e capitoli, ma anche alla selezione di alcune centinaia delle migliaia d’immagini che avrebbero meritato di essere nel libro per raccontare le storie a loro collegate di una vita intera trascorsa sott’acqua.

Tutto ciò però, non sarebbe stato possibile senza il prezioso contributo dell’editore IRECO nella persona di Stefano Gargiullo, che pazientemente ha assecondato e seguito le indicazioni provenienti dai “Gargiulo”,  credendo nel progetto fin dal primo istante, incentivando i miei “vecchietti” ad andare avanti senza sosta, per completare il tutto per l’edizione 2022 dell’EUDISHOW di Bologna.

E’ stato altresì emozionante condividere il viaggio con il “gemello” di mio fratello, Mimmo Roscigno, nato il suo stesso giorno ed anno, compagno di tante avventure e viaggi subacquei, anche lui emozionato nel ricevere la dedica da coloro i quali, grazie ad una proiezione di immagini subacquee in un teatro di Torre Annunziata, hanno dato origine alla sua ispirazione fotosub quando era appena quattordicenne!

Ecco il resoconto (parziale) …

Venerdì 1 Aprile – Day1
Sveglia all’alba, accompagno mia figlia Lidia a Scuola e alle 8 sono sotto casa dei miei genitori dove c’è anche Arturo. Partiamo alla volta di Torre Annunziata per prendere Mimmo sotto casa. Finalmente inizia il nostro viaggio verso Bologna, ma prima di partire, bisogna scattare la prima foto ricordo!

Dopo svariate ore di viaggio, condite da qualche sosta per il gasolio ed il pranzo, raggiungiamo finalmente l’hotel. Il tempo solo di posare i bagagli e subito siamo in movimento verso la fiera. Qui finalmente, prendiamo tra le mani per la prima volta il libro ed è un’emozione grandissima per tutti noi! Subito dopo, inizio il mio giro tra gli stand, adesso ancora poco frequentati ed inizio la mia sessione di “catture”, immortalando i tantissimi amici che ho finalmente potuto incontrare di persona. Non è possibile menzionarli tutti e me ne scuso, ma è stato veramente bello poterli finalmente guardare negli occhi e condividere con loro la gioia di rivedersi!

Ovviamente ho trascorso buona parte del mio tempo presso lo stand FOTOSUB-SHOP del mio amico Pietro Cremone, assistito dagli amici Ambassadors di Nauticam Italia. In serata poi siamo andati a cenare da “Leonida” in centro a Bologna.

Sabato 2 Aprile – Day2
La mattina inizia con una videochiamata con il nostro “compare” Rosario Scariati, che è in viaggio in treno per raggiungerci in fiera. Alle 9:30 siamo davanti ai cancelli e incredibilmente c’è già una gran fila per i controlli di temperatura e biglietti. Entriamo comunque agevolmente e subito ci “tuffiamo” tra i corridoi degli espositori. E’ un turbinio d’incontri … impossibile menzionare tutti.

Oggi è il grande giorno e alle 17 finalmente, dopo tanto lavoro di preparazione, arriva il momento di salire sul Palco Luigi Ferraro per  il libro:

Enrico e Rosaria Gargiulo
testimoni delle meraviglie del mondo sommerso 
Ed. IRECO

presentato da Rosalba Giugni di MAREVIVO e patrocinato anche da  The Historical Diving Society Italia. La fondatrice di Marevivo Rosalba ha avuto parole magnifiche per i miei genitori così come l’editore Stefano Gargiullo. 

La voce di “Enrico e Rosaria” era chiaramente colma d’emozione e la si avvertiva anche nel folto numero di persone intervenute ad ascoltare la loro narrazione. Il mio papà avrebbe potuto continuare a raccontare per ore e ore i mille aneddoti, ma i tempi serrati della scaletta lo hanno interrotto mentre il pubblico presente pendeva dalle sue labbra. E’ stato veramente bello e penso che sia stato veramente emozionante per lui, visibilmente commosso.

La concomitanza delle “scalette” sui vari palchi dell’Eudi non mi ha consentito di assistere anche alla contemporanea presentazione del libro del mio amico David Salvatori e lo stesso vale per lui, avremo modo di ritagliarci qualche momento “d’intimità” appena saremo insieme per sfogliarli. La giornata è stata lunga ed impegnativa, non resta che andare a cena tutti insieme a La Fabreria per affrontare al meglio la giornata finale della fiera.

 

Domenica 3 Aprile – Day 3
Domenica mattina si torna in fiera dopo la colazione e la chiusura dei bagagli. E’ l’occasione per completare la ricerca dei miei amici, tra i quali mi preme ricordare Luca Carraro che assicura il continuo “benessere” dei miei flash subacquei ONE UW. Alle 14 ahimè siamo costretti ad abbandonare la fiera, ci aspetta il lungo viaggio di ritorno in auto che fortunatamente trascorre senza particolari problemi fino a casa, dove arriviamo in tempo per guardare anche il derby d’Italia in Tv. Sono stanco per gli oltre 1300 km di guida percorsi in auto in questi giorni, ma estremamente felice e soddisfatto di questo indimenticabile weekend.

#50 Puolo con Arturo – Immersione Notturna

Mentre seguo il GP di Sochi/Russia in tv, con rocambolesca  centesima vittoria di Lewis Hamilton, arriva la telefonata di mio fratello Arturo che mi conferma l’appuntamento per le 19 a casa sua.

Alle 17:30 però, prendo lo scooter per accompagnare a Piano di Sorrento mia figlia Lidia  che esce a passeggio con amiche di scuola. Al termine dell’immersione dovrò andare a riprenderla.

Ritorno a casa e modifico l’abbigliamento, procedo al cambio di obiettivo e richiudo lo scafandro mettendolo sottovuoto. Alle 18:30 sono pronto e passo per il garage a prelevare le due bombole necessarie e l’attrezzatura subacquea. 

Per la serata ho montato il Micro Nikkor 60 mm, sicuramente molto versatile anche nelle serate povere d’incontri. In mattinata ho anche ripreso i faretti che avevo prestato a Gianluigi e li ho ricaricati preventivamente.

Rispettando il crono-programma al secondo, alle 19 sono sotto casa di Arturo, prima che inizi l’isola pedonale. Alle 19.45 siamo pronti per immergerci, attendiamo ancora un poco per far sì che le tenebre siano più intense. Ore 20 siamo in mare con acqua molto torbida a riva, allontanandoci dalla spiaggia ed in profondità la visibilità migliora sensibilmente.

Subito Arturo mi segnala lo sbarramento causato da una rete da pesca. Siamo impossibilitati nell’effettuare il consueto giro e quindi deviamo il percorso e proseguiamo lungo la parete rocciosa.
I soggetti incontrati sono quelli abituali, un grongo delle Baleari Ariosoma balearicum, i pesci lucertola, le triglie e le menole. Effettuando un percorso più lungo sulla parete abbiamo l’occasione di osservare più soggetti. Una coppia di Umbraculum in riproduzione, uno bianco ed uno più arancio, poi più avanti, nei pressi dei ciuffi di Posidonia oceanica, un terzo esemplare più piccolo di colore bianco. Tra le verdi foglie si nascondono tre esemplari di pesce ago, ma anche un bellissimo e colorato Calliostoma conulus.

Mentre rientriamo verso terra, trovo un cimazio Cymatium parthenopaeum, alcuni gamberi Stenopus spinosus, un granchio rosso Lissa chiragra ed infine, negli ultimi metri d’acqua, un vermocane Hermodice carunculata, un’occhiata Oblada melanura ed un sarago fasciato Diplodus vulgaris che viene “intrappolato” tra le nostre lampade.

Dopo 65 minuti usciamo dall’acqua e con le bombole sulle spalle, salgo direttamente le scalette dove mi spoglio prima di andare a prendere l’automobile. Terminata l’operazione di vestizione  raggiungo Arturo che nel frattempo ha fatto lo stesso. Sono le 21:45 quando telefono a mia figlia Lidia. L’avviso che sono pronto per andare a prenderla a Piano di Sorrento insieme ad Arturo. Dopo averla recuperata, la lascio a casa dove scarico anche l’attrezzatura da lavare. Accompagno mio fratello a casa circumnavigando l’isola pedonale e fortunatamente incontro di nuovo il vigile urbano mio accanito follower! Mi trattengo qualche minuto a parlare con lui che mi chiede com’è andata l’immersione e quando sarà pubblicato il resoconto sul sito web!

Arturo prende le sue cose e lo saluto, ringrazio il mio amico e rientro a casa dove non c’è posto per l’auto. Maledizione! Fortunatamente c’è la Citroen di mia moglie in sosta e posso “bloccarla” senza problemi, tanto domattina uscirò presto per andare a lavoro.   

Finalmente posso cenare; Lorenza ha cucinato il pesce spada ed ho una gran fame. Solo al termine mi dedico a smontare e lavare tutto il materiale. Soddisfatto ma stanco, posso andare a fare una doccia prima di distendermi per la notte. 

 

#45 Puolo con Arturo – Immersione Notturna

Il cielo è limpido sul Golfo di Napoli,  grazie al vento teso di Maestrale che soffia da stamattina. Mentre ritorno verso casa in autostrada si vedono distintamente tutte le isole del golfo. Rientro e disbrigo alcune incombenze lavorative al computer, poi finalmente posso rilassarmi un poco. Ho sentito mio fratello su whatsapp ed abbiamo concordato un appuntamento per la serata, avrei preferito domani, ma lui non era disponibile. 
Prendo lo scafandro e ricontrollo il sensore anti-allagamento e rimonto all’interno del suo scafandro la Nikon D850, lasciando montato ancora una volta il 60 mm.

L’appuntamento è per le 19:30 sotto casa dei nostri genitori; Arturo arriva puntuale, carichiamo tutto nell’auto ed andiamo a Cala di Puolo. Parcheggiamo l’auto ma oggi abbiamo fatto troppo presto, il sole non è ancora tramontato. Ci vestiamo lentamente chiacchierando delle ultime news di calciomercato e della F1, la nostra comune passione oltre alla fotosub. 

Alle 20:30 siamo pronti ad entrare in acqua. C’è una leggerissima risacca ma l’acqua è abbastanza pulita. In superficie la temperatura è 25°C mentre sotto, sui -30 metri è 19°C e molto più limpida.

Ci sono tantissime piccole boghe, menole e zerri sul fondo, anche qualche bella triglia. Sul sabbione incontro una sogliola occhiuta Microchirus ocellatus, poi un piccolo polpo, più avanti un secondo esemplare di sogliola occhiuta ed uno scorfano. Cambiamo direzione andando verso la parte più ciottolosa che porta verso la parete verticale.

Anche stasera vediamo un grande vermocane Hermodice carunculata, ma anche una bella tanuta Spondyliosoma cantharus che mettiamo “in mezzo” alle nostre lampade e resta abbagliata per qualche secondo, prima di fuggire via. Siamo ormai sulla parete rocciosa e tra le foglie di Posidonia oceanica osserviamo due esemplari di Syngnathus acus. Osservando con attenzione in ogni angolo roccioso si scorgono tantissimi organismi, anche un piccolo umbracolo giallo. 

Il computer subacqueo mi segnala 4 minuti di decompressione, mi sollevo così dal fondale di circa -15 metri verso la batimetria dei  6/7 metri per “scaricare” l’azoto; qui ci sono tanti piccoli saraghi, occhiate, latterini ed altri due piccoli polpi che fanno capolino dalle loro tane.

Mentre ritorno verso la spiaggia, seguito da mio fratello che nel frattempo mi ha raggiunto a bassa profondità, incontro una “lumaca” Platydoris argo, tutt’altro lenta come una lumaca! Ben presto mi sfugge nascondendosi tra le pietre.

Negli ultimi minuti d’immersione, con la leggera risacca che si apprezza a così basso fondale, incontro due Parablennius gattorugine o Bavosa Ruggine che sono probabilmente una coppia. Scatto un paio di foto ma presto, la più piccola fugge via spaventata.  

Usciamo dall’acqua alle 22. Mi tolgo le bombole e vado a spogliarmi nei pressi dell’automobile; appena cambiato prendo l’auto e la sposto nei pressi della scaletta di pietra. Aiuto mio fratello a sistemare l’attrezzatura e dopo aver completato lo smontaggio, portiamo tutto all’interno.

Anche stasera ci siamo divertiti, ce ne torniamo felici e soddisfatti. Lo riporto a casa dopo aver effettuato il lungo giro della città per superare l’isola pedonale. Approfittiamo per fermarci lungo il percorso a posare le bombole in garage e portare già a casa mia la fotocamera ed il borsone sub.

Arrivati in Piazza Sant’Antonino stasera non troviamo il vigile urbano, quindi non possiamo chiedere a nessuno la cortesia di passare e ovviamente non lo facciamo. Fortunatamente mio nipote Enrico, allertato telefonicamente da Arturo,  è disponibile ad aiutare suo padre a trasportare il tutto.

Li saluto e rifaccio il giro per andare a casa, non ho problemi a trovare il parcheggio e quindi salgo subito. L’attrezzatura è già fuori del balconcino, aspetta di essere lavata. Eseguo l’operazione ormai abbastanza velocemente e ben presto sono seduto a tavola per la cena.   Mi attende l’ultimo step per concludere la serata … una  bella  doccia calda e poi posso andare a nanna alle 23:30! 

(p.s. il sistema vacuum ha funzionato perfettamente) 

#43 Puolo con Arturo – Immersione Notturna

La giornata lavorativa trascorre tranquilla, unico inconveniente, il traffico per rientrare a Sorrento in questo periodo di fine agosto. La mia famiglia è andata al mare e vado a recuperarli in spiaggia alle 18:30. Torno a casa ed inizio a prepararmi per l’immersione notturna che ho programmato con mio fratello Arturo.
Ho montato il Nikkor 60 mm sulla Nauticam NA-D850 ed ho ricaricato i flash OneUw 160X.

Alle 19:45 sono sotto casa dei miei genitori, Arturo arriva con leggero ritardo, dovendo fare il  giro dalla città per bypassare l’isola pedonale. Prendiamo le bombole e poi andiamo a Puolo. Iniziamo la vestizione con grande lentezza e dopo le 21 siamo in acqua. 

La visibilità è discreta e la temperatura alta nei primi metri. Subito scendiamo sul sabbione fino a raggiungere l’albero affondato. Iniziamo il nostro giro sui -30 metri, poi deviamo in direzione della parete rocciosa.

Una piccolissima Alicia mirabilis è adagiata su una grande ancora abbandonata. Ci sono i soliti pesciolini addormentati sul fondo, così come i gronghi delle Baleari. Arturo insegue un piccolo rombo che si solleva dal fondo, io mi lancio al suo inseguimento e riesco a scattare a raffica prima di vederlo sparire nel buio.

La serata prosegue con l’incontro con un umbracolo; mentre scatto qualche foto, Arturo mi lampeggia per indicarmi un vermocane sollevato dal substrato in fase di riproduzione. Scatto una lunga serie di foto mentre l’anellide si muove rilasciando i suoi gameti. Anche le oloturie sono in fase di riproduzione, è passato solo qualche giorno dalla luna piena e deve essere una serata particolarmente “giusta” per questi animali. Più in là ci sono altri due enormi esemplari di Hermodice carunculata, anch’essi impegnati nella sessione “amorosa”, poi ancora un quarto individuo che incontro dopo aver fotografato  un paguro. Mentre torniamo a terra, c’è un bel cimazio e negli ultimi centimetri d’acqua si vedono alcune leccia stella muoversi rapidamente sotto la superficie.

Ci svestiamo e sistemiamo le nostre attrezzature in auto. Sempre con grande calma dopo le 23 ripartiamo soddisfatti verso Sorrento. Accompagno mio fratello sotto casa, costretto di nuovo a fare un giro enorme a causa dell’isola pedonale estiva. Fortunatamente  un giovane vigile urbano mi riconosce: “ah, ma sei Marco Gargiulo il fotografo subacqueo” e mi lascia arrivare (in tutto solo 50 metri di tragitto) fin sotto casa di Arturo per scaricare le pesanti borse con   l’attrezzatura.

Effettuo un nuovo periplo della città per tornare a casa ma quando ci arrivo c’è una gran confusione. Ci sono due auto della Polizia davanti all’Hotel Flora e tanta gente fuori l’ingresso e nel distributore di carburanti IP nel quale abitualmente parcheggio la mia auto. Non c’è il posto per me e non capisco cosa stia succedendo.  Dopo qualche minuto però, un’auto va via e riesco a parcheggiare. Scarico la mia attrezzatura e la trasporto faticosamente dall’altro lato della strada dove c’è il mio portone. Una volta trasferito il prezioso materiale da lavare fuori al terrazzino, mi affaccio per cercare di capire cosa succede. Le auto sono ancora lì sul marciapiede … quando ho quasi completato il lavaggio, una trentina di minuti dopo la mezzanotte, guardo giù e vedo uscire alcuni agenti che accompagnano nell’auto una persona per portarla in caserma. Vabbè la mia curiosità è soddisfatta, posso andare a dormire!

#40 Cala di Puolo con Arturo e Mimmo – Immersione Notturna

Consumo un gelato verso le 17:45 perché ho una leggera fame. Ho dormito un pochino sotto l’ombrellone e ben presto è ora di muovermi di nuovo verso Massa Lubrense.

Alle 18:45 vado in tabaccheria ad acquistare delle batterie di scorta per il sistema vacuum per la fotocamera di Mimmo, un quarto d’ora dopo sono a casa del mio amico Antonio Mario, al quale avevo prestato il Micro Nikkor  60 mm e lo vado a recuperare per montarlo sulla fotocamera e chiudere lo scafandro. Sostituisco anche le batterie dei flash con quelle che mi ha prestato Pietro e poi  mi incontro con mio fratello Arturo per andare al Punta Campanella Diving per le 20. Ho portato con me anche lo Snoot di Fabio Iardino montato sul flash ONEUW 160X.

Quando arriviamo il mare è mosso. Non possiamo andare a  Cala di Mitigliano come ipotizzato e quindi decidiamo di andare a Cala di Puolo. Ci sono Mimmo, Salvatore e sua figlia Felicienne, Annalisa e Davide con la moglie Monica. 

Stasera incredibilmente c’è Gianluigi in acqua … di notte! Lui e Andrea guidano il gruppo di fotografi, io me ne sto con Arturo in disparte. Scendiamo sul sabbione e poi deviamo verso la parete rocciosa.

Ben presto ci perdiamo nel buio quando incontriamo un gruppo di calamari che riesco a fotografare solo per pochi attimi.

Ritroviamo le luci di Andrea e lo seguo per cercare la tana del polpo con le uova. Sulla parete rocciosa non mancano i soggetti, una bellissima  Haliotis tuberculata, un cimazio e uno scorfano rosso non ben identificato. Nella parte finale dell’immersione mi separo da Arturo e risaliamo separatamente.

Risalgo dopo i 60 minuti concordati, ma a grande distanza dal gommone. A causa del moto ondoso intenso è difficile nuotare in superficie per raggiungere il natante. Durante la traversata superficiale, alcuni latterini mi colpiscono sulla maschera andando a sbattere violentemente per sfuggire alle potenti lampade.

Ritorniamo a terra ma scarichiamo le attrezzature dal lato opposto del porto perché il ristorante Paguro è pieno di clienti e non possiamo disturbare con il nostro passaggio. Non lavo la fotocamera qui, perché lo farò a casa, ma dedico i pochi minuti trascorsi al diving sotto la doccia calda, mentre aspetto Arturo che sistema la sua attrezzatura. Alle 23:45 siamo entrambi sugli scooter. Arrivato a casa provvedo al lavaggio accurato e consumo la cena che mi ha lasciato mia moglie. Finisco di sistemare il tutto fino all’una di notte e me ne vado a dormire. Domani si riposa.

#35 Sorrento con Arturo – Immersione Notturna

Quando un fratello ti chiama e ti chiede un aiuto … si risponde subito affermativamente! Non importa se sei al terzo tuffo giornaliero!

Rientrato dal mare provvedo finalmente a tagliare la barba che lascia entrare acqua nella maschera. Alle 19:30 scendo da casa, passo per il garage a prendere la muta e le bombole, poi vado a casa dei miei genitori dove abbiamo il nostro meeting point. Lascio il borsone con attrezzatura subacquea e bombola nell’auto di mia madre e mi avvio al porto di Sorrento, ma sono sempre costretto a circumnavigare l’isola pedonale. Anche Arturo e mamma fanno lo stesso ma si fermano un attimo a casa di mio fratello per prelevare sua moglie Pasqualina e la borsa fotografica. Siamo tutti al porto alle 20 e ci dirigiamo sul pontile di legno della cooperativa dove la nostra imbarcazione è già pronta in banchina.

La luce a quest’ora è ancora tantissima ed il sole non è ancora tramontato. Aspettiamo le tenebre in porto e cominciamo la vestizione, senza affrettarci minimamente. Quando è sufficientemente buio, ci muoviamo dalla banchina e ci dirigiamo verso Marina Grande, ma questa volta mantenendoci nella zona antistante gli stabilimenti balneari.

Ci tuffiamo in pochi metri d’acqua e subito incontriamo una grande mormora che, scappando via, ci porta dritti dritti al primo pesce civetta della serata. Iniziamo a scattare ma ben presto ci accorgiamo che di Dactylopterus volitans ce ne sono una gran quantità!

6, 7, 8, ne perdiamo il conto, non saprei dire quanti ne abbiamo visti! Una frenesia forse riproduttiva che li ha concentrati tutti in questo posto! Sono circa 30 minuti di fuoco con scatti a ripetizione, ma con tanta sospensione che si solleva per inseguirli nei loro spostamenti sul fondo sabbioso.

All’improvviso si dileguano e noi ci ritroviamo sul pendio senza più riferimenti. Risaliamo un poco e si cominciano a rivedere le ondulazioni della sabbia che ci indicano chiaramente la direzione nella quale proseguire. Incontriamo un piccolo polpo e poi una cernia alessandrina, alcune stelle marine, una piccolissima Alicia mirabilis tra le foglie di Posidonia oceanica, ma tutto ciò non ci “scalda” come ciò che abbiamo vissuto pochi minuti prima.

Trascorriamo 80 mitici minuti in acqua, prima di risalire, con l’aria delle bombole ormai agli sgoccioli, incontriamo un paio di esemplari di grongo delle Baleari Ariosoma balearicum molto collaborativi, ai quali scattiamo le ultime foto della serata.

Ritornati in porto, siamo soggetti ad un controllo di routine in Capitaneria di Porto; anche se hai tutto in ordine, non si è mai tranquilli fin quando non ci si saluta!

Alle 23:30 ci muoviamo dal porto ed un quarto d’ora dopo sono finalmente a casa. Provvedo all’immancabile lavaggio delle attrezzature e poi vado a fare la  doccia. D’estate non è un problema la cena a tarda ora e dopo c’è anche il tempo di somministrare il cibo nell’acquario tropicale al mio squaletto Bamboo che aspetta  le tenebre per saziare la sua fame.

Prima di andare a nanna, apro lo scafandro e tiro fuori la fotocamera Nikon D850 per dare un rapido sguardo alle foto scattate. Ce ne sono alcune belle, sono soddisfatto della bellissima giornata trascorsa e vado a dormire felice e soddisfatto!

#32 Cala di Mitigliano con Arturo, Pietro e Mimmo – Immersione Notturna

Trascorro la prima parte della mattina in giro per la città e forse, dopo tanti anni di ricerche, ho scovato le Sirene a Sorrento … rientro a casa dopo averle incontrate all’asciutto.  
Dopo pranzo vado al mare a concedermi un poco di relax con mia figlia Lidia. 

Sono davanti alla mia scrivania alle 1830, preparo velocemente l’attrezzatura fotografica, pulisco il sensore digitale della fotocamera e cambio la batteria del vacuum-system dello scafandro. Alle 19 scendo e vado sotto casa dei miei genitori, saluto mamma e papà mentre arriva Arturo. Arriviamo intorno alle 20 al Punta Campanella Diving, c’è un bel gruppo di amici stasera.

Inizio subito a prendere in giro Pietro, spalleggiato dal prof Roscigno mentre tutto lo staff del diving è intento ad organizzare il tutto per l’uscita notturna.
Aspettiamo il calar delle tenebre e alle 21 saliamo in barca, siamo tanti su Marangone ma si sta comodissimi. Raggiungiamo la Cala di Mitigliano e ormeggiamo nei pressi dello Scoglio della Castagna. 

Mi immergo con Arturo, avevamo concordato un giro sul sabbione, poi sulla posidonia ed infine sui massi rocciosi. A 18 metri di profondità, nei primi minuti d’immersione, vedo fluttuare nella colonna d’acqua, nei pressi del fondo una magnifica idromedusa Olindias  phosforica, mai vista prima in vita mia. E’ bellissima ed inizio a scattare, sono strafelice perché ne avevo parlato con Mimmo a Saline Ioniche dopo aver visto Oceania armata.

Arturo è lontano e lo raggiungo, gli indico la direzione da seguire per passare sulla prateria di Posidonia oceanica. Torniamo indietro verso riva e tra le verdi foglie non riesco ad individuare né cavallucci marini, né pesci ago. Inizia la zona dove c’è roccia e sabbia, continuo a restare al limite tra i due ambienti in cerca di soggetti. Ecco un nuovo spettacolare incontro … una coppia di Alicia mirabilis, attinia “Bella di Notte” che iniziano a ritrarre i lunghi tentacoli disturbati dalle potenti lampade. Proseguiamo ed incontro una piccolissima Sepiola rondeleti, è così piccola che decido di scattare usando una tripla esposizione  per riempire il fotogramma. Più avanti trovo un’altra Alicia, la terza della serata, infine una bella triglia di scoglio, uno  scorfano rosso, qualche polpo e dopo 70 minuti, risaliamo sotto la parete rocciosa con Astroides calycularis.