Marco Gargiulo

Amateur Underwater Photographer

#7 Porticciolo Canale con Domy

Mi alzo alle 6:30 e subito esco fuori al balcone a guardare il meteo, il cielo è coperto e si sente il ruggito delle onde che frangono. Rientro in stanza e assemblo lo scafandro per l’ultima immersione di questa breve vacanza calabrese, la giusta ricarica per iniziare da domani un nuovo intenso anno lavorativo.

Resto in camera a fare la colazione perché ieri sera dopo cena mi sono divertito a guardare le foto fino a tarda sera piuttosto che ricomporre i pochi bagagli. L’appuntamento odierno con Domy è al diving alle 8 per cui ho tutta calma. Non abbiamo scelta causa delle condizioni meteo-marine, per cui siamo diretti al porticciolo dove siamo stati ieri sera.

Dopo esser partiti da Saline Joniche ed effettuata una sosta per rifornirmi di carburante in previsione del viaggio di ritorno, arriviamo a Pellaro e parcheggiamo le auto. Spunta un po’ di sole e le condizioni del mare rispetto a ieri sera sono migliorate, ma il vento sta girando e sta facendo aumentare di nuovo l’onda. Ci vestiamo sul piazzale e nel frattempo arriva a salutarci Filippo Mallamaci con cui scatto un selfie ricordo.

Appena pronti ci tuffiamo e scendiamo sul pendio sabbioso in cerca dei pesci balestra. Sono cosciente che sarà difficile trovarli ma proviamo lo stesso a vedere se si riesce ad incontrarli anche di giorno. Effettuiamo un lungo giro, vedo solo un pesce civetta che non si lascia avvicinare e qualche rifiuto antropico ormai colonizzato dai pesci del luogo ma ad un tratto vedo Domy indicarmi qualcosa in lontananza … mi mostra tre pesci balestra ma non riusciamo ad avvicinarli né a vederli più perché si allontanano prontamente. Effettuiamo il rientro e mi fermo su una cima sulla quale era impigliato un artificiale da pesca e dedico gli ultimi minuti a fotografarlo in controluce.

Risaliamo sul piazzale e ci spogliamo, la temperatura è piacevolissima e possiamo lavare sul posto le attrezzature fotografiche e le mute stagne. Mi cambio ed indosso gli abiti “civili”, ma non ho necessità di indossare il cappello perché la temperatura è veramente gradevole.

Saluto con affetto il mio amico Domy e mi metto in auto alle 10:30 in direzione di casa, il meteo torna a essere brutto, cade qualche goccia di pioggia. L’arrivo a casa è previsto per le 16, ma lungo il tragitto comincia a piovere violentemente fino a Cosenza e la temperatura scende a 7°C. Effettuo una sosta a Tarsia poco prima delle 13 per una pipì, una pizza ed un caffè e mi rimetto in viaggio con tanta pioggia fino a Sorrento dove arrivo all’orario previsto. Sono abbastanza “cotto” ed ho da sistemare l’attrezzatura ma sono veramente felice di questa breve ma intensa vacanza calabrese, in compagnia degli amici più cari!

 

Succ Articolo

Precedente Articolo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

© 2024 Marco Gargiulo

Tema di Anders Norén