Archivi categoria: Madonnina

42 Scoglio del Vervece – Festa Madonnina

Dopo la notturna di ieri sera, stamattina la sveglia suona di nuovo presto, ho da preparare tutto per il tuffo odierno. Quindi inizio subito con la prima colazione, poi vado ad aprire scafandro che ho lasciato ancora chiuso e sottovuoto.
Accendo il Mac e scarico le foto scattate in notturna,  cambio l’obiettivo, montando il Sigma 15 mm ed il minidome Saga Dive,  lascio montati i fari perché non sono sicuro di avere sufficiente carica nelle batterie dei flash ONEUW 160X. 
Appena terminata la preparazione dell’attrezzatura, scendo a fare la spesa per la famiglia per poi andare al mare al mio rientro. Devo sbrigarmi per non far tardi all’appuntamento a Massa Lubrense. Alle 10:30 sono sullo scooter ed arrivo alla Marina della Lobra.

Saluto i miei amici Alberto e Stefania che sono in partenza dopo qualche giorno di vacanza in Penisola Sorrentina con un immancabile selfie, poi raggiungo il circolo nautico dove sono tutti raccolti per ascoltare la parole di Sua Eccellenza il Cardinale di Napoli Crescenzio Sepe, insignito oggi della cittadinanza onoraria di Massa Lubrense. 
Mentre la cerimonia procede, mi attivo per capire come raggiungere il Vervece. Sarò in barca con Carmela Guidone sul battello dell’A.M.P. Punta Campanella, ma devo attendere che tutti gli ospiti e le autorità siano trasportati sullo scoglio. Appena termina la cerimonia inizia il viavai di barche verso il Vervece, finalmente arriva il momento si salire a bordo ed andare.
C’è onda e tante barche, ho il timore di disturbarmi per il moto ondoso, dovendo attendere a lungo prima del termine della Santa Messa celebrata sullo scoglio dal Cardinale.
Confesso che per la prima volta il sistema di diffusione audio consente di ascoltare tutto distintamente dalle barche e mi congratulo con gli organizzatori.
Viene benedetta la corona d’alloro, i sub delle fiamme gialle si tuffano e faccio lo stesso per esser pronto per immortalare il momento. La corona viene consegnata ai sub della Guardia di Finanza ed iniziamo la discesa verso il pianoro dove c’è la statua. Il mio amico Antonino Maresca con il suo collega raggiunge la Madonnina per sistemare a dovere la corona, durante le operazioni sollevano un poco di sospensione che peggiora la già cattiva visibilità dell’acqua. Appena terminato, Tonino mi fa segno di risalire rapidamente, dopo non più di 5 minuti d’immersione. A memoria, dovrebbe essere la mia più breve immersione “completa” della storia!
La fretta è motivata dalla necessità di assicurare una rapida evacuazione del Cardinale e delle autorità dallo scoglio, per questo ci viene lanciata una cima e veniamo “trainati” dal gommone della GDF lontani dalle eliche delle imbarcazioni dei fedeli intervenuti ad assistere alla funzione religiosa.
Risalgo sulla barca dell’A.M.P. ed immediatamente mi svesto per ricomporre il borsone subacqueo e la borsa fotografica. Appena siamo a terra, sbarco tutta l’attrezzatura già sistemata a dovere, saluto velocemente tutti e alle 13:15 sono sullo scooter. Quindici minuti dopo sono a casa, prendo la fotocamera NAUTICAM NA-D850 e la metto a bagno nell’acqua dolce, alle 14 sono già al mare a Sorrento con la mia famiglia  ai Bagni Salvatore.

Appena mi sistemo all’ombra, tiro fuori dalla borsa frigo i panini, ho una gran fame. Poi, dopo un bel caffè al bar, mi metto sotto l’ombrellone a guardare il GP di Monza con mia figlia Lorenza, grande appassionata di F1 come il padre.

Scoglio del Vervece

L’anno 2019 volge al termine e le occasioni per salutarlo in queste feste natalizie sono state praticamente nulle, causa mareggiate e impegni familiari intorno ad una tavola. Oggi finalmente torno in acqua per documentare la posa del Bambino Gesù ai piedi della Madonnina del Vervece. In verità avrei preferito effettuare questa operazione domani, avendo l’incombenza di una visita programmata da tempo di miei amici acquariofili a casa per le 15. L’appuntamento con gli amici della Fondazione Vervece è per le 11:30 a Marina della Lobra, dove mi attendono Gaetano Milone, il presidente ed il suo staff. In acqua per le operazioni “pesanti” ci saranno Tonino Maresca, Franco De Gregorio che effettueranno manualmente la posa. 
Oggi ho anche rispolverato la Nikon D7200 di mia figlia Lorenza che giaceva inutilizzata da ottobre 2018, ma anche la coppia di flash Inon Z240, anch’essi fermi da lungo tempo. La scelta dell’obiettivo è caduta sul magnifico Nikon 10,5 mm DX, un vero gioiello di versatilità e precisione, alloggiato all’interno del microdome personalizzato che mi feci costruire dalla Isotecnic. In verità la scelta è stata forzata dai preparativi della mia Nauticam NA-D850 per un viaggio che effettuerò nei primi giorni di gennaio 2020, del quale proverò a raccontarne l’evoluzione progressivamente …
Mi muovo da casa alle 11, raggiungo Massa Lubrense in auto dopo avere recuperato l’attrezzatura in garage. Sono il primo ad arrivare al porto ed attendo l’arrivo di Gaetano Milone e del resto dell’organizzazione. Purtroppo tardiamo a partire e siamo in acqua solo alle 13. Mentre svolgiamo le operazioni in mare con un’acqua terribilmente torbida, osserviamo i danni che ha causato la violenta mareggiata dei giorni scorsi. Alcuni sassi si sono staccati dallo scoglio, le due telecamere montate su pali di metallo sono state divelte e giacciono sul fondo, così come alcune targhe ricordo apposte sullo scoglio a memoria dei sub deceduti in mare. Le operazioni vengono svolte abbastanza rapidamente e, avendo fretta di rientrare a terra, evitiamo di approfittare dell’occasione extra per effettuare un giro panoramico oggi qui al Vervece.

Siamo in banchina alle 14 e mentre tutti i presenti si scambiano gli auguri per il nuovo anno, io sono già pronto a scappare via. Arrivo alle 14:30 a casa in tempo per mangiare un boccone e per poter sciacquare le attrezzature. Alle 15 infatti arrivano i miei amici Rosario, Cristiano e Maicol, pronti a trasformare completamente il mio acquario marino.
Iniziano così le complesse operazioni di svuotamento, recupero dell’acqua e dei pesci, cambio totale del filtro e degli scarichi, costruzione della nuova rocciata, immissione dell’acqua vecchia e reintegro di quella mancante ed infine, alle 23 posso salutare i miei amici che vanno a mangiare una pizza prima di tornare a Napoli, mentre io aspetto la mezzanotte per inserire di nuovo i pesci in vasca. Alla fine della giornata sono stravolto, ma soddisfatto per le due ottime attività realizzate. Confesso di non aver dormito al pensiero dello stress subito dai miei amati pesciolini, mi sono alzato più volte per controllare che tutto fosse a posto.

Termina così un anno ricco di immersioni, in leggero anticipo rispetto ai programmi abituali, ma sono in procinto di partire per un viaggio, la cui check-dive prevista è … all’Acquario …. e l’attrezzatura deve essere sistemata in valigia per iniziare il 2020 alla grande!

 

 

Copertina “Surrentum” e Premio Vervece

Mentre ero a Saline Joniche, durante una pausa di riposo tra un’immersione e l’altra, mi arriva il messaggio di Gaetano Milone che mi chiede con urgenza di inviare delle foto per la copertina della rivista Surrentum … sono lontano da casa ma riesco grazie al Cloud a recuperare alcuni scatti … vedere l’immagine in copertina è sempre bello!

In serata poi ho ricevuto, insieme ai miei familiari, un attestato di benemerenza  in occasione della festa della Madonnina del Vervece a Marina della Lobra.