Marina Grande – Immersione Notturna

“89° minuto, Cristiano Ronaldo tira ed è goal! Barcellona – Real Madrid termina 2-3” …. l’ultima sfida alla Playstation con mio nipote Luigi Maria termina con una  bordata da fuori area che mi sorprende inesorabilmente. Lo lascio a giocare ancora da solo, io ho da fare …. sono le 19:30 ed è tempo di andare in acqua. Il weekend in verità, non prometteva condizioni meteomarine buone, sabato infatti è abortita un’immersione con il mio amico Ciro Dell’Anno a Napoli, non confidando in un miglioramento per oggi non mi ero neanche organizzato. Non appena sveglio, ho messo il naso fuori della finestra mi sono reso conto che le condizioni erano nettamente migliorate …. così ho subito telefonato al negozio Maresca Sport per avvisare che sarei passato a prendere le bombole cariche prima della chiusura alle 13, contestualmente ho messo le batterie in carica ed ho sostituito l’oblò e l’obiettivo sulla Nikon D800e, posando il Micro Nikkor 60 mm e montando il Microdome Isotta con il Sigma 15 mm.  

L’aria è fredda, circa 9°C ma il mare è calmo e limpido a Marina Grande di Sorrento. Scendendo con l’auto ho controllato che non ci fossero cartelli di avviso chiusura della strada … l’esperienza passata è stata terrificante. Mi vesto sulla banchina e mi trattengo a scambiare due parole con il mio amico Raffaele O’ Messicano e poi con Michele La Capra, chiudo l’auto e mi tuffo dalla scala. Stasera ho deciso di provare in acqua i nuovi bracci galleggianti di Federico Amodeo di Flex-Arm, realizzati in carbonio e quindi leggeri a terra ed in acqua. Scendo sul pendio cercando di allontanarmi dal pontile per evitare di disturbare i pescatori che sono su di esso. Effettuo un giro profondo per bypassarli e raggiungere il lato sommerso dove c’è l’inizio della condotta fognaria che esce verso il largo. Dopo svariati minuti a -30 metri incontro un gronco che, dopo essere stato sorpreso in giro sul fondo, inizia a scappare portandomi dritto dritto verso un … Pesce San Pietro. Ho necessità di una quota più bassa per fotografarlo con calma e quindi provo a “spingerlo” verso l’alto illuminandolo con la potente torcia Archon montata sulla fotocamera. Risaliamo per svariati metri fin quando mi fermo erroneamente per fotografare una carriola abbandonata sul fondo insieme ad altri rifiuti …. regolo agevolmente la posizione dei flash con le manopole molto efficienti ed ergonomiche, il tempo di due scatti e del pinnuto non c’è più traccia! Ho commesso un grave errore di leggerezza, da farne tesoro … termino l’immersione in acqua bassa dove trovo alcuni esemplari di Ghiozzo Testone Gobius cobitis, un cavalluccio marino maschio e poi un gamberetto Pereclimenes sp. sulle foglie della Posidonia oceanica. Maledizione, non avrei dovuto smontare la lente macro! Scatto una foto-ricordo tra le foglie (non è possibile fare di meglio) e quasi immediatamente lo perdo di vista. Infine a pelo d’acqua sotto la banchina, una coppia di gamberi Palaemon serratus è oggetto delle mie attenzioni, ancora una volta il Micro Nikkor 60 mm sarebbe stato ideale per scattare delle foto con il riflesso sull’acqua. Inutile recriminare, l’importante è stato ricaricare il serbatoio d’azoto, la fotografia viene sempre dopo il piacere dell’immersione … sarà per la prossima volta. Rientro a casa senza problemi, almeno di domenica non sono previsti lavori notturni, me la sono cavata stasera!