Archivi categoria: Bagni Salvatore

Un mare di pesciolini … a Sorrento

E’ la prima domenica di Ottobre, il meteo ieri prometteva brutto tempo e si era programmata un’uscita familiare al centro commerciale per fare un poco di shopping … contrordine!

C’è il sole e io e mia moglie ce ne siamo andati a godere degli ultimi scampoli di sole e del mare bellissimo della nostra amata Sorrento. Per essere “leggero” ho portato con me solo la maschera e la GoPro Hero7Black, ipotizzando di fare un giro in apnea all’esterno delle scogliere.

Al mio arrivo sul posto, ai Bagni Salvatore, non è stato necessario uscire all’esterno! Mi sono tuffato subito dalla scaletta nel “mare” di pesci che era radunato nello specchio d’acqua. Poco dopo sono arrivate le figlie del mio amico Mario Gargiulo ed ho “approfittato” della loro presenza per scattare qualche immagine con i cefali che venivano a mangiare il pane raffermo dalle mani di Emilia e Camilla. 

E’ stato bellissimo e divertente, unico rammarico, quello di non aver portato con me la mia fidata Nauticam NA-D850 con il Superdome, con la quale avrei potuto realizzare degli scatti da poter utilizzare anche in qualche concorso.

Le Sirene di Sorrento

Scendo al mare dopo pranzo con mia moglie Mariolina, dopo aver trascorso la mattinata al computer a sistemare qualche foto scattata ieri. Oggi ho portato con me ai Bagni Salvatore di Sorrento la mia fotocamera Nauticam NA-D850 con il Sigma 15 mm ed il Superdome, oltre ad un’attrezzatura subacquea basic … maschera, snorkel e pinne lunghe da apnea. Non ho trovato i calzari in garage, ma proverò a farne a meno.

Appena arrivo, mostro il “mostro” che ingenera una gran curiosità tra i bagnanti, così sfido i miei increduli amici ad “entrare” nel mega-selfie. 

L’attrezzatura resta “parcheggiata” sotto il lettino fino alle 18 quando mi metto in moto … ho un appuntamento speciale … un incontro sognato da una vita e che sta per realizzarsi … ecco arrivare le Sirene di Sorrento! 

Niky e Marianna arrivano con leggero anticipo, le vado incontro via mare e le raggiungo nei pressi della Spiaggia San Francesco. Iniziano a prepararsi tra l’incredula gente presente sull’arenile, a fatica entrano in acqua, dove invece sono a  loro agio!

Trascorriamo un’ora in mare, ma sembrano passare solo pochi minuti. Il tempo vola e ben presto è ora di andare via. L’acqua è torbida e la sintonia tra noi tre deve ancora nascere appieno, ma ci siamo divertiti tantissimo e a mio avviso siamo andati alla grande per aver effettuato solo una prova. 

Ritorno alla palafitta da mia moglie alle 19, solo allora inizio a sentire il dolore alle dita dei piedi piene di bolle, ma sono felice come un bambino che ha appena ricevuto il regalo desiderato. E’ orario di chiusura dello stabilimento e a quest’ora la scaletta è stata già sollevata, devo tornare indietro per uscire dall’acqua dalla spiaggia.  Mi lancio sotto la doccia ormai fredda e vado via di corsa. 

Ho premura di tornare a casa perché devo cambiare l’attrezzatura fotografica, montare minidome, faretti e flash per andare a fare un’immersione notturna, ma a causa di un imprevisto, il tuffo viene abortito.  

Alle 20:30 mi metto comunque sullo scooter con direzione Marina della Lobra per accompagnare mia figlia Lidia che deve partecipare ad una festa di compleanno. Fortunatamente non ho necessità di riprenderla, essendomi già organizzato per farla rientrare con altri genitori, non avendo certezza dell’orario di rientro dall’immersione.

Non essendo andato in acqua stasera, ho il tempo di iniziare a sistemare qualche foto scattata alle sirene per mostrarle subito alle mie amiche, ma poi arriva il momento di preparare la fotocamera per doppio tuffo che effettuerò domani.

 

Spiaggia San Francesco in apnea

Stamane, dopo alcune inderogabili telefonate di lavoro, nonostante fossi in ferie, me ne sono andato di nuovo in acqua in apnea, per approfittare delle ottime condizioni meteomarine e godere del sole quasi estivo di questa Santa Pasqua.  Ho preso lo scooter, ho atteso che il sole raggiungesse lo specchio d’acqua alla Spiaggia San Francesco, dove mi sarei immerso tra i numerosi turisti che affollano la città in questo periodo, prima di entrare nell’acqua limpida e fredda di Sorrento. Questa volta ho optato per il Sigma 15 mm ed il Superdome, montato sulla mia Nauticam NA-D850, abbinato ai flash Inon Z240 montati su bracci galleggianti Frex-Arm, per scattare qualche immagine a pelo d’acqua. Il mio intento era anche quello di andare a fotografare il nuovo battello dal fondo trasparente, da poco entrato in servizio in questa zona, ma l’ho visto passare fuori alle scogliere mentre mi vestivo sul tavolato della spiaggia libera. In tale momento  mi sono reso conto di aver dimenticato i piombi che avevo lasciato in auto, sono comunque riuscito a farne a meno, ma la “navigazione” non avveniva con l’assetto ideale. La visibilità all’esterno delle scogliere non era così entusiasmante come invece all’interno, ma gradevole per realizzare alcune buone immagini ai lidi sorrentini. Sono arrivato fin sotto Villa Tritone e lì mi sono ricordato delle parole del mio maestro d’apnea Gianmarco Giordano : “attento ai gabbiani sotto costa!” ….. sono stato assalito da una femmina che ha picchiato più volte su di me ed mi ha “bombardato” con le sue feci, urlando ripetutamente per allontanarmi. A lei si sono aggiunti tutti i gabbiani della marina che volteggiavano sulla mia testa! Non mi sono lasciato intimorire ma non sono  riscito a fotografarlo  a dovere mentre mi veniva addosso. Rientro lentamente passando all’interno delle scogliere e qui passo a salutare i miei amici Antonino e Paolo che sono intenti a sistemare le ultime cose sullo stabilimento, pronti ad iniziare da domani la stagione balneare 2019 ai Bagni Salvatore. Approfitto anche per recuperare un relitto di un barchino in vetroresina, finito in mare a seguito della mareggiata e me ne torno lentamente a terra, leggermente affaticato per lo sforzo. Rientro a casa per le 13:30  dove mi attende la famiglia per il pranzo, soddisfatto mi siedo a tavola …. felice ed affamatissimo. 

Marevivo – Pulizia dei Fondali

Approfittando delle buone condizioni meteorologiche della mattina sono andato in acqua (eccezionalmente senza fotocamera) con i miei soci della delegazione Marevivo di Sorrento e Penisola Sorrentina a pulire i fondali antistanti gli stabilimenti balneari cittadini. Oltre a mio padre Enrico,  sono intervenuti i miei amici dell’associazione  Cousteau, il gruppo subacqueo S.Erasmo di Napoli ed il mio amico e socio del Poseidon Team A.S.D. Gianmarco Giordano, istruttore Apnea Academy. Alle 9 siamo scesi in acqua e per oltre 120 minuti siamo stati impegnati a raccogliere il materiale “estraneo” depositato sul fondo marino. Da un tubo di gomma che ho riportato a terra è poi venuta fuori una piccola polpessa che, dopo le foto di rito, è stata prontamente riportata in mare.

Al termine della mattinata, dopo un violento temporale, sono andato ad una riunione del Poseidon Team, preliminare all’organizzazione del 38 Campionato Italiano di Safari Fotosub 2018 che si svolgerà a Sorrento/Massa Lubrense dal 9 al 14 ottobre.

 

Pulizia dei Fondali a Sorrento

Quest’oggi giornata dedicata a ripulire il mare della mia Sorrento. Presso la spiaggia di San Francesco a Sorrento, sono sceso in campo insieme ai miei soci del Poseidon Team A.S.D per effettuare la pulizia dei fondali in collaborazione con Luigi Di Prisco e l’Area Marina Protetta Punta Campanella che ha messo a disposizione il battello spazzamare.
Appuntamento ore 8:00 in piazza Tasso per la colazione al bar, poi tutti in spiaggia attrezzati con retini e ceste per effettuare le operazioni di “bonifica” dello specchio d’acqua interno ed esterno alle scogliere degli stabilimenti balneari di Sorrento. Mentre tutti i sub in apnea si manterranno all’interno per motivi di sicurezza, io e Francesco De Rosa dell’Associazione Jacques Cousteau, siamo usciti all’esterno con le bombole per recuperare materiale a maggiore profondità. Nonostante la fotocamera tra le mani, ho raccolto svariate bottiglie e lattine, ma anche ceneriere, bicchieri ed asciugamani che ho passato a Francesco che non aveva più dove metterle. 
Al termine di un paio di ore di “pesca” rientriamo tutti a terra dove ci fermiamo soddisfatti a gustare una bibita fresca al bar. 
Tanti i rifiuti raccolti,  un segno tangibile della presenza della società civile a favore della salvaguardia dell’ecosistema marino.

Monica Priore

Oggi mi sono dedicato a fare assistenza e qualche foto alla traversata a nuoto dell’atleta diabetica Monica Priore. Il Dott. Luciano Improta, medico diabetologo della A.S.L. NA3SUD in collaborazione con la F.A.N.D., la Croce Rossa Italiana e la Lega Navale di Sorrento, ha organizzato una manifestazione dimostrativa invitando l’atleta Monica Priore a nuotare nelle acque della penisola sorrentina per valorizzare l’attività sportiva nei pazienti diabetici. Ci siamo quindi mossi dal porto di Sorrento con le imbarcazioni d’appoggio e raggiunto la “Solara” al largo della quale Monica e altri atleti dello Swimming Sorrento si sono tuffati in acqua, scortati dalle canoe della Lega Navale e sotto la sorveglianza della Guardia Costiera.

La traversata è stata veloce a tal punto che io, con le pinne, riuscivo a stento a seguire il veloce gruppo di nuotatori con la pesante fotocamera tra le mani. Così, approfittando di qualche passaggio sul gommone, li ho intercettati più volte per riuscire a fotografarli nella loro impresa che si è conclusa con l’approdo a Sorrento presso lo stabilimento balneare Bagni Salvatore. Qui Monica è stata accolta da una gran folla che attendeva ansiosa il rientro degli atleti.

Spiaggia San Francesco con Poseidon Team A.S.D.

Ogni tanto si prova a rinnovare momenti del passato, per riassaporarne le piacevoli sensazioni. Complici i miei amici del Poseidon Team A.S.D., oggi sono tornato in acqua a “caccia” di pesci con la mia fotocamera, come ai bei tempi andati.

Di primo mattino mi raggiunge Gabriella, passiamo al garage cambiamo auto, poi preleviamo il presidente Antonio ed infine mio fratello Arturo. Raggiungiamo il porto di Sorrento per andare alla Spiaggia San Francesco per visionare il campo gara della prossima gara selettiva di safari fotografico subacqueo che organizzeremo l’1 novembre.

Ci tuffiamo dalla spiaggia mentre sopraggiunge con il suo gommone direttamente da Baia, un nostro nuovo associato, Giancarlo Crimaldi, Campione Italiano 2014 della categoria Apnea Compatte. L’acqua all’interno delle scogliere è torbida, mentre migliora all’esterno. Trascorriamo oltre 180′ in acqua fermandoci ogni tanto per scambiare qualche considerazione. Gabriella mi segue passo passo, cercando di catturare tutti i segreti dell’agguato e della ricerca. Le mostro anche un bel cavalluccio marino, nascosto tra le foglie di posidonia, poi una spigola ed un carangide che si sono aggregati ad un branco di salpe. Risaliamo sulla spiaggia tra i turisti stranieri che nel frattempo sono scesi a fare il bagno a Sorrento in tempo per tornare a pranzare a casa con la famiglia.

Bagni Salvatore

Primo giorno di ferie … al mare con le mie figlie e … l’Isotta D800! Oggi ho in programma di provare il nuovo oblò Isotecnic per il 105 mm Nikkor su cui ho montato direttamente la lente Subsee +10. Non ho portato con me nemmeno le pinne, poiché intendo fotografare le bavose sugli scogli affioranti dello stabilimento balneare; ho però montato due flash YSD1.

Tra un tuffo e l’altro delle mie figlie, mi immergo tra la folla di bagnanti incuriositi dalla voluminosa attrezzatura fotografica, mettendomi in cerca di peperoncini, bavose sfinge e qualche gamberetto. Anche nel pomeriggio ritorno in acqua, ma la visibilità pomeridiana e la bassa marea mi rendono le operazioni più complesse, costretto a scattare anche parzialmente fuori dall’acqua.

Bagni Salvatore

Il meteo ha fatto i capricci per tutta la settimana, bloccandomi anche sabato quando avevo programmato un tuffo con la family alla grotta di  Mitigliano. Stamattina allora, complice qualche ora di sole fuoriuscita miracolosamente alle nuvole distese lungo tutta la Penisola Sorrentina, sono sceso con le mie donne e nipoti in spiaggia,  portando con me solo la maschera e la mia Isotta D800 per provare il nuovo minidome  per il 10.5 mm.

Approfitto dell’acqua abbastanza pulita del primo mattino per fare qualche scatto in luce ambiente, ma senza le pinne le operazioni risultano alquanto complesse … decido allora di dedicarmi a qualche “follia fotografica” da astinenza da azoto!

Bagni Salvatore

Dopo la notte trascorsa ad ammirare Inghilterra-Italia 1-2 al mondiale brasiliano, la sveglia stamattina non suona … solo dopo le 13:00 scendiamo al mare giù da “Salvatore”. Sistemo l’attrezzatura fotografica e, dopo aver mangiato un panino con Lidia e Lorenza, mi tuffo per effettuare qualche prova con il Nikon 50mm f:1.8 montato al rovescio sulla mia Nikon D800E. Ho portato con me anche i due flash Sea & Sea YS D1  e due faretti Gralmarine montati in parallelo ai flash.

L’acqua è abbastanza limpida, inizio a cercare qualche soggetto statico da fotografare per familiarizzare con la tecnica. Un paguro fa al mio caso, così come una piccola stella. Dopo aver preso dimestichezza, ritorno sul tavolato dello stabilimento balneare per aprire lo scafandro e cambiare alcune regolazioni dell’obiettivo. Ritorno subito in acqua ed inizio a dedicarmi a qualche pesciolino: peperoncini e bavose.

Trascorro oltre 90′ in acqua fin quando, preso dal freddo, privo di muta, decido di andare a prendere un po di sole. Puntualmente, dopo pochi minuti, inizia a piovere! Non resta che asciugarsi rapidamente e rientrare a casa dopo una mitica “graffa” consumata al bar dello stabilimento.