Archivi tag: Campionato Italiano Fotosub

Campionato Italiano FIPSAS Portoferraio 2019 – Individuale

Oggi iniziamo alle 10 per attendere il caricamento delle immagini consegnate ieri sera dai concorrenti sul nostro computer. Nell’attesa d’iniziare, Giuseppe e Franco si sfidano scattando qualche foto agli uccelli … ad armi impari!

I lavori cominciano prima con le categorie “macro” e “pesce”, e proseguono ininterrottamente fino alle 14 quando effettuiamo una pausa essendoci bloccati su una decisione da prendere … Approfittiamo dell’intervallo per pranzare e liberare la mente in modo da decidere tra le due foto in lizza per la prima posizione.

Riprendiamo le votazioni alle 15 quando ci viene portato anche il caffè. Due giurati votano per la murena con il gambero pulitore, altri due votano per il barracuda … sono l’ultimo a votare e la decisione è cruciale …. alla fine esprimo la mia preferenza per quest’ultima foto e la stessa cosa accadrà qualche ora più tardi con la categoria grandangolo nella quale sono chiamato a prendere la decisione finale. Terminiamo alle 1730 e subito dopo me ne vado a passeggio con Franco e Stefano che vanno a fotografare gli uccelli acquatici. Vediamo alcuni cormorani, una coppia di aironi cenerini, tantissimi germani, mentre non riusciamo a vedere il martin pescatore nonostante il suo canto sia chiaramente distinguibile.

Terminiamo il giro alle 1930, ritorniamo in camera e andiamo a cena. Siamo finalmente tutti allo stesso tavolo, compreso Francesco Sesso e Alessandra Pagliaro, reduci dal campionato mondiale di Tenerife così come Guglielmo Cicerchia che arriva in sala accolto da un’ovazione per la conquista di una medaglia d’oro al mondiale di fotosub. Al termine andiamo nella sala conferenze per assistere alla proiezone di Franco Banfi su cetacei e altri “Big Animals” che fotografa nei suoi viaggi intorno al mondo. Al termine approfitto per consegnare qualche altro libro e per salutare tutti i partecipanti. 

L’indomani parto infatti molto presto dall’hotel, insieme a Franco e Filippo per prendere la prima nave per Piombino. A causa di un guasto tecnico alla nave siamo costretti ad attendere le 9 per imbarcare, nell’attesa ce ne siamo andati a fare la colazione in un bar del porto. Ci salutiamo quando siamo nelle auto prima di sbarcare, io effettuo una tappa di un’ora a Cerveteri per lasciare una copia per i miei amici David e Cristina, ma anche una per i mitici “botoli” Anna e Settimio Cipriani. Mentre sono in viaggio mi arrivano le classifiche tramite whatsapp e solo allora conosco i nomi dei vincitori. Arrivo a casa abbastanza stanco per il traffico sul GRA e sulla strada statale sorrentina ma molto soddisfatto del lavoro svolto, contento per aver incontrato tanti vecchi amici fotosub ed averne conosciuto altrettanti che in questi anni di mia assenza dalle competizioni, si sono affacciati nel mondo delle gare Fipsas.

Campionato Italiano FIPSAS 2019 Portoferraio – Società

Oggi sveglia forzata alle ore 6, Domenico ha da presenziare alla partenza dell’ultima giornata di gara del campionato individuale, essendo lui il giudice designato. Resto ancora un po’ nel letto ma poi mi alzo per andare a fare colazione alle 7:30. Ritorno in camera ed aspetto che si faccia ora per incominciare a giudicare le immagini del campionato per Società.

Prendo alcune copie del libro “I Colori delle Sirene” per autografarle e consegnarle ai miei compagni di viaggio, prima di procedere alle operazioni di voto.

Siamo in “conclave” dalle 9 alle 13, fin quando, dopo aver completato i primi due temi (macro e grandangolo), ci fermiamo per pranzare in terrazza, con Mario che ci offre il vino imbottigliato apposta per lui!

Riprendiamo i lavori alle 14 e procediamo senza sosta né caffè per completare i restanti due temi (pesce e “il mio mare”) fino a concludere le operazioni per le 16:30, quando finalmente ci concediamo uno stop. Andiamo finalmente a goderci un poco di relax al bar, prima di radunarci per la cena … ipocalorica. 

Campionato Italiano FIPSAS 2019 Portoferraio – Compatte

La sveglia suona alle ore 5, mi metto in viaggio per l’Isola d’Elba ma dopo 1 h si accende la spia dell’olio che mi costringe ad una sosta anticipata per il rabocco. Mi rimetto in viaggio e dopo tre ore effettuo la sosta programmata per caffè e toilette, quando sono prossimo all’arrivo una deviazione stradale a Grosseto per lavori mi fa perdere molto tempo girovagando per la città, facendo impazzire il navigatore satellitare.  Arrivo finalmente a Piombino alle 11:45 e la signorina alla biglietteria mi dice che ho perso la nave per 5 minuti.  Le chiedo info per mangiare qualcosa e gentilmente mi suggerisce di tornare in città. Così mangio un panino in centro e mentre aspetto per imbarcare l’auto sul traghetto, mi dedico ad assolvere alcune incombenze lavorative, a seguito delle numerose chiamate ricevute mentre ero alla guida.
Finalmente sono sulla nave che parte puntuale alle ore 13, posso concedermi così un poco di relax. Appena sbarco con l’auto raggiungo subito l’hotel Airone dove ci sono tutti i giurati che mi attendono per iniziare. Ho solo il tempo di salutare tutti i componenti (Giuseppe Pignataro, Filippo Borghi, Franco Banfi e Stefano Gradi) & dirigenti federali (Michele Davino e Mario Genovesi) e subito siamo a votare le foto del campionato fotocamere compatte. I lavori procedono spediti e senza nessuna pausa, abbiamo un tassativo orario di pubblicazione delle classifiche alle 19,  riusciamo a terminare per le 18, in modo da consentire agli organizzatori anche di preparare le classifiche e la proiezione delle immagini dei concorrenti.
Solo a questo punto posso andare alla reception per recuperare le chiavi della mia camera, ma devo attendere a lungo perché entrambe le chiavi sono in possesso del mio compagno di stanza Domenico Iannaccone. Raggiungo la sala proiezioni dove vengono pubblicate le classifiche. Finalmente ce andiamo tutti a cena, la sala è affollata e fatichiamo a trovare un tavolo per noi. Mi siedo con Franco Banfi e Filippo Borghi a scambiare commenti sulle foto davanti ad un bel bicchiere di vino, al termine della cena assistiamo alla proiezione delle foto dei concorrenti ed alla premiazione dei vincitori della categoria Compatte, con ai primi due posti due promettenti ragazze!

Giuria Campionato Italiano FIPSAS di Fotografia Subacquea Digitale

Ricevo all’improvviso una telefonata dal mio amico Mimmo Roscigno ad inizio ottobre, mi dice di contattare urgentemente Mario Genovesi della FIPSAS che ha provato a chiamarmi invano, non ricevendo risposta. Dopo verifica, mi accorgo che è stata contattata mia figlia Lidia che ha il mio vecchio numero di telefono, ma che è “addestrata” a non rispondere ai numeri non presenti nella sua rubrica telefonica. Immediatamente  chiamo Mario per conoscere il motivo della telefonata … che mi riempie di orgoglio. 
Con mia grande sorpresa sono stato invitato a comporre la giuria del prossimo Campionato Italiano Fipsas di Fotografia Subacquea Digitale all’Isola d’Elba, insieme a grandissimi nomi della fotosub, in sostituzione dell’amico Roscigno, momentaneamente impossibilitato a partecipare all’evento. 
Il preavviso è stato minimo e, prima di confermare, ho dovuto sentire il mio capo, che ringrazio,  per avere la sua approvazione, prima di prendere i giorni di ferie necessari.
Eccomi quindi pronto a partire per questa bella avventura!



 

2011-09-25 Capraia Scoglione e Civitata

… si comincia!!! Ore 6:30 siamo già svegli, colazione alle 7:00 dopo aver chiuso la custodia e inserito le batterie nei flash Inon Z240. Il primo campo gara è Lo Scoglione, non conosciamo il fondale ma dalle informazioni raccolte è pieno di pesce di passo di grandi dimensioni … barracuda, ricciole, saraghi e tanute. Ho montato il 105 micro per qualche scatto in primo piano … speriamo di fare un buon lavoro e portare già a casa qualche immagine da presentare alla giuria!

Anche oggi il tempo è ottimo, ci prepariamo e saliamo sulle barche assegnate dopo aver montato la memory card formattata consegnata pochi minuti prima dai giudici di gara agli atleti. In barca il clima è allegro, con me ci sono gli amici Claudio, Stefano, Michele, Vito, Gabriele, Roberto, Elio con i rispettivi modelli. Tutti hanno fatto la mia stessa scelta … e questo è un buon segnale!

Ci tuffiamo in acqua attendendo lo start della gara, due ore a disposizione … tutti si dirigono verso il largo sulla punta in cerca dei barracuda … io scelgo di aggirare lo scoglio dal lato terrestre e di sorvolare la prateria di posidonia in cerca di un tordo codanera intento alla pulizia di qualche pesce. Immediatamente osservo un branco di corvine sorvolare le foglie, mi avvicino e realizzo uno scatto buono, proseguo e vedo una scena mai osservata prima … una triglia che si lascia pulire dal tordo! Subito mi avvicino e scatto una raffica di foto, prima del momento in cui il tordo si allontana. Lo scatto sembra ok, vediamo stasera al pc! Proseguo mentre Arturo richiama la mia attenzione su una flabellina. Sono a circa -19 metri e non mi accorgo di consumare aria inutilmente in profondità. Quando me ne accorgo risalgo fino a circa -6 m ma il manometro mi segna già solo 100 bar! A questo punto decido di restare a bassa quota per risparmiare aria, è passata solo una mezzora! Con calma mi rimetto in cerca, trovo una bavosina con il parassita, un piccolo polpo ed una nuova flabellina. Al termine delle due ore risalgo in barca abbastanza soddisfatto. Rientriamo in porto e scarichiamo dalle macchine le memory card per riconsegnarle ai giudici. Mangiamo un gelato ed attendiamo le 14:00 per la seconda uscita in mare dopo aver sostituito l’obiettivo per fare le foto ambiente. Adesso andremo alla Civitata, proveremo a raggiungere per primi la graotta triangolare individuata da Arturo, l’orario pomeridiano dovrebbe essere ok per illuminarla a dovere!

Alle 14.30 viene dato il nuovo avvio alla competizione, mi sono tuffato per primo e mi sono incamminato in superficie in direzione dell punto desiderato Arturo è ancora in barca ma avevamo deciso così, lui mi raggiungerà dopo poco consentendomi di scattare qualche immagine senza modello. -5 -4 -3 -2 -1 VIA! Mi immergo e nuoto come un fulmine verso la grotta, la raggiungo per primo e mi posiziono per i primi scatti, la luce è ottima, adesso attendo pazientemente Arturo che dopo poco appare nella finestra illuminata dalla luce pomeridiana! Si posiziona lungo la diagonale del fotogramma e scatto le prime immagini, poi lo faccio “volteggiare” in avanti e indietro attendendo l’attimo migliore per scattare. Soddisfatto ci allontaniamo in cerca della tettoia che avevamo osservato ma la troviamo occupata! Poco male, troviamo altri posti interessanti ma nessuno bello come quello appena lasciato. Al termine della prima ora ci raduniamo all’ombra di un grosso masso e cominciamo a cancellare le foto superflue, ne ho scattate 140 e ne dobbiamo consegnare solo 70! L’operazione è complessa ma alla fine siamo soddisfatti del risultato. In camera visioniamo le foto dopo una rigenerante doccia ed andiamo a cena, pronti per la giornata di domani. I campi gara saranno invertiti, quindi si comincia dalla Civitata e poi si torna allo Scoglione.

2011-09-24 Capraia Scoglio della Fica e La Civitata

Dopo il lungo viaggio di avvicinamento a Capraia iniziato ieri mattina alle 5:00, stamattina finalmente io e Arturo siamo pronti per andare in acqua a visionare i campi gara e fare qualche prova in vista del Campionato Italiano Fotosub Fipsas 2011 che si svolgerà domani e dopodomani nelle acque cristalline dell’isola toscana. Sveglia alle 7.00, piccola colazione e giù al Capraia Diving dove ci attendono Paolo e Gianluca per una doppia uscita in mare. I campi definitivi di gara sono segreti, per cui ci facciamo guidare da loro … il tempo è splendido, il mare calmo come l’olio consente di visualizzare sull’acqua i mille colori dell’isola. La barca è molto confortevole e la navigazione veloce. Raggiungiamo il primo punto d’immersione presso la Punta della Fica. L’acqua è cristallina come poche volte ho visto in vita mia! Uno spettacolo! Ho montato il 10,5 mm Nikon per fare qualche prova con il grandangolo con Arturo come modello, non abbiamo mai provato prima d’ora, mio fratello è teso per la responsabilità … lo tranquillizzo, gli spiego qualche movimento e concordiamo dei segnali … poi ci tuffiamo. Il fondale è ricco di posidonia, le pareti vulvaniche dell’isola degradano verso di essa formando mille anfratti, ci fermiamo subito a fotografare in uno di essi, poi piano piano ci spostiamo cercando di memorizzare la loro posizione in mare. Arturo esegue alla perfezione le “manovre” concordate, come se fosse da sempre il mio modello! Molto bene, proseguiamo con gli scatti e dopo un’ora risaliamo soddisfatti del lavoro svolto.

Rientriamo in porto e dopo circa un’ora d’intervallo siamo pronti nuovamente per uscire a fare qualche fotografia macro. Ho montato infatti il Nikkor 105 Micro sulla mia D7000 in custodia Isotta, aggiungendo qualche galleggiante all’oblò in modo da equilibrarlo maggiormente sott’acqua. La seconda immersione è alla Punta della Civitata, il fondale è simile e ricco di pesce di passo.  Mi metto in cerca di qualche soggetto da immortalare per realizzare la foto biologica, trovo uno sciarrano che si lascia pulire dal tordo codanera ed alcune bavose parassitate dala pulce Anilocra mediterranea.  Ottimo, bisognerà tenerne conto per la giornata di domani …. Scatto anche alcune immagini a flabelline e parazoanthus, oltre che alcune ai pesci, mentre Arturo perlustra la zona in cerca di organismi e scorci da interessanti. Ad un certo punto mi chiama, mi segnala di seguirlo portandomi verso una bella grotta triangolare illuminata dai raggi del sole pomeridiano. Ottimo, peccato non poter fare qualche foto di prova, ma il posto merita davvero di essere “conquistato” durante la gara … Poco più in là una tettoia rocciosa a circa -1,5 mt di profondità, anche questa è ottima per realizzare una foto ambiente di qualità!

Rientriamo al porto e poi in camera dove in serata ci attende il briefing tecnico con tutti e 32 concorrenti del campionato individuale reflex. Ci sono tanti ex campioni in gara, sarà davvero dura! Ma noi siamo qui per divertirci e quindi … massima tranquillità, non siamo certo i favoriti!

Visioniamo al pc le foto del giorno e siamo abbastanza soddisfatti del risultato, bisognerà fare ancora meglio domani … ma adesso è ora di scendere nella hall dell’hotel La Mandola per il briefing. Esilarante il finale sorteggio delle imbarcazioni, domani saremo in 14 concorrenti e modelli sulla barca, ovviamente i campi gara sono … diversi da quelli visionati!