Archivi tag: Francesco Sesso

Marina Grande con Mauro e Ciccio

L’organizzazione di una gara fotografica richiede una grande preparazione logistica e bisogna mettersi in moto con largo anticipo. Con lo stesso anticipo sapevo anche che il mio amico Mauro Apuleo, sfruttando l’occasione, sarebbe venuto a fare immersione notturna con me alla Marina Grande di Sorrento. Quando abbiamo fissato il nostro appuntamento non sapevo dell’anticipo al venerdì della partita Lazio-Juventus …. ma partendo presto saremmo potuti rientrare per tempo per vederla. Mauro e Pat arrivano in largo anticipo a Sorrento, nonostante l’intenso traffico di questi giorni pre-natalizi. Poiché stasera ci sarà anche Francesco “Ciccio” Sesso, desideroso di venire anche lui in acqua, decidiamo di posticipare l’immersione per aspettare il suo arrivo per le ore 20:00. Quando finalmente Ciccio e Alessandra arrivano sotto casa  ripartiamo immediatamente alla volta del garage a prendere zavorra e bombole, per andare a Marina Grande dove di attende Mauro. La serata è fredda ma bellissima, con mare calmo come l’olio. Ci vestiamo e scendiamo per le scalette che portano alla spiaggia, dopo poco siamo sulla punta del molo e ci immergiamo, mentre le ragazze gustano un aperitivo ed prenotano un tavolo per cena da Zì ‘Ntonio Mare.

L’acqua è limpida e la serata sembra subito proficua. Una mazzancolla esegue delle strane evoluzioni, poco più avanti ne troviamo un’altra, questa volta adagiata sul fondo pronta a nascondersi. Ovviamente per dovere di ospitalità scatto solo un paio di foto prima di lasciarle “in pasto” dei due miei agguerriti amici. Mentre i loro flash illuminano la notte, mi metto in cerca di qualcos’altro. Raggiungo quindi la barca affondata dove ritrovo l’Alicia mirabilis,  segnalo a Mauro l’attinia senza nemmeno avvicinarmi, passo avanti. Incontro solo qualche pesce lucertola ed una piccolissima tracina, l’immersione sembra non essere particolarmente ricca …. finalmente, quando abbiamo appena iniziato a ritornare perso terra, sulla sabbia vedo una bavosa occhiuta! Mi allontano subito per mostrargliela, i due fotosub si “sfidano” a colpi di flash mentre la bavosa staziona immobile sul fondo. Li osservo per un po’ a distanza, poi mi allontano e quasi subito trovo il primo di due pesci serpente. Accendo la luce rossa per non disturbarlo e mi avvicino, inizio a scattare, poi vado di nuovo a chiamarli mentre sono ancora intenti a scattare. Mauro mi segue per primo, poi anche Ciccio mi raggiunge sul secondo esemplare. Mentre loro sono impegnati sui nuovi soggetti, approfitto per tornare alla bavosa per scattare anche io qualche foto.

Siamo al termine dell’immersione, sui massoni della scogliera trovo un enorme granchio facchino, talmente vecchio da essere incrostato dai “denti di cane”. Non mi accorgo che i miei compagni mi hanno superato per fare rientro alla spiaggia, quindi mi fermo e ritorno indietro a cercarli. Spengo la torcia ma, non vedendo le loro luci, comincio ad allarmarmi, eppure li avevo lasciati a pochissima distanza da me. Salgo in superficie per provare ad avvistare il bagliore delle lampade ma nulla! Decido di tornare a terra per togliermi la bombola che mi impedisce nel nuoto per poi tornare a cercarli dalla superficie …. solo quando salgo le scalette mi accorgo che i miei due amici sono già in fase di svestizione …. scatta così una inevitabile imprecazione!

Sistemiamo il tutto nelle auto e raggiungiamo le ragazze che nel frattempo hanno provveduto ad ordinare qualcosa di caldo da mangiare. Soddisfatti dell’immersione chiacchieriamo fino a tarda ora,  la serata termina così dopo aver gustato un superlativo spaghetto ai frutti di mare, cucinato magistralmente dal mio amico chef Salvatore.

2013-10-26 Baia di Puolo – Immersione Notturna

Il w.e. è finalmente ricco di sorprese … riesco infatti a sganciarmi dagli impegni familiari così da poter partecipare all’immersione notturna di questa sera a Baia di Puolo. Evvai! Non vedo l’ora di raggiungere i miei amici per andare a scoprire cosa ci riserva di bello il nostro magnifico Mar Mediterraneo!

Dopo aver ricaricato le batterie dei flash, mi dirigo verso Massa Lubrense per raggiungere il Punta Campanella Diving Center per le ore 19:00. Il gruppo di fotografi è già in fermento ed io rapidamente prendo possesso della mia muta stagna e di tutto il corredo subacqueo, lasciato frettolosamente in mattinata. Dopo poco siamo pronti per uscire in gommone, direzione Baia di Puolo, dove ci immergeremo. La serata è magnifica come lo è stata la mattinata, con un mare calmo e la temperatura esterna molto gradevole. Mi tuffo per ultimo, in modo da far sfollare l’imbarcazione, piena di bombole e fotocamere. Seguo per qualche minuto le luci di Edo & Mimmo che sono già a grande profondità, il gruppone li segue sollevando un enorme polverone … decido subito di separarmi da loro, non essendo equipaggiato come loro di una bombola “stage” per la decompressine in Nitrox. La serata non sembra promettere sorprese, stelle, triglie, sogliole, poi finalmente una mazzancolla insabbiata, e poco distante una grossa seppia. Decido di dedicare la mia attenzione alla mazzancolla …. ma dopo poco la perdo nel fango che ho sollevato! Vado allora indietro in cerca della seppia, ovviamente non la trovo … sono a -35 m ed il mio Mares Icon HD segnala un minuto di decompressione. Inizio quindi la risalita e magicamente appare alla mia vista una magnifica razza adagiata sul fondo. Mi avvicino con il cuore in gola, inizio a scattare avvicinandomi frontalmente. L’animale dopo poco inizia a spostarsi, muovendosi verso il largo, poi si solleva dal fondo. Mi lancio al suo inseguimento per un po’,  scattando al volo con il 10.5 mm nikon. E troppo veloce per me e si dirige in profondità, non resta che salutarla e dedicarsi alla ricerca di qualcos’altro. Guadagno la parete rocciosa ed inizio la risalita e la decompressione, ritornando verso la spiaggia ed il basso fondale in cerca di qualche pesce addormentato. E’ qui che il cuore mi ritorna in gola e mi scappa qualche lacrima … una lapide commemorativa della quale non ero a conoscenza è adagiata sul fondo, in ricordo dell’esperto ed amico subacqueo Mario Striano, scomparso lo scorso anno. L’immersione è finita, risalgo sul gommone per primo, mentre il gruppone è impegnato in una lunghissima decompressione dall’altro lato della baia. Manca all’appello solo Ciccio che riemerge in ritardo facendoci preoccupare un pochino. Tornati a terra saluto affettuosamente gli amici romani e calabresi augurandomi di ritrovarli al più presto ancora qui in Penisola Sorrentina.

2013-10-26 Scoglio Proteso

Stamane sveglia comoda, l’appuntamento al Diving Punta Campanella è previsto alle 9:30, ma c’è da attendere anche l’amico Mauro Apuleo in arrivo da Roma … ho una certa urgenza per impegni familiari per cui sono in continua tensione per la partenza del gommone alla volta della Punta Campanella. Oggi farò coppia con Rosy che si concederà come modella ed andremo allo Scoglio Proteso mentre il gruppo dei fotografi è diretto verso l’itinerario classico che comprende le gorgonie rosse e quelle gialle. Finalmente alle 11:00 siamo in navigazione verso la meta. La giornata è splendida con un sole caldissimo, quasi estivo ed il mare calmo. Ci tuffiamo dopo le foto di rito in gommone, raggiungiamo immediatamente lo scoglio sotto il quale mi infilo ed attendo l’arrivo di Rosy dall’altro lato dello stesso. Scatto qualche foto ma con Rosy non posizionata come vorrei … non ci siamo coordinati prima e quindi è ovvio che si ottenga questo risultato …. Proseguiamo l’immersione effettuando il giro dello scoglio proteso nel blu ammirando le castagnole rosse e gli Apogon che vi dimorano per poi risalire sul pianoro e dirigerci verso il gruppo di fotosub che è andato dall’altro lato della caletta, proprio sotto il faro. Sono tra i primi a salire a bordo e sono in fremente attesa di tutti i componenti del gruppo. Finalmente ripartiamo per tornare in porto, sono le 13:00 ed io avevo assicurato la mia presenza a casa per le 13:30. Appena sbarcato sul pontile, mi svesto all’istante, lasciando tutta l’attrezzatura in gestione ai miei amici con la speranza di uscire di nuovo domani. Porto con me solo la fotocamera per l’ordinaria manutenzione post immersione ed arrivo a casa giusto in tempo!