Archivi tag: INON

Immersione Notturna con Gabriella

Un vento improvviso proveniente da Nord sembra mandare all’aria il programma della serata. Il mare comincia ad agitarsi e le condizioni appaiono in peggioramento rispetto alla mattinata che è stata splendida. Il cielo è stellato e la luna ancora coperta dalla montagna, non ancora visibile. Un cenno d’intesa con Gabriella ed iniziamo la vestizione senza perder tempo, per entrare in acqua il prima possibile. 

L’acqua a riva è biancastra, fortunatamente migliora in profondità. Sulla sabbia poco o nulla, solo un calamaro si palesa davanti all’oblò di Gabriella, decido quindi di cambiare direzione rivolgendomi verso la parete rocciosa. Qui la situazione sembra migliorare, due piccoli capponi sono adagiati sulla sabbia, poco oltre una grossa murena è in caccia fuori tana. Mentre sto per fotografarla Gabriella mi passa davanti improvvisamente, solo un attimo dopo mi accorgo che un bel pesce San Pietro era un metro davanti a me! Aggiro l’ostacolo e mi posiziono dall’altro lato, attendo un attimo Gabriella che indugia ancora, sopraffatta dalla bellezza dell’incontro, mi avvicino al grosso pesce che inizia a spostarsi verso il largo prima di inabissarsi. Proseguiamo e iniziamo il rientro in parete. Qui regnano i crostacei, gamberi e granchi a gogo, una piccola aragosta ed infine una “orgia” di cicale che non mi capitava di osservare da oltre un ventennio. In acqua bassa poi un enorme paguro addobbato con tante attinie, passeggia sulle dune di ghiaia che si sono formate nei giorni scorsi con l’intenso moto ondoso. Non resta che risalire per rientrare in spiaggia. Saluto la mia amica, scusandomi per averla “scalzata” dal posto in prima fila con il Santo, augurandole un buon rientro a casa e concordando il prossimo tuffo insieme.

Baia di Puolo con Linda

“La vita cambia in un attimo … e porta via le persone a te più care”.  Dopo giorni trascorsi con la mia famiglia nel più totale sconforto per l’improvvisa scomparsa dell’amata suocera Carmelina, stamattina finalmente mi sono ritagliato qualche ora di svago per alleviare il malumore. Grazie alla preziosa collaborazione dell’amica Linda Guarracino, stamane mi sono immerso alla Baia di Puolo di primo mattino. Alle 8:30 eravamo già pronti ad entrare in acqua dalla spiaggia quando, mentre indosso la maschera, si spezza la plastica che la tiene insieme! Mi ritrovo con il vetro tra le mani! Maledizione! Ho dimenticato nella borsa in garage la maschera di scorta! Fortuna ha voluto che, a quell’ora, era già presente qualche subacqueo del gruppo Pianeta Mare di Volla che mi ha gentilmente prestato una maschera!

Iniziamo la nostra passeggiata nell’acqua lattescente dovuta all’onda di risacca che residua dai giorni precedenti. Spostandoci verso la punta la visibilità migliora e ci mettiamo in cerca del nostro amico cavalluccio marino giallo. La speranza è anche quella di ritrovare la rana pescatrice per fotografarla ancora. Linda dopo poco mi segnala la presenza del timido pinnuto. Mentre lo fotografo, la invito a mettersi in cerca dell’altro nostro obiettivo per la giornata. Quando la raggiungo proseguiamo insieme la ricerca, questa volta infruttuosa.

Rientriamo dopo circa 60′ quando il gruppo di subacquei, capitanato dall’amica Luana, è pronto per immergersi. Restituiamo la maschera ai loro familiari che sono distesi al caldo sole primaverile e rientriamo a casa prestissimo, come promesso ai miei familiari.

08 agosto 2011 Sorrento Amaremare Apnea

Questo pomeriggio, ho portato con me al mare, la fotocamera con il 105 micro nikkor, per fare qualche ulteriore prova in apnea. Acqua pulita e calda, tanto da riuscire a resistere in acqua circa tre ore, divise dalla pausa caffè e … sole!

Tra le cose da segnalare, due belle orate avvicinatesi all’aspetto ed una coppia di cefali, probabilmente in accoppiamento, che si sono lasciati avvicinare all’inverosimile, prima di scappare via lontano.  Un’occhiata piena di uova con la bocca spalancata, una coppia di sciarrani in “guerra”  per difendere il territorio ed un bellissimo Gobius niger jozo  intento a cibarsi sul fondale sabbioso. Stanco ma felice, dopo la meritata cena, mi appresto a condividere con voi il lavoro odierno …