Marina Grande di Sorrento – Immersione Notturna

Le luci di Natale sono tutte accese da giorni, ma la temperatura odierna è praticamente estiva, con 20°C ad ora di pranzo. Il cielo a Napoli è sereno ed anche il mare a Sorrento è calmo grazie al vento di scirocco che soffia abbastanza forte. Passo a salutare un caro amico insieme ai colleghi con i quali mi incontro frequentemente durante le giornate lavorative e finalmente … quando la giornata  volge al termine, me ne vado a mare. 

Appena rientrato a casa infatti ho solo il tempo di sistemare le attrezzature e sono di nuovo fuori per andare al garage. Alle 19.30 sono in acqua a Sorrento, nel mio posto preferito. 

La visibilità è buona, ma per sicurezza ho montato l’obiettivo macro 60 mm. Stasera ho anche utilizzato i diffusori costruiti dal mio amico Giuseppe Pignataro sui flash Ikelite DS161 montati sui bracci galleggianti Nauticam. Subito incontro una seppia, poi raggiungo il relitto di una barchetta di vetroresina dove ci sono due gamberi vinai pronti a cibarsi della stella di cui si nutrono. Più avanti incontro una piccola torpedine sul fango, ma dopo poco svanisce nel polverone sollevato dalle pinne. A distanza di una decina di metri ne incontro una seconda, più grande della prima, che seguo per un tratto fino a lasciarla sfilare verso il fondo ad oltre 35 metri di profondità. La serata sembra essere finalmente proficua, dopo tante immersioni nelle quali ho visto poco o nulla. In prossimità del grande cavo posato sul fondo per portare l’energia elettrica a Capri c’è un piccolo polpo ed un paguro. Da lontano vedo gli occhi “luminosi” di una mazzancolla, mi avvicino ed incredibilmente si solleva ed inizia a nuotare eseguendo dei cerchi nella colonna d’acqua. Questa era una situazione ideale nella quale portare in acqua la GoPro per filmare la scena. Riesco a seguire i suoi movimenti ma non riesco a mettere a fuoco gli occhi quando mi arriva diritto nell’oblò, provo a scattare più volte mentre volteggia, le foto buone però sono solo quelle che riesco a scattare quando si allontana da me. La sua danza continua dirigendosi verso l’alto, la seguo per un poco poi la lascio andare perchè mi sta costringendo ad una risalita troppo rapida. Quando ritorno sul fondo osservo un animale che non vedevo da circa trent’anni! Arachnanthus oligopodus è un raro cerianto, fotografato per la prima volta al mondo da mio padre negli anni settanta. Un tempo a Marina Grande se ne vedevano diversi esemplari, poi via via sono spariti. Se ne segnala la presenza anche in Calabria, nello stretto di Messina, tra Scilla e Saline Joniche, dove fortunatamente non è introvabile come qui da noi. Lo ammiro per qualche istante, perdendo l’attimo propizio, ma sono emozionato per l’incontro. Sentivo di dover andare a mare quest’oggi e sono stato premiato. Le mie potenti lampade fanno richiudere rapidamente i tentacoli dell’animale notturno che dopo poco sparisce nel sedimento. Resto attonito ancora, poi proseguo. Stasera ci sono tante nasse in acqua, in una di esse è finito un latterino che prima entra dentro di essa e poi fortunatamente riesce ad uscire indenne. Incontro anche stasera la donzella addormentata nella nacchera e torno verso l’interno del porticciolo. Qui c’è ancora tantissima immondizia sul substrato sabbioso, sarà necessario un nuovo intervento di pulizia dei fondali questa estate. Incontro anche una seconda donzella addormentata, ma ormai sono troppo leggero essendo a fine immersione.

Esco dall’acqua alle 21:30 e, ancora vestito, telefono a mia moglie. Mi spoglio e ritorno a casa per la cena e per lavare tutta l’attrezzatura. Il vento che soffia da Sud è forte qui fuori al balcone dove stendo ad asciugare la muta, devo però assicurarla con un cordino per evitare che voli via durante la notte. Vado a dormire soddisfatto, con l’immagine dell’aracnanto che non va via dai miei occhi. Sono ipnotizzato, spero di riuscire a prender sonno!