Archivi tag: Superdome

Faraglioni di Capri con Punta Campanella Diving Center

L’autunno e’ ormai arrivato, ma le giornate sono ancora bellissime. In questi anni ho anche imparato ad essere selettivo nelle scelte … non potendo effettuare “tutte” le immersioni che ho nella mia mente e dovendo conciliare anche le esigenze familiari, sono indotto a scegliere i modi ed i tempi piu’ opportuni …. oggi infatti ho scartato l’ipotesi di andare in acqua al Vervece con gli amici dell’Associazione Jacques Cousteau per riuscire ad andare a Capri per la seconda immersione del giorno. Cosi’ sono arrivato al diving alle 11 dopo essermi svegliato con tutto comodo ed aver preparato fotocamera & flash in configurazione grandangolo. Oggi andiamo ai Faraglioni per ammirare le belle gorgonie rosse che si trovano lungo la parete verticale. Partiamo dal porto dopo aver atteso le operazioni di scarico del primo gruppo di sub. Siamo un gruppetto ma molto affiatato, ci sono infatti alcuni simpatici amici,  Lorenzo e Monica, Roberto ed ovviamente Lisa, Vittoria e Gianluigi con amici.  

Partiamo alle 12 e raggiungiamo velocemente Capri, grazie al mare calmo e poco frequentato, completiamo la vestizione e ci tuffiamo. Scelgo un percorso più breve per raggiungere le gorgonie rosse, al posto del consueto giro effettuato dai miei amici. L’acqua e’ limpidissima e lo spettacolo grandioso, con migliaia di castagnole rosse che volteggiano tra i rami di Paramuricea clavata. Trascorro svariati minuti a fotografare il loro movimento, cercando pero’ di disturbarli in meno possibile. Quando vedo arrivare il gruppo ho iniziato già’ la risalita e non riesco a fotografarli nei pressi delle gorgonie. Vado quindi verso il passaggio che si trova alla base dei Faraglioni a fotografare le rigogliose margherite di mare, incredibilmente scampate all’azione dei pescatori di frodo di datteri, probabilmente grazie all’intenso movimento nautico che lo attraversa di continuo. Alzo infatti la fotocamera verso l’alto e ne vedo sfrecciare una decina, fortunatamente sono sul fondo a circa 18 metri e non c’e’ grande pericolo. Ritorno sulla parete e me ne risalgo ad effettuare la decompressione inevitabile che mi attende. Confesso di aver particolarmente goduto dello spettacolo di quest’immersione, trascorrere qualche minuto nel basso fondale e’ piacevole ugualmente. 
Risalgo a bordo prima degli altri e li attendo, sono infreddoliti e lo saranno ancora di più’ durante la navigazione, ottima la scelta di usare la muta stagna nonostante il bellissimo sole settembrino. Una volta a terra mi svesto rapidamente, dopo aver fatto un tuffo ancora vestito nella vasca di risciacquo. Saluto e rientro a casa per il pranzo, affamato ancora di più’ del solito … faccio una rapida doccia, mangio e mi metto al computer a guardare le foto. Non posso completare il lavoro perché alle 17 inizia una conferenza sulla qualità delle nostre acque costiere, organizzata dal Rotary locale all’interno del Comune di Sorrento, a cui non ho intenzione di mancare! 

 

Torre Vado con Lorenza

Questa è l’ultima giornata utile per fare immersione in salento, domani si rientra a casa, per riprendere l’attività lavorativa. Come le altre mattine sveglio Lorenza dopo aver assemblato le due custodie Isotta e ci precipitiamo a fare la prima colazione appena apre il buffet, subito dopo siamo in auto con direzione Diving Service. Scarichiamo le ceste con le fotocamere, parcheggiamo l’auto con il pass gratuito messo a disposizione dal diving e ce ne andiamo a piedi al porto. Qui troviamo tutta la nostra “roba” a bordo e dobbiamo solo saltare sulla pedana per imbarcarci. Oggi il vento è calato e Marcello dovrebbe portarci in due punti nuovi d’immersione, Paseddhu e Punta Barracuda, nei pressi del faro di Leuca. Navighiamo per circa un’ora fino a raggiungere il punto d’immersione dove però è già ormeggiato un gommone di un altro diving. Ci ancoriamo a poca distanza per poi raggiungere sott’acqua il punto migliore. Marcello mi lascia di nuovo la possibilità di fotografare da solo con Lorenza, lui invece guiderà il folto gruppo seguendo noi. Scendiamo lungo la catena, avvertiamo una intensa corrente che contrasta il notro incedere. Raggiungiamo la balza sommersa a circa -30/35 metri che scende fino a -70 m ricoperta di gorgonie rosse e popolamenti coralligeni, pieno di castagnole rosse e boghe che si muovono sincrone intorno a noi. Lorenza è ancora con la sua D7200 ed il 40 mm ed inizia a fotografare un enorme vermocane adagiato su una paramuricea. Solo il tempo di uno scatto che le arriva dal basso una serie di bolle di un altro subacqueo che le rovina la scena, impedendole di “catturare” al meglio l’interessantissima situazione. Proseguiamo e lei continua a scattare, resto a sorvegliarla mentre fotografa ricordandole che siamo a -40 metri e che dopo ci tocca una lunga decompressione! Risaliamo soddisfatti lungo la catena e poi ci spostiamo alle cime piombate che si trovano a poppa. Qui  effettuiamo la sosta fino a che i nostri computer non ci segnalano di poter uscire. 

A bordo Elvio ci prepara le “frise” con il pomodoro fresco mentre noi sostituiamo le bombole montando il consueto Nitrox 32% per la seconda immersione. Ci spostiamo a ridosso della punta dove si erge il faro per prepararci e fare un bagno e poi usciamo di nuovo per immergerci a Punta Barracuda. Marcello decide allora di concederci il privilegio di essere guidati direttamente da lui, affidando il gruppo a Roberto ed Elvio. Ha “dichiarato” in anticipo che ci avrebbe fatto vedere qualche Felimare picta e puntualmente ne vediamo una mezza dozzina! Devo tenere a bada la verve di Lorenza che non mollerebbe la presa per nessun motivo, ce n’è una coppia intenta a riprodursi, mia figlia si “contorce” in prossimità del fondo roccioso per riuscire a fotografarle al meglio, fin quando le faccio segno che abbiamo accumulato ancora alcuni minuti di deco prima di risalire. Così, soddisfatti ma dispiaciuti per essere al termine della nostra esperienza subacquea salentina, guadagniamo una posizione di privilegio sul tetto della barca dove ci godiamo un’ora di sole durante la navigazione verso il porto.

Andiamo infine al diving per ritornarvi in tarda serata a ricomporre le borse subacquee. Marcello ci attende con la sua “calcolatrice” in mano e mi prepara il conto ….

il Boss Marcello Ferrari e la sua calcolatrice

lo ringrazio per l’accoglienza offertami, per il gentilissimo pensiero avuto nei riguardi di mia figlia Lorenza, per avermi fatto sentire a casa mia, complimentandomi per l’efficientissima organizzazione del Diving Service, dove nulla è lasciato al caso e dove ho notato alcune finezze che non ho mai visto altrove. Bravo Marcello 👏!

Torre Vado con Lorenza e Fabio Palumbo

Il mio rapporto con la sveglia in vacanza è di odio/amore …. si tira sempre tardi la sera e svegliarsi presto è sempre faticoso, ma la prospettiva di andare in acqua mi fa alzare anche prima di sentirla squillare. Inizio subito ad assemblare le fotocamere (Nikon D800E e D7200) per me e Lorenza che lascio ancora dormire per una mezz’ora. Alle 7:30 la sveglio per poi andare a fare la prima colazione di corsa …. abbiamo pochi minuti, il buffet apre alle 8 e non prima …. e noi dobbiamo essere al diving per le 8:15! Ormai abbiamo  collaudato i tempi, riusciamo anche ad ottimizzate il carico delle custodie fotosub in auto e subito partiamo. Raggiungiamo in tempo il diving, mentre Lory va a prendere le ceste sub da caricare sul furgone e poi in barca, io scacico le ceste fotografiche con le due “rosse” Isotta per farle portare in barca. Parcheggio l’auto ed andiamo al porto. La sorpresa odierna è quella di trovare in barca un caro amico fotosub, Fabio Palumbo, venuto per un tuffo qui a Pescoluse. Il vento c’è ancora anche se in netto miglioramento, possiamo quindi tornare nei pressi del faro di Leuca nel punto chiamato Le Ancore, dove ci immergeremo nel blu. Anche oggi Marcello mi lascia anticipare il gruppo facendomi immergere prima di tutti con Lorenza e Fabio.

Scendiamo lungo la catena e raggiungiamo il fondo a -42 metri. Sono un poco in apprensione avendo con me Lorenza ma “armata” di fotocamera …. scatto le mie foto ma confesso di aver prestato più attenzione a controllare lei che a guardare nel mio mirino. Inesorabilmente la devo avvisare che è il momento di risalire, non resta che affrontare alcuni minuti di decompressione sotto la barca, il momento “ideale” per la sessione selfie! Risaliamo a bordo e iniziamo subito a smontare le attrezzature, mentre la barca è ancora sgombra di subacquei, poi ce ne andiamo a prua a magiare le “pucce” e a prendere in poco di sole.

Dopo circa un’ora, tra sosta/relax e navigazione verso Torre Vado, raggiungiamo il sito della seconda immersione, il relitto Sanandrea, una nave cisterna affaondata durante la seconda guerra mondiale, di cui residuano solo alcune lamiere, ma comunque interessanti, adagiate su un fondale di circa -25 metri. Ritorniamo tutti e tre in acqua con un Nitrox 32% e con le nostre fotocamere, ancora una volta per primi. Qui ci divertiamo a guardare in ogni anfratto in cerca di pesci. Sotto una lamiera tra le più grandi, una coppia di cernie brune si ripara mantanendosi comunque a distanza di sicurezza dal mio oblò emisferico. Il tempo passa veloce, Lorenza è sempre più a suo agio con la fotocamera e ciò mi rende orgoglioso. È tempo di risalire, l’aria scarseggia, a Lorenza è toccato in monobombola da 12 litri e per un fotografo l’autonomia non è mai abbastanza!

Risaliamo soddisfatti e divertiti, pronti ai tuffi di domani. Una volta rientrati al diving senza aver dovuto trasportare nulla 😀 provvediamo al risciacquo delle fotocamere e mute, pronti poi a raggiungere mia moglie e mia figlia in spiaggia per mangiare e fare il bagno!

Torre Vado Relitto con Lorenza, Antonio e Gianmarco

Stamattina la sveglia non suona presto e possiamo scendere tutti insieme a fare colazione in hotel. Dopo il giorno di stop di ieri per il meteo avverso, dedicato ad una visita a Otranto, oggi si torna in acqua nel pomeriggio con i miei amici del Poseidon Team A.S.D., Antonio Mario e Gianmarco Giordano.

Mi raggiungono con le famiglie per le 14:00 in spiaggia e dopo pranzo ci spostiamo al diving per prendere le attrezzature e raggiungere la barca in banchina.

Alle 16:00 ci muoviamo per andare al relitto Tefvik Kaplan I che si trova a poca distanza dal porto di Torre Vado. Il vento è ancora sostenuto e c’è ancora onda, ma si può andare in acqua in sicurezza. Marcello Ferrari mi fa sentire a casa mia e mi concede di entrare per primo in acqua con i miei amici lasciando guidare me il gruppo, lui invece scenderà dopo qualche minuto con oltre quindici subacquei, evitandomi il “traffico” che di li a poco ci sarebbe stato lungo lo scafo. La visibilità è buona, ma la luce bassa del pomeriggio non aiuta. Ci godiamo un bel giro tranquillo con Lorenza, Antonio e Gianmarco che mi seguono, fermandosi ogni tanto a scattare le foto. Visitiamo il relitto in ogni angolo, fino a trovare sulla zona della coperta una bella cernia dorata che si è nascosta tra le lamiere. Qui nasce una inevitabile disputa per accaparrarsi la posizione migliore …. Lorenza ha sangue blu e non si smentisce …. conquista la posizione e non la molla ad Antonio che in ogni caso riesce a scattare qualche buona foto. Risaliamo a bordo molto soddisfatti. Non posso che ringraziare calorosamente il boss per la fiducia accordatami. Well done Marcello! 

I miei amici purtroppo devono andare via, ci salutiamo dandoci appuntamento alle prossime immersioni di casa nostra. La mia serata prosegue con la famiglia con una bella passeggiata a Leuca con cena sul mare.

 

 

Torre Vado con Lorenza – Punta Meliso e Le Aragoste

Sveglia ore 7 e subito inizio ad assemblare la mia fotocamera e poi quella di Lorenza, alle 7:30 la sveglio dopo aver terminato le operazioni e alle 8 scendiamo a fare la prima colazione. Arriviamo all’appuntamento al diving alle 8:30 dove ci attende Marcello Ferrari  dietro al suo computer, indaffarato a sistemare tutte le persone sull’elenco barca.  Il meteo non è ottimale, di notte è piovuto e residua molto vento che ci obbliga ad un’uscita sotto costa. Raggiungiamo così il faro di Leuca e ci immergiano a Punta Meliso sulla parete che scende formando un gomito roccioso.

Le pareti sono completamente coperte da grandi spugne blu Dysidea avara e tantissimi briozoi, ma abbondano le boghe che ci avvolgono completamente. Si vede sfrecciare anche un branco di piccole ricciole e qualche cernia. Lorenza mi segue senza fotocamera e con la maschera nuova, che fortunatamente non si appanna, pronta a mettersi in posa quando necessario mentre Marcello mi guida passo passo a scoprire le bellezze del sito. Ahimè c’è tanta gente in acqua e risulta difficile inquadrare solo lei nel fotogramma, arduo quindi evitare di scattare agli ignari sub in acqua. 

Risaliamo a bordo e dopo aver cambiato le bombole e montato del nitrox 32% ci spostiamo verso Torre Vado in un sito chiamato Le Aragoste o Elmi, dove la roccia ricca di coralligeno si “perde” sulla sabbia finissima dove è frequente l’incontro del Dolium galea, un grosso mollusco gasteropode che vive infossato nel sedimento. Qui si incontrano anche alcune razze, pronte a scappare via, le seppie, i pesci civetta e pettine. Noto con grande piacere che ci sono tante Pinna nobilis vive, anche se una nacchera morta la trovo anche qui …. speriamo non ci siano problemi anche in salento. Questa volta Lorenza è munita della sua fotocamera Nikon D7200 con lo scafandro Isotecnic, il micro nikkor 40 mm ed una coppia di flash Inon Z240 collegati con i cavi elettrici, sostituiti in navigazione perché quelli in fibra non volevano saperne di funzionare. Mi diletto a guardarla mentre scatta, sposta i flash angolandoli al bisogno …. sono orgoglioso 😃. L’immersione infatti è quasi totalmente dedicata ad ammirarla e correggerla. Mi mostra sul display i suoi scatti e sembrano abbastanza incoraggianti. E’ la prima volta che usa la SUA fotocamera e mi segnala che è fin troppo neutra, la prossima volta elimineremo qualche galleggiante. In ogni caso vedo una razza schizzare via sorpresa dal nostro arrivo e finalmente un doglio vivo, anche se ritirato all’interno della sua conchiglia perché spostato da Marcello per mostrarmelo. Grazie! 

Risaliamo dopo oltre 60′ di puro divertimento e torniamo al diving. Anche questa volta troviamo tutto lì e procediamo al lavaggio e stoccaggio completo. Sono ormai le 15 e andiamo a raggiungere i familiari in spiaggia. Quando parcheggiamo l’auto nei pressi dell’hotel, noto una vettura a me familiare …. con l’adesivo del Poseidon Team A.S.D. sul portabagagli … è Antonio Mario con la sua famiglia che è venuto a trovarci in spiaggia essendo anche lui in vacanza in salento.

Restiamo al mare fino alla sera, una doccia e ce ne andiamo a cena a Salve, un paesino vicino Pescoluse dove stasera si svolge la XVIII Sagra della Taranta. Vi arriviamo con pochi minuti di automobile e parcheggiamo. La folla è oceanica, difficile riuscire a mangiare alla sagra con una fila chilometrica alla cassa. Decidiamo di cercare un ristorante ma è tutto sold-out … optiamo per una macelleria con annessa grilleria, ma l’attesa è lunga mentre impieghiamo solo qualche minuto per consumare il tutto. Qui ci raggiunge da Torre Suda anche un altro socio Poseidon, Gianmarco che è con Carmen ed una coppia di amici. Trascorriamo una bella serata e dopo una foto ricordo ci salutiamo, dandoci appuntamento per mercoledì quando proveremo a fare una immersione pomeridiana tutti insieme!

Torre Vado con Lorenza, Salvatore e Virginia – Ancore e Tevfik Kaptan I

Inizia oggi una settimana di vacanza subacquea in Salento a Torre Vado. Dopo il lungo viaggio di ieri, finalmente vado in acqua con mia figlia Lorenza e alcuni amici, il socio del Poseidon Team A.S.D. Salvatore Carbone e la bravissima fotografa Virginia Salzedo, intenti ad allenarsi in previsione del prossimo campionato italiano di fotosub.

Salvatore passa a prenderci con l’auto all’albergo e ci porta al Diving Service di Marcello Ferrari. Le attrezzature sono già nelle ceste e dobbiamo quindi solo montarle e caricarle nel minivan. Ci spostiamo a piedi verso il porto semi vestiti, dove troviamo tutte le attrezzature già a bordo.

Marcello Ferrari è già uscito con la barca e lo ritroveremo sul punto d’immersione nei pressi di Leuca. Siamo proprio al confine tra i due mari, lo Ionio e l’Adriatico, durante l’immersione saremo nel punto d’unione. Viaggiamo veloci in gommone dopo aver fatto una  doverosa foto ricordo, con Andrea e “Bambu” che ci spiegano l’immersione che effettueremo, scendendo nel blu, lungo la catena dell’ancora che ci porta su una “collinetta” coperta da gorgonie rosse e briozoi. Subito raggiungo il fondo e adocchio l’unica gorgonia bicolore, faccio segno a Lorenza che subito si mette in posa. L’acqua è abbastanza limpida e calda fino a 40 metri, il termoclino non si avverte, non ci si rende conto di essere in profondità. Lasciamo le gorgonie e ci spostiamo qualche metro più in su, dove è presente una enorme ancora, la più grande che abbia mai visto. I minuti passano veloci e vedo la delusione di Lorenza nel vedere che dopo poco dobbiamo già iniziare la risalita! L’organizzazione è ottimale perché sotto bordo sono anche presenti alcune cime piombate per facilitare la decompressione senza essere tutti “appesi” alla catena di ormeggio.

Ci spogliamo e facciamo un bel  bagno prima di spostarci. durante la navigazione cambiamo le bombole e montiamo del Nitrox 32% per andare ad immergerci sul relitto che si trova nei pressi del porto di Torre Vado. Il Tevfik Kaptan I è affondato nel 2007 e giace a bassa profondità, si vedono le sue forme già dalla superficie. Lorenza dopo un iniziale problema di compensazione mi segue nell’esplorazione della nave. Bambu ci mostra ogni particolare, passando per la prua, il vano di carico e poi la poppa con le eliche. Infine visitiamo anche la sala di comando con la luce che entra dalle finestre. Effettuiamo molti scatti alternandoci con Virginia e Salvatore nei punti più interessanti.

Trascorriamo così una bellissima mattinata con simpaticissimi amici. Appena tornati in porto lasciamo tutto in barca, ritroveremo fotocamera e bombole al diving, senza dover trasportare nulla! Che spettacolo! Procediamo al lavaggio delle attrezzature all’interno delle grandi vasche che ritrovano sul retro, sistemiamo il tutto ad asciugare e ce ne torniamo in hotel dove ci attendono Lidia e Mariolina che sono già al mare. Proseguiamo così la giornata in spiaggia cullati dalle onde e “pizzicati” alle caviglie dai famelici pesciolini presenti in zona. 

Puolo con Ass. Jacques Cousteau – Immersione Notturna

Un inferno di fuoco avvolge il Vesuvio ed il monte Faito da alcuni giorni. Le fiamme ed il fumo si espandono nonostante l’incessante attività dei Canadair e dei pompieri, giunti ormai al collasso delle energie. Il disastro è immane con decine di ettari di bosco e pineta distrutti, insieme ai loro abitanti. 

In serata ho appuntamento con Nicola & Antonella per un tuffo notturna con gli amici dell’Associazione Jacques Cousteau alla Cala di Puolo. Ci vediamo in spiaggia alle 20:15 quando la luce è ancora tanta, ci vestiamo e scendiamo in acqua. Entro per primo in acqua per effettuare delle prove con la Nikon D800, poi ritorno a terra e prendo la seconda fotocamera Nikon D7200 con il Nikkor 40 mm, posando la prima e seguo il gruppo che è già lungo il pendio sabbioso.
La serata non è particolarmente ricca d’incontri, degna di nota solo la piccola corvina addormentata tra i sassi che mi mostra Antonella,  ma come al solito divertente, con un epilogo piacevolissimo ….. picnic sulla spiaggia! Grandi i miei amici! Bisogna replicare al più presto!

 

Vervece con Edoardo

Imprevisto è qualcosa d’imponderabile, che può avere accezione negativa o positiva …. la giornata odierna è stata un susseguirsi di imprevisti … negativi e positivi. Così mi sono ritrovato a non riuscire a raggiungere Napoli per lavoro come programmato, bloccato a risolvere alcune questioni in terra stabiese. Mentre sono in procinto di spostarmi squilla il telefonino, è Edoardo che mi chiama da Napoli. Mi dice che sta partendo in gommone dal porto di Baia per accompagnare dei clienti a fare immersione allo scoglio del Vervece. Ha più di un’ora di navigazione per arrivare al Punta Campanella Diving di Massa Lubrense e si chiedeva se facessi in tempo a raggiungerlo. La fortuna ha voluto che io fossi ancora a Castellammare di Stabia, quindi non troppo distante da casa e dal diving per poterlo raggiungere. Così ho avuto il tempo di rientrare a casa a preparare la fotocamera, a cambiare l’obiettivo e l’oblò e dopo poco ero sullo scooter in direzione di Marina della Lobra. Edoardo è già pronto ed attende la mia vestizione, subito ripartiamo con il gommone per raggiungere lo scoglio del Vervece. C’è un poco di maestrale e leggera onda che si sente anche nei primi metri d’acqua. La visibilità non è ottimale a causa della bassa penetrazione della luce in acqua con il sole basso del tardo pomeriggio. Raggiungiamo la grande spugna gialla Axinella a -47 metri e stento a riconoscerla. Le sue dimensioni sono notevolmente ridotte, lo scorso anno avevamo notato che la spugna si era abbattuta verso il basso “tagliata” alla base sa una lenza di pescatori di frodo che entrano all’interno della zona A dell’A.M.P. Punta Campanella per pescare illegalmente al suo interno. La parte superiore (e più cospicua) deve essersi staccata dalla restante parte ed svanita. Sicuramente sarà andata incontro al deperimento non essendo più ancorata al substrato su cui giaceva da  decenni. Anche la parte restante sembra deperita e coperta di alghe filamentose. Lo sconforto è massimo così come vedere alcune gorgonie giá ricoperte di mucillagine. L’immersione prosegue come al solito tra cernie, saraghi, barracuda, murene e milioni di castagnole. Tra le gorgonie gialle trovo una lenza impigliata da poco tempo, segno che la pesca continua nonostante i divieti.  Dopo la decompressione, non resta che rientrare al diving per un selfie ricordo con Edo ed una birra ghiacciata. Grazie Edo per avermi fatto concludere alla grande la giornata!

Scoglio Penna e Vervece con Punta Campanella Diving

60 giorni possono essere interminabili e tali sono stati per me, fermo ai box dopo un periodo di convalescenza a seguito di un intervento ricostruttivo odontoiatrico. Solo dopo aver ricevuto l’ok dal mio dentista “Rino”, oggi sono potuto tornare in acqua per inaugurare la stagione estiva al Punta Campanella Diving Center.  L’attrezzature è da due settimane al diving ma la situazione clinica non mi consentiva di immergermi, è stato così semplicissimo raggiungere il porto di Marina della Lobra con lo scooter armato della sola fotocamera. C’è un bel sole ma c’è anche vento abbastanza teso. L’appuntamento era da non perdere perché oggi è prevista un’uscita dell’Associazione Jacques Cousteau capitanata da Nicola ed Antonella a cui si aggiungono Linda ed altri simpatici subacquei. Partiamo con il gommone alla volta dello Scoglio Penna dove ormeggiamo alla boa sommersa. C’è corrente abbastanza sostenuta e siamo costretti a raggiungere lo scoglio scendendo lungo la gomena di ormeggio e sorvolando il fondo. Il gruppo si avvia verso la punta dove ci sono i barracuda ma l’avanzamento è difficoltoso. Decido così di sganciarmi da loro e di tagliare il percorso passando attraverso il foro presente tra i due scoglioni per raggiungere più rapidamente la parete esterna con le gorgonie rosse. La visibilità è buona ma non entusiasmante. L’immersione prosegue senza grandi sussulti, decido così di attendere il rientro dei miei amici nello stretto buco di passaggio. Una volta passati tutti, mentre siamo pronti a risalire, Linda mi segnala la presenza di un polpo sulla parete che si sta muovendo verso la superficie in cerca di prede nella schiuma delle onde. Lo osservo risalire sempre più fino a fermarsi a pelo d’acqua, lo vedo anche fuoriuscire all’esterno scoperto dal cavo dell’onda. Ho gli ultimi minuti di deco da smaltire e lo osservo sperando che non vada via. Quando finalmente posso risalire in superficie mi avvicino ed inizio a scattare a raffica, fin quando non fugge via sotto gli occhi spalancati miei e dei miei amici. Risaliamo e finalmente facciamo un selfie prima di tornare a bordo. Rientriamo al diving verso le 12:00 e dopo una lunga pausa per attendere l’arrivo di alcuni clienti per l’immersione pomeridiana, approfitto per mangiare un panino in compagnia di Gennaro.

Alle 14:30 iniziamo di nuovo le operazioni di vestizione per uscire con direzione Scoglio del Vervece. Il vento è aumentato ed anche il mare. Raggiungiamo la boa di ormeggio e Vittoria si tuffa ancora per ormeggiare. Lisa è pronta con il resto della “truppa” e si tuffa dopo che tutti sono entrati in acqua per chiudere il gruppo. Faccio da apripista come al solito e mi dirigo verso le gorgonie rosse. Lascio il gruppo tra i grandi ventagli di Paramuricea e risalgo un poco in direzione dei massoni che si trovano in direzione di Capri. Lungo il pendio, quasi invisibile, la pinna dorsale del Pesce San Pietro fuoriesce dalle alghe che ricoprono il fondo. Mi avvicino aspettando già la pronta risposta del pinnuto. Puntualmente il pesce inizia a spostarsi tenendosi a debita distanza dalla cupola del mio scafandro. Eseguo qualche scatto inseguendolo, ma l’impresa è vana. Ancora una volta mi è sfuggito, di giorno resta un soggetto molto difficile da avvicinare, al contrario della notte.  

Raggiungo quindi i massoni e sotto di esso scorgo una bella corvina, in questo posto non ne vedevo da anni! La mostro a Vittoria e proseguo, ne incontro una seconda prima di imbattermi nel branco di barracuda che solitamente staziona sulla punta “terrestre” dello scoglio. Continuo ancora per raggiungere la statua della Madonna e per controllare la condizione delle telecamere di sorveglianza posizionate sul pianoro a -12 metri. Come ampiamente prevedibile, sono completamente “bio-ricoperte”, incrostate al punto da non essere assolutamente utilizzabili. La loro inutile installazione mi ha molto sorpreso, il mare invece non lo ha fatto, prendendone possesso come previsto. Ne sarà contento solo il responsabile della manutenzione che si è guadagnato un lavoro assicurato a vita! Mostro ai miei amici anche la tana delle murene ed il piccolo buco fortunatamente scampato al massacro compiuto alcuni anni fa ad opera dei pescatori di datteri. Il Vervece da allora è cambiato completamente, non è più quello che ho ammirato per decenni e non penso potrà più ritornare all’antico splendore. Risaliamo a fatica in gommone a causa del moto ondoso che è aumentato durante la nostra permanenza in acqua.  Rientrati a terra inizio rapidamente a sciacquare tutta l’attrezzatura, fotocamera compresa, per tornare subito a casa dai miei familiari, dopo una bellissima giornata di mare trascorsa con le mie amiche Rosy, Lisa e Vittoria del Punta Campanella Diving Center. 

Banco di Santa Croce con Pietro

Sono le 2:00 quando finalmente mi addormento dopo aver messo in carica le batterie dei flash e delle torcie subacquee. L’appuntamento è al diving alle 8:30 per un tuffo mattutino al Banco di Santa Croce con Pietro Formis. Il vento sembra calato quando mi affaccio dalla finestra di casa, mi preparo e monto il Sigma 15 mm ed il superdome sulla Isotta D800. Lascio le mie figlie che dormono e vado al diving dove è tutto pronto, con le bombole già a bordo! Ringrazio ufficialmente quindi Claudia e Vittoria che mi hanno reso un grande favore …. ma almeno la prossima volta montatemi pure il GAV! Ahah 😄

Il vento rinforza ed il mare pure, le onde vengono tagliate dalla prua del gommone sapientemente manovrato da Gianluigi che ci porta in una trentina di minuti a destinazione. Ormeggiamo alla boa e stendiamo una cima con galleggiante per aiutare i sub a contrastare la forte corrente superficiale. Quando Mary e Pietro sono pronti, li accompagno nella discesa lungo la cima ancorata allo scoglio principale, la visibilità migliora sensibilmente in profondità e la corrente svanisce. Andiamo subito alla Savaglia savaglia, dopo aver ammirato 3 grandi cernie brune che volteggiano nei pressi del “pizzo fiorito”. Oggi finalmente i polipi delle gorgonie sono aperti, ma ho qualche problema al flash di sinistra che non sempre scatta. L’handicap mi affligge per tutta l’immersione, anche quando le pareti ricoperte di spugne gialle frammiste di gorgonie rosse lasciano il posto alla spugna Axinella. Pietro e Mary mi seguono estasiati dal magnifico spettacolo della parete sommersa. Edo ed Ivana sono andati alla secca di terra, mentre il gruppo di sub capitanato da Lisa è andato nella grotta, per poi proseguire in giro sulla secca principale. Terminiamo l’immersione ammirando il giardino fiorito di margherite di mare che si trova nei pressi della sagola che ci segnala la boa. Non resta che effettuare la decompressione conservando negli occhi lo spettacolo che ogni volta il Banco di Santa Croce riesce a regalare. Il ritorno in porto è molto più agevole con il vento in poppa. Quando rientriamo al diving, Mimmo ci aspetta, pronto per uscire di nuovo con il gruppo con direzione Capri. Peccato non potermi trattenere con loro, saluto tutti e rientro a casa per poi tornare in spiaggia con le mie figlie.