Archivi tag: Immersione Crepuscolare

Vervece con don Tonino De Maio

Mi sento emozionato come un bambino che ha appena scartato il suo regalo natalizio e non vede l’ora d’iniziare a giocarci …. l’occasione propizia per farlo arriva finalmente oggi pomeriggio, dopo alcuni giorni di forte mal di schiena, finalmente sono in condizioni migliori per andare in acqua.

Così alle ore 15.30, presso il Circolo Nautico Marina della Lobra sono andato a presenziare alla benedizione di una scultura di Gesù Bambino, realizzata da Giusi Milone, che sarà collocata ai piedi della Madonnina del Vervece a 12 metri di profondità.
La statua all’epoca fu posta in ricordo del record mondiale di apnea stabilito nel 1974 da Enzo Maiorca che raggiunse nelle acque di Massa Lubrense la profondità di 87 metri.
In contemporanea si accenderà la stella cometa collocata sullo scoglio del Vervece nei giorni scorsi ad opera dell’associazione Aicast.
La cerimonia sarà celebrata da don Antonino De Maio alla presenza del sindaco di Massa Lorenzo Balduccelli, del presidente della fondazione Vervece Gaetano Milone, del presidente e del direttore del Parco Marino Punta Campanella Michele Giustiniani ed Antonino Miccio.

La giornata è stata splendida, ma con il calar del sole, la temperatura scende sensibilmente ed inizia a fare freddo. Ci vestiamo e iniziamo la cerimonia di benedizione, poi saliamo sulla barca per andare al Vervece. Il mare è calmo e la stella cometa sullo scoglio è ancora spenta …. scendo qualche minuto prima dei miei amici per controllare la situazione “luminosa” del sito, ma anche per familiarizzare con i comandi della nuova Nauticam D850. Vedo così arrivare Tonino e don Tonino con il bambinello sospeso con un pallone elevatore, lo portano alla base della statua della Madonna e poi si inizia la fase di sistemazione definitiva. Quando tutto è finito, aspetto che si pulisca un poco l’acqua che si è molto intorbidita, poi finalmente posso scattare qualche immagine. Mentre loro risalgono a bordo io mi trattengo per scattare una foto in superficie con la stella cometa finalmente accesa ….

Tornati a terra, possiamo finalmente festeggiare con i dolci offerti da Antonio Cafiero della Pasticceria Primavera di Sorrento e brindare anche al nuovo anno 2019.  

Le sensazioni sulla nuova attrezzatura Nauticam sono positive, il superdome è l’ideale per realizzare le immagini a pelo d’acqua ed i comandi sono facilmente accessibili, sicuramente c’è da memorizzare la posizione di alcuni pulsanti che sono in posizione diversa, ma sarà necessario forse solo un altro tuffo. Bene così, l’anno 2019 inizia in anticipo!

Vervece – Immersione Crepuscolare

Quando alle 17:00 mi rimetto sullo scooter per tornare a Massa Lubrense osservo con sollievo che il fumo nero che si alzava dal Vesuvio è ormai sparito. Raggiungo il Punta Campanella Diving e preparo la mia attrezzatura. Ho portato con me due custodie Isotta, sulla per la D800 che userò subito con ancora montato il 105 mm ed anche la Isotta D7200, che userò più tardi per l’immersione notturna. Alle 17:30 siamo pronti a salpare, direzione Scoglio del Vervece. Il mio intento è quello di fotografare le aquile di mare che ho visto il precedente weekend, sperando di incontrarle di nuovo. Mi immergo quindi sul versante meridionale dello scoglio e proseguo sulla balza rocciosa dove le avevo viste precedentemente. Non ci sono, osservo il lontananza solo alcune cernie brune in prossimità dell’enorme masso adagiato sul fondo. Proseguo il mio giro in senso orario in cerca dei barracuda che ritrovo abbondanti sul pianoro dove è presente la statua della Madonna e dove ormai sono presenti le due telecamere di sorveglianza. Proprio alla base di una di esse ha trovato dimora una grande cernia bruna, mentre sull’altra telecamera, una coppia di castagnole sta deponendo le uova sulla superficie in plexiglass con una danza a tratti frenetica per allontanare altri esemplari. Mi accorgo di esser l’ultimo in acqua,  risalgo a bordo a malincuore, fortunatamente tra qualche ora si torna ancora in mare per una bella immersione notturna.

Vervece

Il caldo torrido è arrivato, le giornate lavorative divengono sempre più difficili da affrontare, l’unico sollievo è dato dall’approssimarsi delle agognate ferie estive. Anche oggi la temperatura supera i 35°C e l’auto in cui viaggio è infuocata nonostante il condizionatore. L’unico sollievo potrebbe essere un bel tuffo nel mare che costeggio quotidianamente, chissà cosa mi riserverà il weekend.

Mentre sono a lavoro, mi giunge un SMS da Gianluigi …… ” Vervece ore 18:30 in crepuscolare? Rientri in tempo?”  …..  ed io “non sono sicuro di fare in tempo, non ho la fotocamera pronta, ma ci provo”.

Riesco a concludere in tempo la giornata lavorativa e alle 17:30 raggiungo casa. Tiro fuori dal’armadietto la fotocamera, il Sigma 15 mm ed il  superdome, lo scafandro Isotta D800e, i due flash e le batterie. Ricordo anche di prendere i cavi sincro-flash in fibra ottica che avevo lasciato sull’altro scafandro D7200 ed assemblo il tutto con rapidità e precisione. Indosso il costume e parto alla volta di Massa Lubrense dove mi attende Gianluigi ed il suo staff …. di sole donne! Prepariamo le attrezzature ed usciamo dal porto alle 18:30 in perfetto orario. Con noi c’è anche Lorenzo, fedelissimo frequentatore del Punta Campanella Diving Center. Raggiungiamo lo Scoglio del Vervece ed ormeggiamo alla boa sommersa. L’acqua in superficie non è limpida, migliora in profondità ma la luminosità è molto attenuata dall’orario prescelto. Mi stacco subito dal gruppo e  provo a raggiungere la spugna gialla a -47 metri, ma una leggera corrente e la visibilità non ottimale mi consigliano di desistere. Risalgo così verso la parete ed effettuo un giro profondo dello scoglio dove incontro i barrracuda, alcune cernie ed una grande orata. Proprio nel momento in cui lo sparide si allontana infastidito dalla mia presenza ecco apparire nel blu la sagoma scura di due aquile di mare che sorvolano il fondo algale in cerca di cibo. Trattengo il respiro e mi avvicino, ma non in maniera sufficiente a fotografarle come avrei voluto. Scappano via verso il largo con un frenetico batter d’ali. Risalgo sul pianoro dove c’è la statua della Madonna e dove sono state sistemate due telecamere subacquee di sorveglianza. Non sono esteticamente il massimo, ma speriamo possano essere un valido deterrente per i malintenzionati che continuano ad andare a pesca di frodo nella zona A dell’A.M.P. di Punta Campanella. Risaliamo in barca soddisfatti e rientriamo così a terra, dopo una doccia calda, ci  tratteniamo  per l’aperitivo al diving.

Baia di Puolo – Immersione crepuscolare con Mimmo

Dopo una giornata a lavoro con caldo infernale, un’attesa di oltre 20′ in galleria, bloccati dal traffico causato dall’apertura della galleria di Seiano, arrivo stremato a casa, ma giusto in tempo per indossare il costume e prendere la mia Nikon, pronta da ieri nella sua borsa e fuggire via con lo scooter verso Massa Lubrense, dove mi attende Mimmo e lo Staff del Punta Campanella Diving Center.

Fortunatamente l’immersione è prevista per le 19:00 così ho il tempo di preparare l’attrezzatura con relativa calma. Alla fine sono però il primo a salire sul gommone, pronto per il tuffo crepuscolare a Baia di Puolo. Ho montato il minidome con il Tokina 10-17 ed i due flash YS D1, con la speranza di incontrare l’Aplisya con gli anelli avvistata in settimana.

Raggiungiamo il punto, ancoriamo e ci tuffiamo; mentre Mimmo si mantiene più in superficie, essendo al terzo tuffo della giornata, io mi dirigo subito verso il fondo, sperando di incontrare qualche pesce sul sabbione detritico.  C’è ancora troppa luce ed i pesci sono ancora molto vigili, anzi è il momento di massima attività predatoria prima del calare delle tenebre. Tantissime sono infatti le piccole cernie che incontro, molte brune, alcune dorate e perfino una rossa. Nel frattempo i polpi cominciano a guadagnare luoghi sicuri insidiati dalle perchie e dai famelici serranidi.

Risalgo dopo una lunga e vana ricerca in acqua bassa, dove era stata avvistata la lepre di mare, quando ormai le tenebre sono calate definitivamente.  Questa volta nessun sussulto, ma in ogni caso una bellissima serata in mare trascorsa con gli amici del Punta Campanella Diving Center.