Archivi tag: Ikelite 161

Punta Pizzaco con Virginia, Mimmo e Salvatore

Ore 6:30, suona anche oggi la sveglia … una lunga serie di complicazioni sembravano impedirmi di andare in acqua questo sabato a Sorrento …. sorge quindi l’occasione giusta per andare altrove …. pensavo di chiamare Raffaele a Castellammare oppure Ciro a Torre del Greco e poi valutare gli eventuali programmi … il messaggio WhatsApp di Virginia, che mi invitava a raggiungerla a Baia, ha invece sparigliato le carte! Così ieri sera, dopo essermi assicurato della possibilità di uscire con Edoardo del SUB BAIA Diving Center, ho preparato l’attrezzatura subacquea e fotografica ed ho caricato il tutto in auto per essere subito pronto a partire. Così, dopo la colazione, mi metto in auto per tempo ma all’altezza di Ercolano, un incidente autostradale mi ostruisce l’autostrada …. faccio giusto in tempo ad uscire e prendere una strada panoramica interna che porta a Ponticelli dove posso prendere di nuovo l’autostrada e poi la Tangenziale di Napoli per raggiungere Baia dove mi attendono per le 8:30. Arrivo con soli 10 minuti di ritardo ma ampiamente in tempo per l’immersione … scarico le attrezzature e parcheggio l’auto. Al diving incontro Virginia Salzedo e suo marito, venuti dal nord per un weekend ma anche Marco Fantin, Mimmo, Ivana & Ornella. Mentre ci prepariamo sopraggiunge “Taturiello” Ianniello che era di passaggio … stava andando a fare un tuffo in apnea … lo convinciamo ad aggregarsi … prontamente viene recuperato Gav ed erogatore e si aggiunge al nostro gruppo. Andiamo in banchina e saliamo sul gommone, la giornata è magnifica, il Golfo di Napoli è visibile per intero con tutte le isole in bella mostra … il mare è calmo ed in cielo splende un sole quasi estivo. Raggiungiamo prontamente Procida con Mimmo che naviga in “incognito”, incappucciato per proteggersi dal vento durante la navigazione. Arrivati a Punta Pizzaco ci immergiamo, l’acqua ahimè è tutt’altro che limpida, seguiamo Edo che ci porta lungo la parete a vedere il corallo rosso. Grazie al Nitrox 28% che abbiamo nelle bombole possiamo sostare alcuni minuti in profondità senza accumulare troppa decompressione, ovviamente risaliamo lungo la parete ammirando la grande ricchezza coralligena della falesia, con spugne, gorgonie e margherite di mare che tappezzano il substrato. Terminiamo l’immersione nell’insenatura sabbiosa contornata dalla prateria di Posidonia oceanica. Una volta saliti in barca ci spostiamo per ammirare da vicino la “Corricella” con i suoi molteplici colori, approfitto per fare qualche foto a pelo d’acqua sporgendomi per intero dalla prua del gommone. Chiedo ad Edo e Salvatore di mantenermi per le gambe ma ho il terrore di esser scaraventato in acqua per scherzo dai miei amici. Li imploro e sono costretto a fidarmi … alla fine sono salvo! 

Sbarchiamo al porto le attrezzature, il gruppo proseguirà la giornata con un secondo tuffo sulla città sommersa per ammirare i nuovi mosaici colorati di Villa Protiro.  Io, come al solito, fuggo via dopo aver mangiato la pizza offerta dal diving e aver salutato i miei amici. Il viaggio verso Sorrento è lungo ed ho il timore di trovare molto traffico sulla statale, la giornata magnifica avrà richiamato di certo molti turisti. Incredibilmente la strada è quasi completamente libera, riesco ad arrivare in tempo a casa per vedere persino la partita in tv!

 

 

Puolo con Ass. Jacques Cousteau

Il ciuffo di capelli dritti in testa, che osservo allo specchio del bagno  appena sveglio, mi sembra la pinna dorsale di un pesce …. così penso che possa essere un buon presagio … Il cielo è coperto ed è montato un vento forte che da casa sembra essere fin troppo sostenuto, con la possibilità di smuovere il mare e complicare l’entrata in acqua. Quando invece arrivo sul posto dove mi attendono gli amici dell’associazione Jacques Cousteau le condizioni del mare sono ottimali, peccato solo che l’acqua non sia limpida.

Ci vestiamo e ci tuffiamo fuori del molo. Parto in avanscoperta dirigendomi al certo della Cala di Puolo in cerca di un pesce che è stato visto la settimana scorsa, ma della sua pinna dorsale usata come esca, nessuna traccia …. mi devo accontentare di fare solo qualche ulteriore prova con i flash Ikelite DS161 ed il Microdome Isotta con dentro il Sigma 15 mm col paraluce segato. Solo la pinna dorsale di un piccolo Pesce San Pietro riesce a distogliere la mia attenzione dal “controllare” il fondo ciottoloso …. il pinnuto però non è felice di vedermi, vorrebbe riposare dopo il pasto effettuato, il suo addome è bello rigonfio …. si allontana velocemente in direzione di Raffaele, proviamo a metterlo in mezzo per fotografarlo ma non ci riusciamo. Era forse questo il presagio mattutino dello specchio. Lo seguo fino a circa 3 metri d’acqua e quando ormai sono convinto di poterlo “sorprendere” dopo averlo visto svoltare dietro un grosso masso, resto di stucco per non trovarne più traccia! Rientriamo verso terra sorvolando le posidonie ed i massoni che ci sono nei pressi della spiaggia, terminando l’immersione. 

Fortunatamente a terra c’è la pastiera di grano che ci attende, il dolce tipico pasquale della Campania, che sparisce solo qualche secondo dopo esser stata tagliata da Antonella. Buona Pasqua a tutti!

 

Relitto Doris

Sono tanti gli appuntamenti saltati con l’amico Ciro, finalmente oggi è la giornata giusta per un tuffo diverso dai soliti. Sveglia ore 6:30 anche oggi che è domenica, colazione e appena pronto prendo l’auto con direzione Torre del Greco. Arrivo in leggero anticipo sul programma ma sbaglio strada, sono costretto a chiedere l’aiuto “telefonico” come nei quiz in TV. Ciro Dell’Anno mi passa a prendere con il suo furgone, indicandomi la via corretta per raggiungere la banchina da cui partiremo. Parcheggiamo proprio vicino al gommone, una gran comodità potersi vestire direttamente sul posto.  Qui saluto anche l’amico Paolo Primiani e Marco Pasquini, un videoperatore subacqueo romano venuto per girare qualche immagine sul relitto, ed il barcaiolo odierno Eduardo detto Antony, per la somiglianza con l’attore Optkins.

Il meteo è bellissimo, il mare piatto, la visibilità nel Golfo di Napoli è quasi ottimale con tutte le isole visibili. Navighiamo velocemente verso Napoli e raggiungiamo il porto dove si possono ammirare il Castel dell’Ovo, Il Maschio Angioino ed il Castel Sant’Elmo. Ormeggiamo nei pressi della scogliera del Molo San Vincenzo che delimita il porto di Napoli dove nel 1964 è affondato il cargo DORIS, a seguito di una mareggiata. La nave giace su un fondale di circa -20 metri adagiata su di un fianco.

Mi tuffo per primo nell’acqua torbida a causa delle mareggiate dei giorni scorsi, mi seguono tutti gli altri. Ciro mi guida lungo la poppa della nave mostrandomi i vari punti interessanti, mentre gira alcune scene con la sua videocamera 4K. Scatto a ripetizione con i nuovi flash Ikelite DS161, conscio di disturbare le riprese di Ciro con i miei potenti lampeggiatori elettronici. Trascorre oltre un’ora in un attimo, il computer infatti segnala decompressione da effettuare ….  risaliamo a bordo dove la temperatura è estiva. Eduardo ci serve del thè caldo allo zenzero, mentre Paolo prende i cornetti dalla borsa per un ottimale spuntino post-immersione. Rientriamo al porto dove c’è gran confusione, la banchina è piena di persone che affollano il bar che si trova proprio vicino al mare. Sono le 12 è sono in perfetto orario per tornare a casa per il pranzo, vi arrivo con leggero ritardo a causa dell’intenso traffico che incontro per tornare a Sorrento, tanti turisti hanno approfittato della bella giornata per fare un giro in penisola sorrentina. A casa mi attende la mia famiglia e alle 15, l’amata Juventus in televisione.

 

Banco di Santa Croce con Mimmo e Gabriella

Decine e decine di podisti questa mattina corrono lungo la strada che mi porta a Castellammare di Stabia di primo mattino per raggiungere il Diving Amici degli Abissi. La settimana è stata splendida ed il mare calmo come l’olio, proprio l’ideale per un tuffo diurno per provare le nuove attrezzature, visto che di solito sono sempre avvolto dalle tenebre.

Al diving saluto Angelo e Raffaele, già indaffarati a sistemare il tutto per l’uscita in barca, poco dopo sopraggiungono Gabriella e Mimmo, Rosa ed altri amici.

Ci prepariamo subito e dopo una graditissima colazione offerta da Francesco del Bar Pino,  usciamo per ormeggiare alla boa della “Secca di Terra” . Dalla superficie l’acqua sembra limpida, una volta in acqua le condizioni non sono ottimali, ma assolutamente positive per qualche scatto in grandangolare con il nuovo Superdome Isotta da 9″ ed i flash Ikelite 161. Confesso la scarsa conoscenza di questi ultimi, che mi ha portato a commettere l’errore di non ricaricarli ex novo, fidandomi delle due spie rosse accese sul flash che segnalavano una buona autonomia. Scendiamo lungo la gomena e raggiungiamo il fondo. Seguo Gabriella mentre Mimmo resta da solo nei pressi della boa. Raggiungiamo una bella parete di paramuricee piene di castagnole dove la “fotosubbina” prova a “spingere” i rosei pesciolini verso il mio oblò. Le chiedo contestualmente di scattarmi qualche foto mentre fotografo, poi proseguiamo fino a raggiungere la gerardia che si trova alla base dello scoglio. Più in là ci sono tre grandi cernie che mi guardano incuriosite, provo ad avvicinarmi ma si tengono a debita distanza da me. Il flash di sinistra mi lascia quasi subito, quello di destra regge quasi tutta l’immersione, ma alla fine va KO anche lui. Oggi mi porto a casa una nuova esperienza … meglio non fidarsi delle batterie … ricaricare ogni volta!

30 minuti trascorrono veloci, nonostante l’autonomia elevata del monobombola da 18 litri, sono costretto a risalire quando leggo sul display del computer subacqueo  … 30 minuti di deco a 6 metri! Inesorabilmente ritorno alla boa ed inizio la lunga deco, peccato aver dimenticato di portare  la bombola stage con EAN 50% per “tagliarne” una grossa fetta. Fortunatamente mi fanno compagnia Mimmo e Gabriella che, dopo aver terminato la sua sosta di sicurezza, si trattiene a scattare qualche foto ricordo con noi e ai mega-saraghi che si avvicinano a noi in cerca di cibo.  Alzando gli occhi al cielo è possibile scorgere Raffaele che ci guarda dalla prua della barca, l’acqua in superficie è ferma, smossa unicamente dalle nostre piccole bolle. Finalmente arriva il segnale di fine sosta e possiamo risalire. Durante il rientro a terra, mentre mangiamo di nuovo qualcosa, Mimmo si accorge di aver perso il suo computer VR3 mentre si svestiva per salire in barca. Angelo non si da per vinto, inverte la rotta della barca e ci riporta indietro sul punto presunto di smarrimento. Subito si prepara e si tuffa di nuovo. Scende a cercarlo ma sfortunatamente non riesce a ritrovarlo.  Rientriamo a terra con leggero ritardo sul previsto; mi spiace per Mimmo, per lui oggi non è stata una bella giornata. Un sentito ringraziamento agli Amici degli Abissi per avermi fatto godere anche oggi, di una bellissima giornata di mare! Dopo pranzo, mentre tutti guardano il Napoli in tv, me ne vado a passeggio per Sorrento con la famiglia per godere ancora del bel sole e della giornata che si allunga sempre più.

 

Cala di Puolo con Jacques Cousteau

“Per chi è interessato all’immersione di domani, per problemi tecnici, l’appuntamento è spostato alle 9:45. Ciao da Antonella”

Una mezz’ora può cambiare una giornata ….. la lettera di Antonella ai soci dell’Associazione Jacques Cousteau che preannunciava un cambio d’orario, è stata particolarmente gradita dal sottoscritto che, essendo sprovvisto di bombole cariche ed automobile, non sarebbe riuscito a raggiungere gli amici all’appuntamento, causa problemi tecnici …. Così, dopo esser passato a prendere con lo scooter la bombola da MarescaSport, sono andato a recuperare le seconde chiavi dell’auto di mia moglie a casa di mio suocero, mentre l’auto era sotto casa del fidanzato di mia figlia ….  infine sono ritornato a casa a prendere l’attrezzatura subacquea e la borsa fotografica. Alle 9:45 ero, in orario, sul piazzale dove i miei amici erano già intenti alla vestizione. Nicola ed Antonella mi vengono incontro offrendomi la possibilità di trasportare l’attrezzatura usando una “carriola” messa loro a disposizione dal loro amico pescatore Nicola. Trasporto tutto il materiale agevolmente risparmiando uno sforzo dannoso per la mia colonna vertebrale malconcia. Siamo quindi pronti ad immergerci, il mare è calmo con lo scriroccho che “spiana” il mare, ma l’acqua è chiaramente torbida. Decidiamo di mantenerci in sulla punta in prossimità del manufatto in cemento, senza raggiungere la parete dove solitamente ci immergiamo.
La visibilità è scarsa anche in profondità, mentre Nicola, Ciro e Rossella si mantengono più alti, io e Antonella scendiamo sul fondo fino a raggiungere la sabbia, ci addentriamo verso il centro della baia e poi ritorniamo indietro, dopo aver visto svariate Pinna nobilis morte ed una “gallinella” che non si lasciava avvicinare come accade di notte. Sulla parete guardiamo nei buchi in cerca di cavallucci marini e gattucci, ma oggi non siamo fortunati. Rientriamo a terra dopo circa 60′ d’immersione, idonei per testare la nuova configurazione dei flash Ikelite 161 ed il nuovo oblò da 9″ di ISOTTA.

Concludiamo la piacevole mattinata con un immancabile selfie ricordo della bella giornata, un tuffo che si era complicato non poco. 

Immersione Notturna

Finalmente anche l’anno 2018 è stato bagnato, anche se il tempo ed il luogo non doveva essere quello odierno … avevo in programma una “fuga” a Saline Ioniche per andare a trovare il mio amico Domy Tripodi al Ficarella Diving Center, ma le condizioni meteo-marine avverse (anche qui a Sorrento) mi hanno fatto desistere. 
Stamattina sono sceso a guardare da vicino il mare dopo alcuni giorni chiuso in casa a causa della pioggia intensa. C’è risacca ma l’acqua sembra accettabile, torno a casa e completo la preparazione dell’attrezzatura fotografica. Le condizioni del mare non sono ottimali ma è l’occasione questa per portare in acqua i nuovi flash Ikelite 161 comandati con fibra ottica, accoppiati ai nuovi bracci Isotta galleggianti. Ho da collaudare anche i miei nuovi “denti bionici” che il dentista mi ha “montato” prima di Natale e che mi ha costretto ad una pausa “tecnica” proprio quando il meteo era magnifico!
Verso le 18 mi metto in moto, prendo l’auto di mia moglie e passo a prendere l’attrezzatura in garage ma non trovo un accessorio indispensabile …. il cordino con i moschettoni che mi serve per richiudere la muta stagna! Passo a vedere nella mia auto ma non c’è! Maledizione …. ritorno al garage invano, eppure l’avevo sistemato nella tasca della muta e non c’è! Riapro il borsone e finalmente, guardando con più attenzione, trovo l’attrezzo agganciato al GAV …. me ne ero dimenticato. Ok, adesso sono pronto ma sono le 19 quando finalmente arrivo al posto d’immersione. Mentre mi vesto chiacchiero con gli immancabili pescatori che puntualmente ripropongono le solite, beneauguranti, domande …. Quanto dura la bombola? A quanti metri scendete? Ah, fate le fotografie, allora non andate a pescare? Ma non avete freddo? Rispondo divertito e completo la vestizione, chiudo l’auto e scendo in acqua dalla spiaggia. L’acqua è terribile, lattescente  nei primi metri, fortunatamente in profondità le condizioni migliorano. Sorvolo il fondo fangoso in cerca di soggetti … trascorrono alcuni minuti senza nessun incontro, poi da lontano vedo l’inconfondibile pinna dorsale del pesce San Pietro. Sono sui -30 metri e il pinnuto mi porta verso il largo. Non posso trattenermi a lungo e lo lascio andare verso il fondo. Risalgo verso quote più tranquille ed incontro quattro pesci serpente a poca distranza in metri tra di essi. Un piccolo cavalluccio marino su una cima abbandonata, alcuni paguri e un paio di granchi facchini. Sono prossimo a rientrare quando incontro un piccolo polpo che sta terminando il pasto e poi una grande seppia che sembra particolarmente collaborativa. Scatto molte foto per provare i flash,  ma non sono a mio agio a causa della lunga inattività … ne riduco la potenza che è superflua in queste condizioni. La seguo mentre nuota portandomi lontano dai riferimenti del fondo …. mentre cambio il setup della fotocamera la perdo di vista e …. mi perdo anche io …. sono costretto a risalire in superficie per orientarmi. Sono tornato indietro di un lungo tratto e mi tocca pinneggiare molto per rientrare a terra. Sono soddisfatto e contento per aver inaugurato questo nuovo anno con il mio “amico” Zeus, non resta che tornare a casa per la cena!