Archivi tag: Fotosub

Immersione Notturna

La sosta invernale del campionato di calcio modifica le abitudini dei “malati” di calcio come me … non c’è da guardare in TV l’amata Juventus (che abitualmente gioca di sabato o domenica sera) …  e non resta che dedicarsi all’amore più grande …. il MARE!

Al termine di una bella giornata soleggiata, trascorsa in famiglia a sistemare casa e ad ordinare la mia stanza dei giocattoli, finalmente in serata posso andare in acqua. In settimana mi sono lasciato ingannare dal meteo confidando in due giorni buoni consecutivi, ma mi sbagliavo … così mi sono organizzato subito per immergermi.

Grande dubbio, cosa montare … è da tempo che, grazie allo stimolo ricevuto alcuni anni fa dal mio amico e maestro Mimmo Roscigno, di notte sono solito montare un grandangolare, Tokina 10-17 mm o Sigma 15 mm all’interno del Microdome di Isotta. Ho così realizzato numerose immagini spesso anche vincenti nei concorsi, ma al contempo mi sono accorto di essere in carenza di nuove foto macro. Non mi piace riproporre nei concorsi foto vecchie, essendo sempre desideroso di scattare qualcosa di ancora più bello ed interessante.

Faccio così un cambio “tattico” sperando di non pentirmene … monto infatti il Micro Nikkor 60 mm e riporto in acqua i flash Inon che sono una garanzia, questo per non inserire troppe variabili contemporaneamente, lasciando a casa i nuovi Ikelite 161.

Raggiungo il punto d’immersione e mi trattengo a parlare durante la vestizione con i miei amici pescatori, Raffaele O’ Messican e Michele O’ Biond, che mi aiuta nella chiusura della cerniera e mi passa anche la fotocamera prima di andarsene a cena.  L’acqua è cristallina, il mare è calmo e c’è alta marea, mi immergo e inizio a osservare il fondo guardando tra le alghe in cerca di cavallucci marini. Dopo pochi minuti incontro il primo esemplare della serata, una femmina. Mi trattengo a lungo provando a giocare anche con l’illuminazione creativa. Trascorro quasi 30 minuti a fotografarla a circa -10 metri d’acqua … ma mi rendo conto di rischiare di “perdermi” qualche incontro più a fondo e così decido di scendere in cerca del mio amico Zeus. Questa sera non incontro il pesce San Pietro e me ne risalgo di nuovo nel basso fondale. La serata è magra, gratificata solo dall’incontro di altri due cavallucci marini maschi, sempre di color bruno, a cui dedico tutto il tempo restante dell’immersione. Poco prima di risalire, ecco il grande rammarico … un enorme polpo si sposta sul fondo in cerca di prede, mi avvicino ma quasi subito si allontana lentamente planando via lontano dalle mie potenti luci. Sarebbe stato un soggetto ideale per il Microdome! Vabbè, non posso lamentarmi però!

Cala di Puolo con Jacques Cousteau

“Per chi è interessato all’immersione di domani, per problemi tecnici, l’appuntamento è spostato alle 9:45. Ciao da Antonella”

Una mezz’ora può cambiare una giornata ….. la lettera di Antonella ai soci dell’Associazione Jacques Cousteau che preannunciava un cambio d’orario, è stata particolarmente gradita dal sottoscritto che, essendo sprovvisto di bombole cariche ed automobile, non sarebbe riuscito a raggiungere gli amici all’appuntamento, causa problemi tecnici …. Così, dopo esser passato a prendere con lo scooter la bombola da MarescaSport, sono andato a recuperare le seconde chiavi dell’auto di mia moglie a casa di mio suocero, mentre l’auto era sotto casa del fidanzato di mia figlia ….  infine sono ritornato a casa a prendere l’attrezzatura subacquea e la borsa fotografica. Alle 9:45 ero, in orario, sul piazzale dove i miei amici erano già intenti alla vestizione. Nicola ed Antonella mi vengono incontro offrendomi la possibilità di trasportare l’attrezzatura usando una “carriola” messa loro a disposizione dal loro amico pescatore Nicola. Trasporto tutto il materiale agevolmente risparmiando uno sforzo dannoso per la mia colonna vertebrale malconcia. Siamo quindi pronti ad immergerci, il mare è calmo con lo scriroccho che “spiana” il mare, ma l’acqua è chiaramente torbida. Decidiamo di mantenerci in sulla punta in prossimità del manufatto in cemento, senza raggiungere la parete dove solitamente ci immergiamo.
La visibilità è scarsa anche in profondità, mentre Nicola, Ciro e Rossella si mantengono più alti, io e Antonella scendiamo sul fondo fino a raggiungere la sabbia, ci addentriamo verso il centro della baia e poi ritorniamo indietro, dopo aver visto svariate Pinna nobilis morte ed una “gallinella” che non si lasciava avvicinare come accade di notte. Sulla parete guardiamo nei buchi in cerca di cavallucci marini e gattucci, ma oggi non siamo fortunati. Rientriamo a terra dopo circa 60′ d’immersione, idonei per testare la nuova configurazione dei flash Ikelite 161 ed il nuovo oblò da 9″ di ISOTTA.

Concludiamo la piacevole mattinata con un immancabile selfie ricordo della bella giornata, un tuffo che si era complicato non poco. 

Immersione Notturna

Finalmente anche l’anno 2018 è stato bagnato, anche se il tempo ed il luogo non doveva essere quello odierno … avevo in programma una “fuga” a Saline Ioniche per andare a trovare il mio amico Domy Tripodi al Ficarella Diving Center, ma le condizioni meteo-marine avverse (anche qui a Sorrento) mi hanno fatto desistere. 
Stamattina sono sceso a guardare da vicino il mare dopo alcuni giorni chiuso in casa a causa della pioggia intensa. C’è risacca ma l’acqua sembra accettabile, torno a casa e completo la preparazione dell’attrezzatura fotografica. Le condizioni del mare non sono ottimali ma è l’occasione questa per portare in acqua i nuovi flash Ikelite 161 comandati con fibra ottica, accoppiati ai nuovi bracci Isotta galleggianti. Ho da collaudare anche i miei nuovi “denti bionici” che il dentista mi ha “montato” prima di Natale e che mi ha costretto ad una pausa “tecnica” proprio quando il meteo era magnifico!
Verso le 18 mi metto in moto, prendo l’auto di mia moglie e passo a prendere l’attrezzatura in garage ma non trovo un accessorio indispensabile …. il cordino con i moschettoni che mi serve per richiudere la muta stagna! Passo a vedere nella mia auto ma non c’è! Maledizione …. ritorno al garage invano, eppure l’avevo sistemato nella tasca della muta e non c’è! Riapro il borsone e finalmente, guardando con più attenzione, trovo l’attrezzo agganciato al GAV …. me ne ero dimenticato. Ok, adesso sono pronto ma sono le 19 quando finalmente arrivo al posto d’immersione. Mentre mi vesto chiacchiero con gli immancabili pescatori che puntualmente ripropongono le solite, beneauguranti, domande …. Quanto dura la bombola? A quanti metri scendete? Ah, fate le fotografie, allora non andate a pescare? Ma non avete freddo? Rispondo divertito e completo la vestizione, chiudo l’auto e scendo in acqua dalla spiaggia. L’acqua è terribile, lattescente  nei primi metri, fortunatamente in profondità le condizioni migliorano. Sorvolo il fondo fangoso in cerca di soggetti … trascorrono alcuni minuti senza nessun incontro, poi da lontano vedo l’inconfondibile pinna dorsale del pesce San Pietro. Sono sui -30 metri e il pinnuto mi porta verso il largo. Non posso trattenermi a lungo e lo lascio andare verso il fondo. Risalgo verso quote più tranquille ed incontro quattro pesci serpente a poca distranza in metri tra di essi. Un piccolo cavalluccio marino su una cima abbandonata, alcuni paguri e un paio di granchi facchini. Sono prossimo a rientrare quando incontro un piccolo polpo che sta terminando il pasto e poi una grande seppia che sembra particolarmente collaborativa. Scatto molte foto per provare i flash,  ma non sono a mio agio a causa della lunga inattività … ne riduco la potenza che è superflua in queste condizioni. La seguo mentre nuota portandomi lontano dai riferimenti del fondo …. mentre cambio il setup della fotocamera la perdo di vista e …. mi perdo anche io …. sono costretto a risalire in superficie per orientarmi. Sono tornato indietro di un lungo tratto e mi tocca pinneggiare molto per rientrare a terra. Sono soddisfatto e contento per aver inaugurato questo nuovo anno con il mio “amico” Zeus, non resta che tornare a casa per la cena!

Posto Segreto – Immersione Notturna

Volere è potere …… Desideroso d’andare in acqua prima di un futuro stop a causa di un nuovo intervento odontoiatrico, ho da risolvere un  problema tecnico …. chiudere da solo la cerniera dorsale della muta stagna  … e ovviamente riaprirla! 

Rientro da lavoro in auto come al solito ed entro nello studio a preparare la fotocamera rimontando il Sigma 15 mm ed il microdome Isotta sulla Nikon D800. Sono le 19 quando scendo di nuovo per andare in garage, prendo la muta stagna ed un cordino con due moschettoni ai lati e mi dirigo al mio posto preferito. Il mare è calmo e limpido, la temperatura polare e alla marina regna una calma surreale, non si vede nessuno in giro. Inizio a montare fotocamera e bombola e poi indosso la muta …. è il momento cruciale … non ho la certezza di riuscire a chiuderela … aggancio un’estremità della cima alla cerniera e l’altra non so dove assicurarla ….. tutti i punti che esamino non sembrano fare al caso mio. Quasi disperato ritorno all’auto e mi trovo la “soluzione” davanti agli occhi: il pistone idraulico che sostiene il portellone posteriore è proprio ciò di cui ho bisogno …. anche l’atlezza è perfetta. Lo aggancio ed inizio a far scorrere la chiusura lungo la cerniera …. il primo tratto “cammina” agevolmente per poi fermarsi proprio dietro la mia nuca. Maledizione, non sembra andare …. mi contorco cercando di far avvicinare i due lembi e …. zip …. finalmente la chiusura avanza fino a raggiungere l’avambraccio destro. Un ultimo sforzo e la cerniera è chiusa completamente! WHOW! Sono felicissimo, ho risolto un grande problema! Adesso posso andare a mare da solo con questa muta stagna senza dover necessariamente comprarne una nuova con la chiusura anteriore, per sostituire la gloriosa Mobby’s che ho usato per otto anni. 

Inizio l’immersione sul fango e quasi immediatamente vedo un pesce prete. Scatto le prime foto ma i flash non sono ben posizionati. Mentre sposto la loro posizione il pinnuto sparisce alla mia vista  con uno scatto fulmineo. Inizio a scendere lungo il pendio sabbioso e non sembra esserci granché in giro, se non le grandi stelle corazzate e le immancabili triglie. Raggiungo i -30 metri e cerco qualcosa da fotografare usando i due faretti Archon montati sulla nuova staffa Isotta appena montata. Sono prossimo ad abbandonare la quota per cercare più in alto quando incontro il mio “amico” Zeus, un esemplare di medie dimensioni, abbastanza poco collaborativo … pochi scatti e mi “semina” allontanandosi nel nero della notte. Risalgo a pochi metri ma questa sera ho sbagliato l’assetto, sono troppo “positivo” avendo messo una felpa in più sotto la muta … fatico a restare fermo a fotografare. Prendo un grosso sasso e me lo porto a spasso. Raggiungo una piccola prateria di posidonia e cerco qualche cavalluccio tra le foglie. Sono fortunato ma è praticamente impossibile fotografare con “efficienza” l’ippocampo giallo che ho scovato. Più avanti ne trovo un secondo esemplare rosso mattone, ma sono ormai a corto d’aria e non riesco a scattare con la pietra tra le mani a pochi metri d’acqua. Un ultimo tentativo per ritrovare il pesce prete e sono fuori dell’acqua. Inizia adesso la seconda “prova” della serata … l’apertura della cerniera. Riaggancio la cimetta al pistone ed inizio a ruotarmi …. la zip cammina agevolmente da un’estremitá all’altra aprendosi magicamente. Evviva, sono di nuovo autonomo! Non resta che tornare a casa per la cena e una volta terminata, vado a lavare l’attrezzatura fuori al balcone. Il vento gelido che soffia mi raffredda molto più dell’acqua di mare, l’operazione viene eseguita con grande rapidità, solo allora arriva il momento di buttarsi sotto una doccia bollente!

Posto Segreto con David

Il sabato mattina è dedicato al riposo …. mentre tutti dormono ancora, scendo a comprare le sfogliatelle napoletane per i miei ospiti, David e Maria Cristina. Quando rientro a casa sono tutti svegli ed il caffé è già pronto. Tiriamo tardi a chiacchierare, fin quando ci mettiamo in moto per andare a fare una passeggiata sul Monte San Costanzo, da dove è possibile ammirare il Golfo di Salerno, le isole di Capri, Ischia e Procida, Napoli ed il Vesuvio. Raggiungiamo la frazione di Termini a Massa Lubrense e saliamo fino al punto dove bisogna lasciare l’auto ed iniziare un piccolo tratto in salita a piedi. La vista è meravigliosa ed anche la temperatura dell’aria è piacevolissima, con un bel sole caldo e assenza di vento.

Ci tratteniamo a lungo dimenticandoci dell’orologio …. sono le 14:30 quando ci muoviamo per cercare un posto dove mangiare …. ci fermiamo in un ristorante a Sant’Agata sui due Golfi, assaporando alcuni gustosissimi piatti, fin quando, orologio alla mano, decido che è il caso di muoverci per andare di nuovo a mare. Abbiamo ricevuto un invito a cena a Torca e dobbiamo fare in tempo per parteciparvi! Scendiamo così a valle e dopo esserci cambiati, sostituiamo le batterie nei flash e chiudiamo le borse sub. Prendo l’auto e porto il mio amico in un altro posto a me caro, sperando in una serata ricca d’incontri. 

Anche questa sera le condizioni sono ideali, mare calmo e acqua limpida. Ci vestiamo rapidamente, essendo in ritardo sul programma di circa 30′. Alle 18:30 stiamo nuotando in superficie per allontanarci un poco dalla riva. Scendiamo e sulla sabbia subito incontro una bella murena in caccia, David Invece si era attardato a fotografare una piccola seppia. La serata sembra promettere bene … un piccolo gronco e finalmente un cappone ubriaco. David mi raggiunge e gli lascio campo libero dopo aver effettuato qualche scatto. Ne trovo un secondo e poi un terzo esemplare a poche decine di metri di distanza. Questa sera c’è più “materiale” da fotografare. I minuti trascorrono veloci, lasciamo le zone profonde e risaliamo verso la parete dove incontro un esemplare di Tritone di Mare, un mollusco gasteropode molto raro che in oltre 40 anni d’immersione non avevo mai incontrato! Whow benissimo, peccato solo che l’animale sia poco fotogenico. Risaliamo per effettuare la decompressione mettendoci in cerca sulla sabbia e sulla ghiaia: solo qualche triglia, gli immancabili pesci lucertola, qualche tordo pavone addormentato e tante Pinna nobilis morte. Fortunatamente ne trovo una vivente, il che mi lascia sperare nella possibilità che possano un giorno ritornare a proliferare nel nostro mare. Una volta a terra, ci svestiamo rapidamente, poi di corsa andiamo a casa per fare una doccia velocissima. Le nostre signore sono già pronte, alle 21:00 siamo di nuovo in auto in viaggio di nuovo verso Sant’Agata dove ci attendono i nostri amici per cena!

Posto Segreto con David

E’ da settimane che programmiamo quest’immersione, ad inizio settimana il meteo ci mantiene in suspance, invece il weekend si presenta con un bel sole ed il mare calmo. David e Maria Cristina arrivano a casa in tarda serata, dopo aver seguito le mie istruzioni per evitare il traffico generato dalla chiusura delle gallerie di Castellammare di Stabia. Solo il tempo di sistemare le borse che già siamo pronti con i sottomuta per andare a fare un tuffo notturno in uno dei miei posti segreti.

Le condizioni sono ottimali e l’acqua è cristallina. Iniziamo ad assemblare le fotocamere e mi accorgo di aver dimenticato di rimontare sui flash inon i “cappucci” per innestare i cavi a fibra ottica! Maledizione, non ho soluzione alternativa, se non assicurarli con del nastro isolante nero …. a terra sembra funzionare perfettamente. Ci tuffiamo ed iniziamo la nostra immersione dirigendoci subito in profondità, fino a raggiungere i -40 metri. Non “gira” gran ché , solo un piccolo cappone ubriaco trovato da David, ma che fugge via rapidamente. I flash funzionano a tratti, e quasi sempre solo quello di sinistra che sono costretto a spostare centralmente per riuscire a scattare qualche foto decente. In risalita incontro qualche Alicia mirabilis e poco altro …. maledizione! Il mio amico ha fatto tanti km per venire qui ad ammirare le bellezze del Golfo di Napoli e ancora non si vede nulla di “consistente”.  Sorvoliamo il fondo fangoso a lungo, risalendo gradualmente, fino a raggiungere una grande radura di Posidonia oceanica, inizio a setacciare la zona, guardando alla base delle foglie con grande attenzione ….. ci deve essere di certo qualche cavalluccio marino …. cerco ancora ma invano, fin quando vengo attirato dal rosso bruno di un maschio che staziona alla base di una foglia. Prendo i riferimenti e vado a chiamare David che è intento a fotografare una grande stella Astropecten aranciacus, lo distolgo portandolo sul posto individuato. Quando lo individuo d nuovo mi accorgo che c’è anche un altro esemplare nascosto tra le foglie, si tratta di un maschio con la sacca rigonfia contenente le uova! Yeah, sono felice …. scatto una foto solo per ricordo e lascio spazio al mio amico che inizia a fotografare. Mentre lui scatta io cerco ancora, sperando di trovare anche un pesce ago! Sicuramente è chiedere troppo …. vedo qualche murena e tanti paguri, alcuni assembrati come a formare un cerchio e una ventina di Pinna nobilis morte, mentre le Pinna rudis fortunatamente sono vive. Ci siamo allontanati molto dal consueto punto d’uscita, durante il ritorno a terra David trova tra le foglie un terzo “destriero”, un esemplare maschio di colore giallo, un vero capolavoro. Terminiamo l’immersione soddisfatti per aver chiuso l’immersione al meglio. Appena possibile, con le mani ancora bagnate, telefono alle donne di  casa per avvisare che siamo prossimi per rientrare e quindi si può procedere a cucinare per la cena, siamo moooolto affamati!

Scubashooters.net – October 2017 Contest – Carpe Diem

Continua il momento propizio, anche nei concorsi on-line portiamo a casa qualche successo. Questa volta nel contest mensile di ottobre del portale www.scubashooters.net arriva un secondo ed un terzo posto nella serie a tema “Carpe Diem”. Bene così! 

Foto seconda classificata, Polpo che mangia una Seppia
L’immagine terza classificata, Bavosa ocellata all’interno di una coppa di plastica
il messaggio di Raffaele Livornese, uno degli amministratori del sito web
Le foto premiate sul sito scubashooters.net

Grotta dello Zaffiro con Ernesto

Appuntamento con Ernesto preso da mercoledì, quando siamo andati in acqua per fotografare le “rovine” a Massa Lubrense. E’ da tempo che  Angelo, un suo caro amico, vorrebbe visitare la grotta dello Zaffiro. Così ci siamo organizzati per assecondare il suo desiderio. Appuntamento al porto di  Marina della Lobra dove ci attende con il figlio Giuseppe ed un suo amico, proprietario di un a comodissima imbarcazione, ideale per la pesca e … per le immersioni.

Il meteo è cambiato, lo scirocco è montato ed il mare dovrebbe essere agitato sul versante Sud della penisola sorrentina. Partiamo con il mare calmo e quando doppiamo Punta Campanella il mare è abbastanza agitato, ma è possibile immergersi. Ci fermiamo al riparo dell’isolotto Isca e ci vestiamo. Quando siamo pronti ci tuffiamo sulla parete dove si apre la grotta. Entriamo ed iniziamo la visita, mentre io mi faccio aiutare a scattare alcune foto con il cavalletto. Usciamo dopo circa 40 minuti e proseguiamo all’esterno fino a raggiungere la grande spugna Axinella per effettuare una foto ricordo.
Rientriamo a casa soddisfatti per ora di pranzo, in tempo per guardare anche le partite di calcio in tv.

Mentre rientro a casa controllo il telefonino e chi sono alcune telefonate perse di amici che sento raramente (Pasquale Vassallo) o mai (Fabio Strazzi) ….. cosa molto strana ma intrigante …. finalmente a casa li chiamo e ci sono grandi notizie provenienti dal concorso  internazionale Aquatic Festival di Marsiglia!

Città Sommersa di Massa Lubrense (?) con Ernesto e Lorenza

Avevo letto qualcosa su un post uscito su facebook, poi nulla più fin quando mi giunge la telefonata del mio amico Gigi De Pasquale …. “Ciao Marco, saresti disponibile per un rilievo fotografico subacqueo archeologico? ….. ok, allora quando possiamo andare? Mercoledì …. perfetto, prima che ne chiudano l’accesso!”

Ho lavorato in questi giorni guardando il meteo previsto per il 1 novembre, giorno stabilito per il rilievo, fortunatamente la giornata è splendida, soleggiata, con mare calmo e acqua limpida!

L’appuntamento con Gigi ed i suoi amici è al porto di Marina della Lobra alle 9, con me ci sono mia figlia Lorenza, con la sua fotocamera Isotta Nikon D7200 ed Ernesto Fiorentino, mio carissimo amico e provetto subacqueo. Ci incontriamo con un veterano delle immersioni in penisola sorrentina, Lorenzo Corcione che conosco da bambino quando frequentavo il Centro Immersioni Sorrento di Guido Picchetti. Con lui ci sono Michele Giustiniani, presidente della cooperativa di Marina della Lobra e Gaetano Mastellone che ha scoperto il sito subacqueo da rilevare. Effettuiamo la vestizione sulla banchina del porto e poi saliamo sulla barca dell’A.M.P. Punta Campanella che ha autorizzato preventivamente la nostra immersione, guidati da Luca che aveva precedentemente segnalato il sito con una boa da sub. 

Mi immergo nell’acqua cristallina direttamente sopra il primo dei manufatti che sono stati avvistati …. subito mi rendo conto che chi ha visto dalla superficie queste strane “pietre” ha notato qualcosa di assolutamente anomalo. Insieme ai miei compagni inizio a scattare fotografie a questi reperti che hanno tutto l’aspetto di basi di colonne o di capitelli. Sono dispersi sul fondo a breve distanza tra loro, se ne vedono a decine, ricoperti da vegetazione algale. Lorenzo ne pulisce alcune superfici per provare ad osservare cosa c’è sotto e capirne la consistenza. Trascorriamo circa un’ora in acqua nel basso fondale ed inizio anche a girare alcuni video con la fotocamera Nikon D800 ed il Sigma 15 mm per poterli mostrare ai miei amici e poi agli esperti archeologi, per capire la reale entità di questi manufatti. 
Risaliamo a bordo felici per aver forse scritto una pagina nuova per Massa Lubrense, emozionati raccontiamo le nostre prime impressioni a caldo a Gigi che le registra con il suo telefonino. Rientriamo a terra e smontiamo tutte le attrezzature, mostro alle persone a terra le foto ed i video …. sono tutti elettrizzati … Anche Michele Giustiniani, il più cauto, sembra concorde sulla straordinarietà del ritrovamento. Non resta che tornare a casa, soddisfatti e felici, peccato solo non poter pubblicare subito il materiale …. bisognerà farlo visionare agli esperti, per evitare d’incappare in una clamorosa “svista”.  In ogni caso un’emozione grandissima condivisa con mia figlia Lorenza! 

 

 

 

Mitigliano con Punta Campanella Diving Center

Metto il naso fuori della finestra e mi accorgo che c’è un forte vento di grecale, ma il panorama è bellissimo con l’aria limpida che consente di vedere distintamente le isole d’Ischia e Procida. L’attrezzatura è pronta da qualche giorno, ma la stanchezza delle giornate lavorative mi ha frenato dall’andare a fare qualche tuffo infrasettimanale notturno. Così dopo aver sentito Gianluigi, raggiungo alle 10 il Punta Campanella Diving Center dove mi attende lo staff al completo per un’uscita con un folto gruppo di sub romani. Ci prepariamo e alle 11 siamo finalmente sui gommoni, c’è onda formata e la navigazione è bagnata da molti spruzzi. Raggiungiamo prima Punta Campanella dove c’è onda fastidiosa, ci spostiamo allo Scoglio Penna dove sembra più calmo, ma dopo un check della corrente torniamo indietro a Punta Campanella. Ormeggiamo ed io mi butto per primo anticipando come al solito il gruppo. Scendo sul fondo nei pressi del faraglione e vengo “sparato” verso in basso da una corrente insormontabile. Gonfio il gav e la muta stagna per non farmi trascinare troppo in fondo e raggiungo un punto “cieco” della corrente alle spalle del faraglione. L’aria nel gav mi “spara” verso l’alto e lo devo rapidamente sgonfiare per evitare una pallonata, mi avvicino alla roccia, assicuro la fotocamera alle cinghie del gav e mi appendo alla parete, riesco a fatica ad uscire in superficie tirandomi sulla roccia. Lancio un urlo ai miei amici per avvisarli di non far scendere nessuno in acqua perché le condizioni sono proibitive. Mi stacco dallo scoglio e mi aggancio alla cima che era stata sistemata in superficie. Vengo trainato fino a bordo, dove risalgo a fatica. Mentre ci spostiamo trascorrono alcuni minuti che mi occorrono per recuperare dall’affanno e dallo sforzo. Siamo costretti a ripiegare alla Cala di Mitigliano, l’unico punto ridossato con queste condizioni meteo. Ci tuffiamo sulla punta, dove c’è comunque un poco di corrente. Effettuo un giro panoramico ammirando con piacere tre Pinna nobilis vive, oltre ad un paio di grandi esemplari morti. Termino l’immersione nei pressi della grotta dove non è possibile entrare a causa della risacca. Edoardo, che ha raggiunto la punta dove si trova la condotta dell’acquedotto che porta l’acqua a Capri, ci racconta di aver visto tanti barracuda ed alcune ricciole in caccia. Anche la navigazione di rientro in porto è bagnata dagli spruzzi delle onde. Raggiungiamo il diving e come al solito fuggo via rapidamente. Ho fretta perché devo andare a prendere mia moglie che è a lavoro a Napoli e poi devo tornare in tempo per vedere Milan-Juve in tv.