Archivi tag: Filippo Borghi

Puolo con Filippo, Edo, Pietro e Mimmo

Disteso sul lettino ricevo una telefonata da mio fratello, mentre scrivo sul blog il resoconto mattutino. Mi avverte che non sarà con noi stasera poiché domattina la sveglia suona presto per andare a lavoro. Rientro a casa e riassemblo la fotocamera con un nuovo corredo ottico, montando il Tokina 10-17 mm. Mangio qualcosa di leggero prima di scendere per andare al diving alle 20 dove trovo i miei amici a tavola per la cena.

Aspettiamo che sia terminata e saliamo sul gommone con direzione Cala di Puolo. Il cielo è sereno e pieno di stelle, la luna è nuova ed il mare abbastanza calmo. Ci immergiamo disposti a raggiera in cerca del Pesce San Pietro, io sono all’estrema sinistra sotto la parete rocciosa, poi c’è Filippo, Pietro, Edoardo e Mimmo. Subito incontro un granco in caccia fuori tana, lo seguo per parecchio tempo cercando di anticiparlo nei suoi movimenti. I miei amici proseguono sul pendio e li perdo dopo poco, ci rivediamo in acqua bassa circa 60′ dopo, intenti alla decompressione. Una volta sul gommone apprendo con soddisfazione che Filippo è riuscito a “scovare” uno Zeus faber a -50 metri e fotografandolo lo ha portato a risalire fino a -30 metri lasciandolo all’obiettivo di Pietro che così ha potuto fotografare il suo santo. Filippo ci racconta di aver visto anche una gallinella ed un polpo di rena, niente male visto che noialtri abbiamo visto poco o nulla al di fuori di piccoli polpi, seppie e triglie.

Ritorniamo al diving e ci svestiamo. Filippo è velocissimo, come lo sono io quando ho fretta di rientrare a casa. Chiude le borse subacquee e subito si mette in viaggio per Siena, dopo aver bevuto un caffè. Mi trattengo ancora un poco con Edo, Pietro e Mimmo al bar consumando un gelato, mentre Mimmo, con il saliscendi degli spaghetti che hanno “tormentato” la sua immersione, giura categoricamente di non cenare più … prima del tuffo! È stato un grande piacere ed onore accompagnare Filippo sott’acqua, peccato debba andare già via così presto. Resto in debito con lui di un’immersione “guidata” allo scoglio proteso ….. 😃

Punta Campanella con Filippo, Pietro e Mimmo

Appuntamento alle 10 al diving per andare a Punta Campanella, finalmente incontro Pietro che oggi sarà dei nostri. Aspettiamo l’arrivo di Mimmo e di alcuni clienti snorkelisti e partiamo. Raggiungiamo la boa gialla ed ormeggiamo il gommone. Mi assumo la responsabilità di accompagnare Filippo allo Scoglio Proteso ma commetto una grave leggerezza …. non controllo il punto di riferimento sulla costa. Iniziamo a scendere e Filippo mi mostra un branco di piccoli barracuda. Gli faccio segno d’ignorarli e di segurmi, saremmo tornati a cercarli dopo. Pinneggio a lungo contro corrente, che probabilmente mi inganna, trascorre troppo tempo in navigazione e dello scoglio non c’è traccia! Chiedo subito scusa 😥  a Filippo e dirottiamo sulle gorgonie rosse, ma di certo non sono floride come quelle a cui è abituato in Toscana. L’immersione prosegue lungo il pianoro fino al faraglione, con alcuni minuti di deco da smaltire. Sono mortificato e vengo deriso dal maestro Mimmo che si diverte a stuzzicarmi. Ci spostiamo poi con il gommone all’interno della Baia di Jeranto per accompagnare gli snorkelisti per un secondo tuffo. Non avevo compreso il programma nel dettaglio e ne resto sorpreso, avendo dato appuntamento alla famiglia al mare per ora di pranzo. Quando rientriamo a terra sono già completamente svestito e pronto a tornare a casa. Raggiungo la famiglia al mare per pranzare e riposare un poco, prima di ripartire per la notturna in cui proverò a riscattare la brutta figura! 

Puolo con Filippo, Arturo e Mimmo

Un magnifico tramonto del sole dietro Ischia “incendia” la serata di ferragosto, giornata caratterizzata dall’ennesimo incendio  sul monte Faito contrastato dai Canadair. Raggiungo il diving a Marina della Lobra dopo essere stato al mare con la famiglia, con me c’è anche mio fratello Arturo che stasera mi accompagna in immersione. Arriviamo al porto nel bel mezzo della festa patronale, con migliaia di persone intervenute per ammirare la processione della Statua della Madonna. Raggiungiamo a fatica il parcheggio dei motorini, scarichiamo le attrezzature e ci incontriamo con Filippo, Mimmo & Co che stanno ultimando la cena prima di andare in acqua. Sono passato per il garage ed ho preso la muta stagna, memore del freddo patito nell’ultima notturna e che mi aveva fatto risalire in cerca di “calore”. Ci prepariamo lentamente anche perché bisogna attendere il rientro delle barche che hanno seguito la processione in mare ed anche l’amico Pietro da Roma, ma di lui nessuna traccia …

Finalmente alle 21 molliamo gli ormeggi e ci dirigiamo a Cala di Puolo. Siamo tutti desiderosi di mostrare a Filippo le bellezze del nostro mare e delle immersioni notturne a Puolo, è venuto qui proprio con questo scopo, con la speranza d’incontrare un Pesce San Pietro.  Ormeggiamo nella baia e mi accorgo di aver dimenticato il computer subacqueo nel borsone al diving. Fortunatamente Edoardo ha con se il suo orologio subacqueo Suunto che mi presta consentendomi di non abortire il tuffo. Grazie Mille Edo! Ci tuffiamo, l’acqua in superficie è torbidissima e calda, fortunatamente sotto i 15 metri è ottima e gelata. La scelta della muta stagna è stata corretta. Scendo con Arturo sul pendio sabbioso, insieme a Mimmo,  Filippo e Gianluigi che, per la prima volta, è in versione fotosub.  Ci sono tanti piccoli polpi in caccia sulla sabbia, ma anche triglie, rombi e pesci lucertola. Quando raggiungiamo la parte pietrosa del fondale incontriamo due piccole Alicia mirabilis. Dopo un primo scatto segnalo la presenza a Filippo  che è poco distante da me. Proseguiamo il giro tornando verso riva dove mi diverto a fotografare alcune grandi triglie, abbastanza confidenti sotto il potente fascio di luce della torcia Archon. Rientriamo a terra senza nessun grande sussulto fotografico, nessun “Pietro” avvistato, santo e non,  ma pronti a replicare anche domani sera!

 

Grotta dell’Isca con Filippo e Mimmo

Ci sono un napoletano, un senese e … un 1/2 napoletano e 1/2 senese che si incontrano al Punta Campanella Diving …

sembra una barzelletta ma non lo è; oggi è con me e Mimmo (il 1/2 senese) un grande fotografo subacqueo, tra i più bravi che conosco personalmente, che è venuto a trovarci da Siena  per fare alcuni tuffi con i suoi amici fotosub  napoletani. Quando arrivo al diving trovo già tutti in posizione, c’è anche Edoardo, venuto da Baia con Ivana, poi Antonella, Virgilio e lo staff al completo. Mi chiedono un consiglio sull’immersione da effettuare …. un rapido check mentale e rispondo: Scoglio dell’Isca! Ricevere l’approvazione per l’opportuna scelta del sito dal prof. Roscigno è fonte di grande soddisfazione 😁 , ci prepariamo quindi per uscire con il gommone a visitare le due cavità che si aprono al di sotto dello scoglio. 

Accompagno Filippo Borghi all’interno del tunnel subacqueo mostrandogli subito le “finestre” in cui stazionano i saraghi fasciati, poi lo lascio scattare in tranquillità e mi accorgo della presenza di un gronco in una piccola fenditura della volta. Lo fotografiamo a turno, prima che esca fuori tana per cercare un luogo più appartato. Porto quindi il mio amico a visitare la grotta che si apre nella roccia poco oltre l’uscita dal tunnel subacqueo in cui ci troviamo, ma Filippo, per evitare problemi di compensazione, non sale fino alla superficie ad ammirare la parte emersa della grotta, restando sul fondo. Ritorniamo al tunnel dove Mimmo si è trattenuto in cerca di un cavalluccio marino che era stato avvistato in situ qualche tempo fa, ma la ricerca è stata vana. Risaliamo in gommone e ritorniamo al diving con Vittoria che è costretta allo slalom per evitare la collisione con la miriade di barche che sfrecciano a ferragosto davanti a Punta Campanella. Sbarcati a terra smontiamo le attrezzature, fermandoci per un lungo pit-stop, attendendo la sera …. più tardi ci aspetta una bella immersione notturna a Puolo, a cui si aggiungerà anche mio fratello Arturo e  il “romano” Pietro, ma questa però, è la barzelletta seguente 😅!

Vervece con Mimmo e Filippo Borghi

Nella notte è tornata l’ora solare, l’occasione per dormire un poco in più ed approfittare per guardare il MotoGP in televisione. Alle 9:00 sono al diving con il sottomuta per la stagna e la mia fotocamera con il microdome, ma ho portato anche il 105 micro per un successivo tuffo.

Anche oggi mi immergo con Mimmo e Filippo, in cerca di crinoidi e dei loro ospiti. Il meteo è molto migliorato ed il sole riscalda l’aria mentre il mare è veramente calmo. Andiamo al Vervece e mi immergo da solo e mi dirigo verso le gorgonie gialle, poi raggiungo quelle rosse. L’acqua è piena di flocculi sospesi e le condizioni non sono ottimali per delle foto panoramiche. Il fondale è ormai completamente modificato rispetto al passato, infatti, dopo il danno arrecato dai pescatori di datteri di mare,  sulla roccia su cui cresceva un ricco “coralligeno” adesso cresce tantissima Caulerpa racemosa, che ha asfissiato qualsiasi altra forma di vita, animale e vegetale; un vero scempio. Fortunatamente il pesce non manca anche se ce ne dovrebbe essere molto di più, a distanza di quindici anni dall’istituzione della A.M.P. Punta Campanella. Trovo infatti alcune lenze impigliate tra le rocce, segno evidente che di malintenzionati ce ne sono ancora tanti che disturbano così la fauna ittica del luogo.

Fortunatamente in alcuni punti le margherite di mare hanno ripreso a crescere, sono numerose le chiazze arancioni che si vedono sulla parete rocciosa, ma nulla di confrontabile rispetto a ciò che esisteva prima del danno. Risalgo quindi a bassa quota per effettuare la sosta di sicurezza, dove incontro un paio di scorfani.

Mimmo e Filippo sono sul pianoro in cerca dei gamberetti sui crinoidi ma anche in questo caso la ricerca è infruttuosa. Tornati a terra, causa il rientro a Siena di Filippo, decidiamo di abortire la successiva uscita, rientro così a casa per andare a pranzo.

 

 

Scoglio Penna con Mimmo e Filippo Borghi

Le temperature sono scese sensibilmente dalla mia ultima immersione, per questo decido di passare in garage a prendere la sacca con la muta stagna in trilaminato, quella in neoprene è ancora non utilizzabile a causa di un foro sul ginocchio che mi impedisce di usarla. Soffia un vento teso di tramontana che smuove il mare e rende impraticabile raggiungere la Baia di Puolo e la Punta del Capo di Sorrento.

Raggiungo con lo scooter il Punta Campanella Diving Center dove mi attende Mimmo con un suo caro amico, Filippo Borghi, venuto di primo mattino da Siena per un weekend dedicato alla ricerca del gamberetto dei crinoidi. La sorpresa è anche quella di trovare David Salvatori “senza muta”, essendo impegnato con il grafico a sistemare le ultime pagine del suo libro. Quando tiro fuori la muta dalla borsa, mi accorgo che manca il sottomuta che ho lasciato nell’armadio a casa. Vabbè, userò la muta umida.

Partiamo con leggero ritardo con direzione Scoglio Penna a causa di qualche inconveniente con la fibra ottica alla fotocamera di Mimmo e raggiungiamo lo scoglio dove residua una intensa onda lunga. Ci tuffiamo tutti in cerca di crinoidi, ne troviamo solo un paio ed ovviamente la sessione è abbastanza infruttuosa, termino così l’immersione a scattare qualche foto per non tornare senza foto. Arrivati a terra, saluto e vado via, dando appuntamento per domani.

Vervece e Punta Campanella

Dopo la storica figuraccia rimediata dall’Italia ieri sera al mondiale brasiliano, stamattina vado a risollevarmi con una bella doppia immersione con il Punta Campanella Diving Center. Oggi infatti è programmato un mega raduno di fotografi, tra cui spiccano Adriano Morettin, Filippo Borghi, Roberto Erta e Nadia Chiesi, Pietro Cremone, Raffaele Livornese e Emanuela Purificato, Gabriella Luongo, Raffaele D’Aniello, Antonio Cusano, Salvatore Carbone, Enzo Troisi ed il Boss della Fotosub … Mimmo Roscigno.

Raggiungo il diving con lo scooter alle 8:30, Gianluigi ci accoglie con una buonissima torta caprese e dei dolcini mignon per festeggiare il suo onomastico ed il compleanno di Edo, grande festa!

La giornata è soleggiata ed il mare splendido. Sto montando la fotocamera quando vien fuori l’occasione di provare il minidome Saga Dive con il Sigma 15 mm ritagliato, gentilmente prestatomi da Pietro. Usciamo con la barca in direzione del Vervece dopo aver caricato tutti a bordo …. siamo tanti, infatti un gruppo è diretto a Montalto con il gommone. Raggiungiamo l’ormeggio predisposto sotto il pelo dell’acqua, per cui scendiamo finalmente con la barca ferma ed i motori spenti.

Accompagno Pietro, Nadia e Roberto nel nostro giro intorno allo scoglio, portandoli prima alle gorgonie rosse. Da lontano si vedono sfrecciare molti dentici e qualche piccola cernia. Raggiungiamo poi le gorgonie gialle sul retro dello scoglio e proseguiamo verso terra in cerca dei barracuda che questa volta non si lasciano vedere. Risaliamo e rientriamo al diving per mangiare un boccone e sostituire le bombole.

Ritorno in mare nel pomeriggio ma questa volta mi sposto sul gommone per essere in acqua con Mimmo, Filippo ed Enzo. Siamo diretti a Punta Campanella, in particolare Gianluigi ci porterà alla Grotta dei Gamberi. C’è un poco di vento ma nulla di fastidioso. Ci immergiamo nell’acqua limpida e raggiungiamo la grotta in profondità, dopo aver ammirato una enorme gorgonia rossa che si protende nel blu per oltre un metro e mezzo. Da qui mi sposto ritornando sotto il faraglione di Punta Campanella e poi vado in cerca della grotta con gli Apogon. Termino l’immersione a pelo d’acqua cercando di inseguire i cefali che nuotano nella schiuma. Rientrati al diving, mentre sto sistemando le attrezzature fotografiche, squilla il telefonino … è mia figlia che mi segnala un malore di mia moglie Mariolina. Maledizione, non resta che scappare  subito a casa, dopo aver salutato al volo quasi tutti gli amici!