Archivi categoria: Posto Segreto

Posto Segreto in solitaria “con Fabio” – Immersione Notturna

Ci sono giornate nelle quali, nonostante ci sia la disponibilità di tempo, non hai voglia d’immergerti. Ieri infatti non ho avuto la forza di prepararmi ed andare in acqua con i miei amici dell’Associazione Cousteau, reduce da una giornata di particolare impegno emotivo. La cosa mi preoccupa poco, da stamattina infatti sono di nuovo carico per una nuova giornata di lavoro ed una bella serata al mare in solitaria! Lascio casa dopo aver messo in carica tutte le batterie e vado a lavoro bello motivato. Quando durante la giornata do uno sguardo alle immagini pubblicate dai miei amici mi accorgo che il caro Fabio Russo è tornato per qualche giorno in penisola sorrentina ed è stato in acqua ieri sera con loro. Mi scrive un messaggio e ci accordiamo per andare insieme a mare stasera. Così la mia immersione serale diventa “in solitaria con Fabio” anche perché riuscire a stargli dietro sott’acqua equivale a restare solo in ogni caso!

Passo a prenderlo a casa alle 20:30 e con molta calma ci dirigiamo nel luogo d’immersione.

Alle 21:30 siamo in acqua, la visibilità è buona già nei primi metri. Percorriamo un tratto in superficie e poi scendiamo in parete. Fabio individua qualcosa su una gorgonia bianca e mi segnala la cosa allontanandosi per lasciarmi campo libero d’azione … intravedo dei piccolissimi gamberetti che perdo continuamente d’occhio, solo dopo, a terra Fabio mi mostra il gamberetto bianco di ignota attribuzione tassonomica che voleva farmi fotografare!

Lo raggiungo di nuovo mentre fotografa un grosso polpo fuori tana, mi segnala e va via … arrivo, scatto allontanandomi per farlo entrare nel fotogramma del Micro Nikkor 60 mm montato sulla Nauticam NA-D850. Ne scatto alcuni particolari e … non mi accorgo che nel buco sottostante c’è anche la femmina pronta per l’accoppiamento!

A poca distanza c’è una piccola aragosta, nelle spaccature vedo alcune Galatea strigosa e tanti gamberi Stenopus, scorfani e scorfanetti, cipree e cimazi. Anche un altro polpo è all’ingresso della sua tana e sta uscendo, scatto ma vedo da lontano il segnale luminoso di Fabio. Corro subito da lui e mi mostra un bellissimo cavalluccio marino maschio con un “pancione” pieno della sua progenie. È in una posizione scomoda, molto dentro la spaccatura della roccia, sposto i bracci Flex-Arm per riuscire ad avvicinarmi il più possibile ma l’ingombro delle lampade non mi consente di avvicinarmi di molto. Mentre scatto esegue dei movimenti con il capo, immagino che possa iniziare il rilascio dei piccoli, ma non accade nulla! Proseguo e sulla via del ritorno, mentre controllo continuamente la posizione del mio amico che sparisce dietro le pareti rocciose, incontro un grosso paguro ed infine, negli ultimi metri d’acqua prima di risalire, alcune piccole triglie, una coppia di granchi in accoppiamento ed un bellissimo Pleurobranchus testudinarius (lumaca tartaruga) che passeggia sul fondo ciottoloso. Non sto ovviamente a ribadire che il caro Fabio si è già spogliato e quando risalgo, mi aiuta a prendere la fotocamera ed i piombi mentre esco dall’acqua. Ce ne torniamo così a casa verso mezzanotte, soddisfatti per la bella serata trascorsa insieme, Fabio ha una grande abilità nel cercare i soggetti, ma dovrò istruirlo a dovere per farmi da “badante”, costringendolo ad aspettarmi prima di passare oltre! Grande Fabio, grazie per le foto e non mandarmi l’avvocato!

Posto Segreto – Immersione Notturna

Ieri non mi è stato possibile festeggiare come avrei voluto il mio 51° compleanno. Sono rientrato tardi da lavoro e non avevo nulla pronto ma anche, stranamente, poca voglia di andare in acqua. Oggi invece, grazie al meteo favorevole, sono riuscito ad organizzarmi per un tuffetto in solitaria. Ho atteso a casa il tramonto del sole dopo aver assemblato la fotocamera Nauticam NA-D850 con il 60 mm ed i flash Ikelite DS161 e finalmente mi sono avviato nel mio posticino prediletto, dove regnava una calma assoluta, con mare piatto ed acqua apparentemente limpida. Una volta entrato in acqua mi rendo conto invece che la visibilità non è ottimale, c’è una “lattescenza” residua causata dal moto ondoso dei giorni scorsi. Questa serata sembra essere subito interessante, sul fondo sabbioso ci sono tanti misidiacei ed avannotti, cibo per i predatori che si aggirano nei pressi del fondo. Sorvolo il sabione in cerca di soggetti interessanti e la mia torcia Orcatorch D620 illumina da lontano un piccolo Zeus faber. È bellissimo, cerco di non disturbarlo ed “apro” i flash per evitare di catturare sul fotogramma la sospensione che c’è nell’acqua. Mi avvicino ed inizio a scattare, sotto la lampada resta quasi immobile, mentre guizzano intorno a lui tanti pesciolini … non sono sufficientemente pronto a scattare quando improvvisamente ne ingoia uno con la sua bocca protrattile. Lo aspetto per un poco con la speranza che lo faccia di nuovo ma non sono fortunato. Allora mi avvicino ed inizio a scattare più insistentemente, ma poi lo lascio andare via perché sono all’inizio dell’immersione. Più in basso trovo un piccolo capone ubriaco che inizia a mangiare i gamberetti attirati dalla mia lampada. I movimenti sono fulminei, non riesco ad immortalarlo con la bocca aperta, ma in un’immagine si vede un sassolino catturato erroneamente insieme alle prede che viene subito sputato; sarebbe stato più opportuno girare un video. Nel momento nel quale mi avvicino di più, il pesciolino schizza via nel buio della notte. Proseguo fotografando alcuni sparidi addormentati e una coppia di Simnia spelta, una ciprea che vive sulle gorgonie bianche Eunicella singularis. Fotografarle è un’impresa, non riesco a d inquadrare come desiderato, essendo impossibilitato a ruotare la fotocamera in verticale per la troppa vicinanza della gorgonia al fondo. Incontro di nuovo il piccolo pesce San Pietro, il tempo di qualche altro scatto in doppia esposizione e mi saluta, ormai disturbato dai potenti flash. Sotto una pietra dorme una piccola cernia alessandrina, mentre gli scorfani sono intenti a cacciare. Uno di essi ha preso un granchio, ma è in una posizione difficile da fotografare, si sposta un poco più in là e lo ingoia quasi completamente, lasciando fuoriuscire solo un ultima zampetta … l’immagine non è proprio come avrei voluto realizzarla. Me ne torno a riva dove ci sono svariati pesci lucertola, cerco qualche tracina ma non sono fortunato. Un cerianto sfrutta la mia lampada per catturare alcuni anellidi attirati dalle mie luci, questa volta riesco a fotografare tutta la scena a dovere. Rientro a terra soddisfatto per aver festeggiato adeguatamente il mio compleanno nonostante mi sia perso alcune buone occasioni stasera di animali che mangiano  altri animali. Intanto è mi venuta fame …  vado a cenare anch’io!

Posto Segreto con Pasquale Vassallo

È da tempo che desideravo immergermi con il mio amico (e grande fotografo subacqueo) Pasquale Vassallo, ma gli impegni di lavoro mi hanno sempre impedito di realizzare il progetto. Oggi finalmente, grazie ad alcuni giorni di ferie non programmati, sono riuscito ad andare in acqua con lui. La giornata è magnifica, primaverile, mare calmo ma acqua torbida, raggiungo Pasquale che mi attende al porto  di Baia. Prendiamo un bel caffè e dopo aver posato la mia vettura ci spostiamo con la sua auto nel suo regno. Pasquale mi guida nei suoi luoghi del cuore e questa è la cosa più bella! Siamo stati a lungo in acqua in apnea, nonostante un piccolo imprevisto con la fibra ottica che mi ha costretto a tornare a terra per sostituire i cavi. La giornata è stata magnifica, con scorci mozzafiato che mi hanno lasciato esterrefatto. Per ringraziarlo della sua gentilezza, mi guardo bene dal pubblicare le foto scattate, ma vi assicuro, che prima o poi, con il suo consenso, ve le mostrerò!

Rientriamo a prendere la mia auto dove incontriamo tanti amici che sono di ritorno da un’immersione nella zona archeologica, ci salutiamo qui, dandoci appuntamento per i prossimi giorni!

Posto Segreto con Fabio – Immersione Notturna

Sorrento è illuminata a festa per il Natale, l’albero in Piazza Tasso è acceso da giorni così come le luminarie che adornano le strade ed i negozi …. anche il cielo si colora … di rosa ed anche io decido di portare in acqua un pò di colore …. 

Ore 18 appuntamento a casa di Fabio, carichiamo tutto nell’auto, poi passiamo da Marescasport a prelevare le bombole cariche e ci dirigiamo al nostro posto prediletto, Fabio è in cerca di cavallucci marini e speriamo di trovarne ancora in situ, come accade di frequente in questo posto. Anche oggi ho montato il 60 Micro Nikkor sulla mia Nikon D850, ma in abbinamento ai due flash Ikelite DS161 montati sui bracci galleggianti Flex-Arm, ho portato ben 5 lampade colorate, per provare a giocare un poco con la luce. Ci vestiamo e scendiamo in mare nell’acqua cristallina, decidiamo di seguire il percorso predefinito ed iniziamo la ricerca. Subito ci accorgiamo che avremo difficoltà …. una lunga rete da pesca è stata calata nello specchio d’acqua dove non dovrebbe esserci! Trascorriamo circa 90′ in acqua zigzagando per evitare la “barriera”, solo alla fine, incontriamo due ippocampi, uno scorfano ed una mazzancolla, ma la poca aria nelle bombole ci ha costringe a salutarli prestissimo. Rientriamo a terra comunque soddisfatti, pronti per il prossimo tuffo che speriamo di effettuare martedì!

 

Posto Segreto – Immersione Notturna

… e dopo il pranzo della Domenica c’è solo … la “notturna” della Domenica!
Tutto pronto da giorni, ma ancora una volta, prima la schiena e poi il vento forte, mi hanno impedito di andare in acqua durante la settimana. Per alleviare il mal di schiena sono stato costretto ad assumere qualche bustina di antinfiammatorio che fortunatamente mi ha rimesso in ordine, pronto all’azione. Anche stasera ho montato sulla Nikon D850 in custodia Isotta, il Micro Nikkor 60 mm abbinato ai due flash Ikelite DS161. La temperatura esterna si è sensibilmente abassata ed è quindi ideale per riportare in acqua la muta stagna SANTI acquistata da Fabio Petricelli di Sub Evolution Baia durante l’Eudishow di Bologna. Quando scendo da casa con il sottomuta Flexi90, i passanti mi osservano straniti, recupero l’auto e carico le attrezzature a bordo. Sono le 18 quando lascio il garage dove sono passato a prendere le bombole cariche. Mi metto in viaggio e raggiungo il mio angolino “privato”, scendo dall’auto e vado a guardare il mare che è leggermente mosso a causa del vento di questi giorni. Le condizioni meteo, tutto sommato, sono idonee per un tuffo in sicurezza, così inizio la mia vestizione. Entro nell’acqua torbida, smossa dalle onde e decido di dirigermi in profondità per evitare la risacca del basso fondale. Verso i 15 metri la visibilità inizia a migliorare, a 30 è proprio limpida, qui inizio a perlustrare il fondale fangoso ….. una grande stella spinosa passeggia sul substrato in cerca di cibo, poco più in là c’è un piccolo gronco in caccia. La serata sembra promettere bene, dopo qualche minuto vedo da lontano un piccolo capone ubriaco (Trigloporus lastoviza) semi seppellito. Mi avvicino ed inizio a scattare. Dopo qualche lampo si sposta ed io lo seguo cercando di non perderlo subito, cosa che accade inesorabilmente di lì a poco. Proseguo in profondità, ma non trovo più nulla d’interessante, naturalmente risalgo di una quindicina di metri e continuo a cercare. Un bellissimo verme pavone (Sabella pavonina) ed un piccolo polpo sono gli unici incontri, la serata non sembra riservare ulteriori sorprese, invece tra i ciottoli riesco a notare le inconfondibili forme di un cavalluccio marino. Mi dedico a “lei” fin quando non decide di allontanarsi, poi incontro un ghiozzo boccarossa (Gobius cruentatus) che ha deposto le uva all’interno di una “nacchera” (Pinna nobilis) morta. L’aria è quasi finita, avendo speso parecchio tempo in profondità,  non ho modo di “trattenermi” quando un piccolo pesce San Pietro per un attimo si lascia fotografare, prima di fuggire verso il basso. Non posso inseguirlo e comincio a ripensare alla scelta strategica errata che ho fatto. Perdo quasi la concentrazione e rischio di non vedere nell’acqua torbida, un secondo cavalluccio di mare mimetizzato tra i sassi. Centellino ogni “goccia d’aria” anche per fotografare una tanuta che mi mostra la coda e non ha intenzione di farsi fotografare di faccia, ma dopo 80 minuti è il tempo di risalire. Mi spoglio e telefono subito a mia moglie, ho fatto tardi e potrebbero essere preoccupati. Avviso che è tutto ok e che di lì a poco sarò di nuovo a casa, la cena è pronta in cucina, non resta che svuotare l’auto e correre a tavola perchè mi è venuta una gran fame!

Immersione Notturna con Fabio e Francesco

… “e allora Fabio, ti porto le caramelle?” e lui mi risponde “no no, sono giá a posto così!”

Il vento teso di libeccio è finalmente calato, lasciando un cielo privo di nubi ed il mare calmo. E’ da una settimana che è qui in penisola sorrentina il mio amico Fabio e non c’è stato meteo clemente per fare un tuffo insieme. Solo stasera è possibile immergerci, con l’acqua che nel frattempo si è ripulita dopo le mareggiate. L’appuntamento è per le 20 sotto casa sua, mentre Francesco ci aspetta sul punto d’immersione. Ho portato una bombola carica per il mio amico, venuto dal Nord a salutare i familiari, priva delle “caramelle” per montare gli erogatori sulla rubinetteria; montiamo le attrezzature in spiaggia, dopo aver sistemato l’auto, appena pronti c’immergiamo nell’acqua trasparente. Trovo subito un piccolo pesce serpente e poi un cefalo sulla sabbia, apparentemente reduce da una fuga da una rete, visti i segni presenti sul suo capo. Trascorro oltre 90’ in giro sulla sabbia attaccato alle pinne di Fabio che mi mostra in sequenza un granchio testa di morto Ilia nucleus, un riccio di sabbia, un polpo, una polpessa, un polpo moscardino, il polpo lilliput Octopus dephilipii ed infine un nudibranco Felimare picta. Proprio mentre mi trattengo a fotografarlo perdo di vista i miei amici che nel frattempo hanno guadagnato terra. Risalgo a fatica sulla spiaggia che mi fa sprofondare sotto l’enorme peso della fotocamera, della bombola e … della zavorra che ho utilizzato per immergermi in acqua bassa. Solo allora i miei amici possono aprire l’auto, le cui chiavi erano in mio possesso. Fabio mi accoglie con una fragorosa risata, mostrandomi le sue forme da Omino-Michelin, pieno d’acqua fino alle gambe all’interno della muta stagna! Ci svestiamo rapidamente e vista l’ora e le condizioni disperate del mio amico, decidiamo di abortire la programmata pizza per far rientro subito a casa. Anche questa volta, una serata da ricordare!

 

 

Immersione notturna con Rosario

Mentre sono a lavoro mi arriva una notifica di messaggio di WhatsApp del mio grande amico Rosario … “che impegni hai per stasera? Facciamo una bella notturna?” … nemmeno il tempo di leggera e già rispondo … “certamente, ma non ho la bombola carica anche per te. Se tu sei ok ci vediamo direttamente verso le 1930 sotto casa mia”.

Con il calare delle tenebre mi accorgo che la luna è enorme e luminosissima, non il massimo per andare in acqua … raggiungiamo il punto d’immersione e ci vestiamo. Il cielo è pieno di stelle ed il mare calmissimo e …. illuminato dalla luna! Quando entriamo in acqua il fondale è ben visibile anche senza utilizzare le lampade. Scendiamo lungo il pendio sabbioso in cerca di soggetti, Rosario ha montato l’8-15 mm Canon  e, per la prima volta,  i flash Ikelite DS 161, sorretti dai bracci galleggianti Flex-Arm. Io invece ho optato per una soluzione più conservativa, utilizzando i sempreverdi ed affidabili Inon Z240 con i diffusori GloDive,  anche perché le batterie dei miei DS161 sono ancora scariche, abbinati al Sigma 15 mm e Microdome Isotta.

Il pendio è deserto, nemmeno le triglie ed i latterini ci sono stasera …. bah cerchiamo ancora più in basso e finalmente incontro un capone ubriaco. Lo segnalo a Rosario che si avvicina ed inizio a scattare per riprenderlo in azione. Sarà l’unico soggetto degno di nota dell’immersione che concludiamo razzolando nel basso fondale, ma una serata sempre piacevole anche quando gli incontri sono radi, l’importante è andare in acqua e questa volta con una gradita compagnia. Non resta che confidare in serate più produttive, ma l’unico modo per verificarlo è tornare al più presto in mare ancora! Buon rientro a casa Rosario, grazie ancora per avermi fatto compagnia …. e fatti sentire più spesso!

 

Immersione Notturna

Lo sciabordio del mare che raggiunge la spiaggia è l’unico rumore che si apprezza, il silenzio è rotto dal suono della campana che rintocca otto volte; nello stesso istante mi tuffo in un’acqua anche oggi cristallina, in cerca di soggetti da fotografare con l’obiettivo Micro Nikkor 60 mm. Questa volta tiro dritto subito verso il fondo senza indugiare a bassa quota e raggiungo i -25 metri dove trovo alcune attinie Andresia partenopaea che si ergono dal fango mostrando i tentacoli ritti in cerca di prede. Proseguo incontrando alcune stelle corazzate fino a trovare un capone ubriaco. Scatto alcune foto ma avrei sfruttato al meglio l’occasione se avessi portato anche lo Snooty del mio amico Fabio Iardino. Dopo poco però mi lascia di stucco, schizzando via lontano dalle potenti lampade Archon che utilizzo per illuminare il buio della notte. Incontro il primo cavalluccio marino della serata, abbarbigliato allo scheletro di una gorgonia, più tardi ne trovo altri due, uno dei quali è una giovane femmina di cavalluccio camuso e nulla più. Anche stasera pochi incontri ma molto interessanti, rientro a casa sperando di aver portato a “carniere” qualche scatto buono per i concorsi del 2018. Mentre sciacquo l’attrezzatura nel lavatoio fuori al balcone ed inizio a stenderla mi accorgo di alcune piccole gocce di pioggia che iniziano a cadere … pochi minuti dopo la pioggia è battente …. avrei potuto risparmiarmi il lavaggio! Bene così, ho fatto il pieno d’azoto in modo da sopravvivere ai prossimi quattro giorni di riunione di lavoro che mi aspettano!

 

Immersione Notturna

La sosta invernale del campionato di calcio modifica le abitudini dei “malati” di calcio come me … non c’è da guardare in TV l’amata Juventus (che abitualmente gioca di sabato o domenica sera) …  e non resta che dedicarsi all’amore più grande …. il MARE!

Al termine di una bella giornata soleggiata, trascorsa in famiglia a sistemare casa e ad ordinare la mia stanza dei giocattoli, finalmente in serata posso andare in acqua. In settimana mi sono lasciato ingannare dal meteo confidando in due giorni buoni consecutivi, ma mi sbagliavo … così mi sono organizzato subito per immergermi.

Grande dubbio, cosa montare … è da tempo che, grazie allo stimolo ricevuto alcuni anni fa dal mio amico e maestro Mimmo Roscigno, di notte sono solito montare un grandangolare, Tokina 10-17 mm o Sigma 15 mm all’interno del Microdome di Isotta. Ho così realizzato numerose immagini spesso anche vincenti nei concorsi, ma al contempo mi sono accorto di essere in carenza di nuove foto macro. Non mi piace riproporre nei concorsi foto vecchie, essendo sempre desideroso di scattare qualcosa di ancora più bello ed interessante.

Faccio così un cambio “tattico” sperando di non pentirmene … monto infatti il Micro Nikkor 60 mm e riporto in acqua i flash Inon che sono una garanzia, questo per non inserire troppe variabili contemporaneamente, lasciando a casa i nuovi Ikelite 161.

Raggiungo il punto d’immersione e mi trattengo a parlare durante la vestizione con i miei amici pescatori, Raffaele O’ Messican e Michele O’ Biond, che mi aiuta nella chiusura della cerniera e mi passa anche la fotocamera prima di andarsene a cena.  L’acqua è cristallina, il mare è calmo e c’è alta marea, mi immergo e inizio a osservare il fondo guardando tra le alghe in cerca di cavallucci marini. Dopo pochi minuti incontro il primo esemplare della serata, una femmina. Mi trattengo a lungo provando a giocare anche con l’illuminazione creativa. Trascorro quasi 30 minuti a fotografarla a circa -10 metri d’acqua … ma mi rendo conto di rischiare di “perdermi” qualche incontro più a fondo e così decido di scendere in cerca del mio amico Zeus. Questa sera non incontro il pesce San Pietro e me ne risalgo di nuovo nel basso fondale. La serata è magra, gratificata solo dall’incontro di altri due cavallucci marini maschi, sempre di color bruno, a cui dedico tutto il tempo restante dell’immersione. Poco prima di risalire, ecco il grande rammarico … un enorme polpo si sposta sul fondo in cerca di prede, mi avvicino ma quasi subito si allontana lentamente planando via lontano dalle mie potenti luci. Sarebbe stato un soggetto ideale per il Microdome! Vabbè, non posso lamentarmi però!

Immersione Notturna

Finalmente anche l’anno 2018 è stato bagnato, anche se il tempo ed il luogo non doveva essere quello odierno … avevo in programma una “fuga” a Saline Ioniche per andare a trovare il mio amico Domy Tripodi al Ficarella Diving Center, ma le condizioni meteo-marine avverse (anche qui a Sorrento) mi hanno fatto desistere. 
Stamattina sono sceso a guardare da vicino il mare dopo alcuni giorni chiuso in casa a causa della pioggia intensa. C’è risacca ma l’acqua sembra accettabile, torno a casa e completo la preparazione dell’attrezzatura fotografica. Le condizioni del mare non sono ottimali ma è l’occasione questa per portare in acqua i nuovi flash Ikelite 161 comandati con fibra ottica, accoppiati ai nuovi bracci Isotta galleggianti. Ho da collaudare anche i miei nuovi “denti bionici” che il dentista mi ha “montato” prima di Natale e che mi ha costretto ad una pausa “tecnica” proprio quando il meteo era magnifico!
Verso le 18 mi metto in moto, prendo l’auto di mia moglie e passo a prendere l’attrezzatura in garage ma non trovo un accessorio indispensabile …. il cordino con i moschettoni che mi serve per richiudere la muta stagna! Passo a vedere nella mia auto ma non c’è! Maledizione …. ritorno al garage invano, eppure l’avevo sistemato nella tasca della muta e non c’è! Riapro il borsone e finalmente, guardando con più attenzione, trovo l’attrezzo agganciato al GAV …. me ne ero dimenticato. Ok, adesso sono pronto ma sono le 19 quando finalmente arrivo al posto d’immersione. Mentre mi vesto chiacchiero con gli immancabili pescatori che puntualmente ripropongono le solite, beneauguranti, domande …. Quanto dura la bombola? A quanti metri scendete? Ah, fate le fotografie, allora non andate a pescare? Ma non avete freddo? Rispondo divertito e completo la vestizione, chiudo l’auto e scendo in acqua dalla spiaggia. L’acqua è terribile, lattescente  nei primi metri, fortunatamente in profondità le condizioni migliorano. Sorvolo il fondo fangoso in cerca di soggetti … trascorrono alcuni minuti senza nessun incontro, poi da lontano vedo l’inconfondibile pinna dorsale del pesce San Pietro. Sono sui -30 metri e il pinnuto mi porta verso il largo. Non posso trattenermi a lungo e lo lascio andare verso il fondo. Risalgo verso quote più tranquille ed incontro quattro pesci serpente a poca distranza in metri tra di essi. Un piccolo cavalluccio marino su una cima abbandonata, alcuni paguri e un paio di granchi facchini. Sono prossimo a rientrare quando incontro un piccolo polpo che sta terminando il pasto e poi una grande seppia che sembra particolarmente collaborativa. Scatto molte foto per provare i flash,  ma non sono a mio agio a causa della lunga inattività … ne riduco la potenza che è superflua in queste condizioni. La seguo mentre nuota portandomi lontano dai riferimenti del fondo …. mentre cambio il setup della fotocamera la perdo di vista e …. mi perdo anche io …. sono costretto a risalire in superficie per orientarmi. Sono tornato indietro di un lungo tratto e mi tocca pinneggiare molto per rientrare a terra. Sono soddisfatto e contento per aver inaugurato questo nuovo anno con il mio “amico” Zeus, non resta che tornare a casa per la cena!