Archivi categoria: Julian Nedev & Plamena Mileva

Tre Polpi Veraci a Trieste (Premiazione Concorso MareNordEst 2018)

Non appena sono stati pubblicati i risultati del concorso MareNordEst 2018 è “partito” un gruppo su messenger con i miei amici napoletani Pasquale Vassallo e Salvatore Ianniello, per organizzare il viaggio per partecipare alla premiazione. Trieste non è proprio dietro l’angolo, c’è voluto il gran lavoro di Pasquale per organizzare il tutto ottimizzando costi ed orari, ma l’occasione di incontrare tanti fotosub, a partire dal mio amicone Alberto Gallucci, non andava persa!
Raggiungiamo Venezia in aereo, poi con un’auto raggiungiamo  Miramare dove sostiamo per ammirare da vicino il Castello che si affaccia a mare …. il mitico sito dove Adriano Morettin fotografa da qualche decennio le meduse …. E’ immancabile quindi il selfie dei tre “polpi veraci” napoletani sotto le mura del castello. 
Ci tratteniamo giusto il tempo di ammirare ogni scorcio del luogo, dopo poco ripartiamo per raggiungere la stazione dove ci attendono Emanuele Vitale, l’organizzatore, Elio Nicosia, Alberto e la fashion underwater photographer Plamena Mileva, arrivata da Varna per la premiazione e per mostare il backstage del suo lavoro subacqueo con le modelle. 

Mangiamo qualcosa tutti insieme ma devo confessare che non ricorderò di certo questa nostra “gita” per il cibo …. ovviamente anche a pranzo prosegue la sessione selfie. Raggiungiamo così l’hotel dove finalmente riusciamo a fare una tonificante doccia, per mitigare il gran caldo che attanaglia la città. Nemmeno il tempo di rivestirsi che bisogna già scendere per raggiungere il molo 4 dove è prevista la cerimonia di premiazione. Qui incontriamo i membri della giuria, Adriano Morettin, Gianni Pecchiar ed il CT della nazionale italiana di fotosub Michele Davino, ma anche il resto dei fotografi premiati. 

La premiazione ci tiene fino al termine incollati al maxischermo, in attesa di conoscere il vincitore del premio Best of Show che viene assegnato meritatamente (come da mio pronostico nella chat) al magnifico scatto di Pasquale. 
Ci spostiamo così in un locale dove ceniamo intorno ad un lunghissimo tavolo, ahimè troppo lungo per conversare con gli amici seduti dall’altro lato. La birra scorre a fiumi e ne perdiamo il conto, la serata si scalda con gli sfottò al mio amico Alberto e a Taturiello che ci rallegra con le sue freddure. Tiriamo fino a tarda ora, la birra bevuta mi costringe alla ricerca di un bar ancora aperto dopo la mezzanotte per acquistare qualche litro d’acqua per dissetarci. Dopo esser rientrato in camera dove mi attendono i miei assetati amici, mi addormento quasi all’istante, lasciando increduli i due  durante la nostra conversazione. 

Ci alziamo in ogni caso presto per fare la prima colazione, ci raggiungono anche Elio ed Emanuele per prendere un caffè, poi ci spostiamo in centro per visitare la grande e bellissima piazza che si affaccia sul mare, dove è in corso lo svolgimento di una pulizia dei fondali delle acque antistanti, con decine di subacquei impegnati. Restiamo in giro fino alle 13 quando, dopo aver salutato Plamena, Emanuele ed Elio nei pressi della Sazione, iniziamo il viaggio di ritorno verso Venezia. L’impresa del rientro a casa è un’ardua sfida, a causa del grande volume dei borsoni ricevuti in premio da trasportare in aereo come bagaglio a mano supplementare, ma una sfida vinta alla grande. Sbarchiamo così in serata a Capodichino dove finalmente possiamo gustare una tazza di “vero” caffè!

Tyulenovo – Apnea con Plamena

Mi trovo in Bulgaria per puro caso, alcuni mesi fa, visitando il sito underwaterphotography.com su cui pubblico numerose immagini, mi capitò di commentare una bellissima e misteriosa immagine di Plamena Mileva, una fotografa di moda bulgara, nella quale non riuscivo a capire se la foto fosse scattata in mare o in un lago. Nessuna delle due ipotesi era corretta al 100% …. la foto era stata scattata nel Mar Nero!

In seguito ad una lunga corrispondenza tramite Facebook, abbiamo quindi  deciso di organizzare un workshop di fotografia subacquea per condividere le esperienze italiane con quelle dei fotografi bulgari.

Sono arrivato in tarda serata a Varna dopo aver fatto scalo a Sofia, dove mi hanno raggiunto Plamena e suo marito Julian Nedev che gentilmente mi ospiteranno a casa loro durante questa settimana. Dopo una gustosa cena a base di pesce e tantissima birra, in un ristorante sulla spiaggia, andiamo a dormire dopo aver scoperto che Julian ha la mia stessa storia fotografica, figlio del primo fotografo subacqueo bulgaro, di cui ha seguito le orme fin da piccolo, attualmente è il fotosub più conosciuto della sua nazione.

La mattina è trascorsa da turista in giro per Varna, la seconda città per importanza in Bulgaria, fin quando raggiungiamo lo StudioProtey.com, il laboratorio fotografico della coppia dove andiamo a recuperare le attrezzature prima di spostarci con l’auto a Tyulenovo, la zona più a nord della regione, distante oltre un’ora di auto, quasi al confine con la Romania. Questo è il famoso luogo dove Plamena aveva scattato  la sua foto con una modella che fuoriusciva magicamente da un tappeto di alghe. Prima pranziamo in un ristorante vicino alla baia, poi mi portano ad ammirare il magnifico arco naturale che si tuffa in mare e le tante grotte marine che si aprono lungo la costa, per poi di tuffarci in apnea per qualche foto.

Ho montato il Tokina 10-17 con il minidome ed i due flash Sea&Sea ed inizio a scendere in acqua tra i ciottoli pieni di alghe. Il mare è agitato dal vento e le condizioni della visibilità non sono ottimali. Melone il tempo di infilare la testa sott’acqua che vengo aggredito da un piccolo serpente, probabilmente una biscia, che si avvicina minacciosamente al mio oblò. Inizio a scattare a caso fin quando mi arriva vicinissimo e sono costretto a spostarmi. Un attimo dopo è lontano dalla mia vista. Che peccato, una incredibile situazione mi si è prospettata ma non sono riuscito a catturarla a dovere.

Proseguiamo e andiamo in giro tra le onde e gli scogli, non le condizioni ideali per delle foto in apnea, ma utili solo per prendere idea della flora e fauna del Mar Nero, simile ma più povera di specie e colori rispetto al Mar Mediterraneo dove la salinità dell’acqua è molto più elevata. Sono presenti bavose, gobidi, labridi, gamberi e tanti granchi, vista l’abbondanza di alghe, ma incontriamo anche alcune piccole meduse Aurelia aurita trasportate a riva dalla corrente.

Terminiamo la nostra sessione e mentre rientriamo a Varna approfitto per un riposino. Il tempo di passare allo studio fotografico a prendere altre attrezzature e siamo di nuovo in moto per andare presso la piscina comunale per uno shooting di prova che Plamena deve effettuare prima di andare ad Eilat per il World Shoot Out 2014. Raggiungiamo l’enorme complesso sportivo dove ci sono ben tre piscine olimpioniche, la piattaforma per i tuffi e tutto l’occorrente per la pallanuoto. Trasportiamo con l’ascensore a bordo vasca tutto il materiale ed osservo i preparativi della modella che viene vestita progressivamente di luce da Plamena. Infatti le ha fatto confezionare un vestito da medusa ornato da luci a led e dovrà fotografarla in acqua con l’aiuto di suo marito Julian che è dedito a sostenere tre potenti lampade colorate. Osservo le operazioni prima all’asciutto, poi li raggiungo in acqua per guardare da vicino e per aiutarli a mantenere i vestito nella giusta posizione. Una situazione veramente interessante ed un’esperienza che mi mancava!

A tarda sera, dopo la prova in piscina, passiamo al supermercato Piccadilly, aperto 24 ore su 24 per comprare qualcosa per la cena che si protrae fino a notte fonda, tra commenti e valutazioni su cosa ha funzionato e cosa no durante la sessione odierna. Sono le 02:00 quando andiamo a dormire, fortunatamente domani mattina non c’è nulla di importante in programma, per cui possiamo dormire senza sosta.