Archivi categoria: Gianluigi Di Maio

Iups Weekend 

È da settimane che insieme all’amico Edoardo del Punta Campanella Diving siamo impegnati ad organizzare questo I.U.P.S. Italian Underwater Photography Society weekend e finalmente è arrivato il giorno d’incontrare gli amici fotografi.

Appuntamento al diving alle 10:00 ma io sono lì già dalle 9:00. Enzo Troisi si è anticipato come me, ma dopo pochissimo arrivano anche David Salvatori e Maria Cristina, Gabriella Luongo, Mimmo Roscigno, Pietro Cremone, Guido Villani, Pierluigi Gagliardo e Luisa ed infine il fotografo “del popolo” Raffaele D’Aniello.

Attendiamo il rientro del gommone con Lisa e Vittoria che sono andate con alcuni clienti al Vervece alle 8:00 di mattina e partiamo alla volta dello Scoglio a Penna. Il gommone, pieno di grandi fotografi, raggiunge il punto d’ormeggio. Il vento ha agirato un poco il mare ma il contributo del transito delle barche contribuisce a sballottarci abbondantemente durante la vestizione.


L’acqua è limpida, mentre attraverso il buco tra gli scogli riesco ad intravedere un branco di saraghi fasciati che solitamente stazionano in questo punto. Mi fermo a fotografare il passaggio dei miei amici poi scendo verso le gorgonie rosse insieme a loro.  Mentre loro fotografano mi sposto contro corrente in cerca dei barracuda. Li trovo dove ipotizzavo ma sono lontani nel blu, insieme ad una famiglia di cernie dorate. Mi ha seguito Pietro con il quale tento di “intrappolare” il branco di saraghi aggirandoli per metterli in mezzo alle nostre fotocamere. Risaliamo infine a bordo e torniamo al diving.

Dopo un breve intervallo ed un piccolo spuntino, ritorniamo in acqua. Ho cambiato fotocamera, ho preso la Nikin D7200 posando la D800e e ci tuffiamo all’interno della Cala di Puolo dove il mare è abbastanza agitato. Trascorriamo circa 80′ in immersione e poi torniamo di nuovo alla base.

È finalmente il momento di un lungo pitstop con anche il … rifornimento. Mentre attendiamo l’orario di cena mi diverto ad interviatare l’amico Raffaele per la rubrica del portale fotosub.net Trentaseipose, supportato dalle domande del mitico Direttore Roscigno e di David Salvatori. Dopo sostituisco le batterie nei flash e nella torcia, prepariamo le attrezzature in gommone e ci fermiamo al “Paguro” per mangiare un piatto di pasta. Attendiamo così le 22:00 prima di uscire di nuovo per l’immersione notturna. Sono felicissimo perché nel frattempo ci ha raggiunto anche mio fratello Arturo che mancava da tempo sitto il pelo dell’acqua.

Il vento intanto è calato ed anche il mare è migliorato ma residua ancora una fastidiosa onda … per il mio stomaco. Sorprendentemente non mi disturbo, ma sott’acqua “accuso” la bassa temperatura e mi mantengo a bassa quota dove l’acqua è più calda. Mi diverto a provare il nikkor 40mm sulla Nikon D7200. Trascorro altri 70 minuti sott’acqua e nonostante le 100 BAR residue della bombola me ne rusalgo colto da ipotermia. Mi riprendo solo sotto la doccia calda così come Maria Cristina, anche lei infreddolita dalla bassa temperatura. Si conclude così una gran bella giornata, peccato aver perso il Pesce San Pietro trovato da Arturo e “ceduto” galantemente a Gabriella, Edoardo e Pietro. Chi mi conosce bene sa che non avrebbe avuto molto spazio per fotografare se lo avessi trovato io 😆!

 

Cala di Puolo – Immersione Notturna con David, Gabriella e Mimmo

La settimana lavorativa è stata intensa e piena di “nubi”, come quelle che oggi sono arrivate a smorzare leggermente l’afa di questi giorni. In serata però un vento di tramontana ha spazzato via le nuvole portando via anche le “turbolenze” accumulate. Così, una volta rientrato a casa ho potuto dare sfogo al desiderio di andare in acqua. Al Punta Campanella Diving mi attende David, venuto da Roma e Mimmo e Gabriella. Hanno già effettuato un’immersione in mattinata e sono in attesa della notturna. Quando arrivo al diving c’è un gran numero di subacquei e passa a salutarci anche il milanese Paolo che è in vacanza qui in Penisola Sorrentina. Il vento è in continuo rinforzo ed il mare si è agitato, mettendo a serio rischio l’uscita in mare. Attendiamo le 21 e decidiamo di uscire nonostante il moto ondoso. Ci immergiamo con ancora luce all’orizzonte, un poco troppo presto per fare incontri interessanti. Infatti la prima parte dell’immersione è veramente magra di soddisfazioni, l’acqua è limpida e piena di minuscoli gamberetti misidiacei, in quantità mai vista così prima d’ora.  Solo con il passare dei minuti, quando la serata è “maturata” si incominciano a vedere alcuni soggetti. Risaliamo a bordo del gommone con il moto ondoso che è aumentato, il rientro in porto avviene comunque in tutta sicurezza, assicurato dalla grande maestria di Gianluigi ai comandi. Quando finalmente raggiungiamo il porto, mi trattengo con i miei amici a cena, tirando molto tardi a parlare di fotografia subacquea …… cosa ci può essere di più piacevole?

Relitto del Vervece

E’ da una settimana che il tuffo al relitto del Vervece è programmato, con tanto di evento pubblicato sui social …. ed in tanti siamo oggi in acqua. Il gommone è pieno fino al massimo della disponibilità consentita dall’A.M.P. Punta Campanella in zona A, il mare è calmo ma la temperatura dell’aria è torrida; alle 9 del mattino bisogna già passare a bagnare la la testa sotto la doccia del Punta Campanella Diving prima di saltare in gommone.  

Raggiungiamo il punto stabilito divisi in tre gruppi: Gianluigi e Vittoria accompagneranno alcuni sub scendendo sull relitto e proseguiranno verso lo scoglio del Vervece, dove il secondo gruppo guidato da Lisa inizierà la sua immersione, il terzo gruppo, composto da me medesimo e la mia fotocamera, resterà sul relitto per effettuare una immersione “quadra”. 

La corrente muove tanto particolato nella colonna d’acqua ma la visibilità è comunque accettabile, in grado da far distinguere chiaramente la sagoma del cargo dall’alto. Scendo lungo la sagola e raggiungo la zona poppiera ed attendo l’arrivo dei subacquei. Li lascio sfilare e mi sposto verso la parte sovrastante, per poi entrare all’interno della stiva dove a dritta si vede un grande foro sulla chiglia. L’interno della stiva è ricoperto da spugne, mentre migliaia di castagnole rosa si muovono tra le lamiere. Avevo portato con me un terzo flash per realizzare qualche scatto più creativo, ma senza collaborazione ho desistito. Raggiungo la prua del cargo, quando i miei amici hanno da tempo iniziato lo spostamento verso l’isolotto, mi trattengo qualche altro minuto e prima di risalire vado a scattare una foto ad una grande spugna che avevo visto durante la discesa. Non resta che effettuare la lunga decompressione ed attendere vicino al pallone segna-sub che i miei amici mi vengano a recuperare, leggermente preoccupato dal vedere sfrecciare, incuranti dei divieti, numerosi “pirati del mare” all’interno delle boe che delimitano la zona A. 

Rientrato al diving mi accorgo di avere un foro nella sacca del GAV che prontamente Gianluigi mi ripara prima di uscire in mare di nuovo per andare alla grotta di Mitigliano. Saluto il folto gruppo e torno a casa, oggi sono soddisfatto e non mi pesa saltare un’immersione. Torno a casa e posata la fotocamera, torno al mare raggiungendo la famiglia in spiaggia dove, tra un bagno e l’altro, ho il tempo di guardare con l’iPad sia la gara di MotoGp che quella di F1. 

Scoglio Proteso e Grotta di Mitigliano

L’afa di questi giorni non ci lascia dormire. Così svegliarsi mezz’ora  prima del solito per andare al Punta Campanella Diving non è un problema. C’è calma piatta sul mare che ammiro percorrendo il lungo il nastro d’asfalto che mi porta a Marina della Lobra, quando arrivo non c’è ancora nessuno al diving, ma alle 9:00 in punto però, siamo già tutti operativi e pronti a partire per un doppio tuffo.

Raggiungiamo Punta Campanella e ormeggiamo alla boa. Mi separo subito dal gruppo nuotando in superficie per avvicinarmi e raggiungere lo Scoglio Proteso. L’acqua è particolarmente limpida e mi consente di identificarlo da lontano. Mi trattengo a scattare alcune immagini fin quando vedo sopraggiungere Gianluigi ed il gruppo. Mi sposto allora verso la parete dove si apre la piccola grotta piena di Apogon dove incontro Vittoria con Enzo ed Antonella. Proseguo il mio tour dirigendomi verso il faraglione di Punta Campanella per andare a raccogliere i frammenti di roccia staccati dalla parete dai datteri per recuperare parte delle colonie di Astroides che giacciono sul fondo. Scarto tra di esse per cercare quei pezzetti più integri da portare nel mio acquario mediterraneo. Lì potranno sopravvivere nutriti artificialmente con naupli di astemia salina insieme alle gorgonie che ho raccolto in precedenti immersioni, staccate dalle lenze dei pescatori. Nella mia passeggiata incontro due belle cernie mentre dei barracuda non c’è traccia. 

Rientro a bordo e ci spostiamo nella Cala di Mitigliano. Facciamo un poco di sosta in superficie e poi ci prepariamo di nuovo a scendere all’interno della grotta. Questa volta scende in acqua anche Virgilio, ma non entrerà nella grotta che ha scoperto 50 anni fa insieme a mio padre, andandosene in giro per la baia. Noi invece entriamo nella profonda caverna. La visibilità è ottima all’esterno ed all’interno della grotta. Entro per primo e poi attendo il passaggio dei mie compagni. Raggiungiamo fino il fondo e saliamo nei camini che salgono fino in superficie, attraversando gli strati d’acqua dolce, per poi tornare all’esterno. Mi fermo nella parte dell’avangrotta per sfruttare la grande visibilità, ma peccato che i miei compagni sono già andati via, sarebbero stati ottimi soggetti per una bella foto. Quando torno in superficie mi accorgo che il gommone è ormeggiato nei pressi della spiaggia …. un lungo tratto da fare a nuoto in superficie. Meglio proseguire sott’acqua ammirando le salpe, le castagnole e le donzelle che nuotano vicino alla parete verticale. 

Sono particolarmente soddisfatto, la bella giornata prosegue nel pomeriggio al mare con mia moglie, mentre le ragazze sono  impegnate nelle prove del saggio di danza. Peccato solo che la cappa di calore sia accompagnata alla pioggia che nel tardo pomeriggio ci invita a tornare a casa!

Punta Campanella e Vervece con Marco Cesaroni

La delusione è cocente e dura da digerire, l’ennesima finale persa dalla Juve suona ancora come una enorme beffarda maledizione. L’unica soluzione valida per mitigare la tristezza è fare un carico extralarge del mio mare! Così di buon mattino mi sono recato a Marina della Lobra dove mi attendono Gianluigi, Lisa, Rosy e Vittoria del Punta Campanella Diving. Oltre al mitico Virgilio è presente anche l’amico Marco Cesaroni, grande istruttore subacqueo, con il suo allievo Antonio. La giornata è splendida ed il mare ancora calmo, non ancora agitato dai motoscafi. Raggiungiamo Punta Campanella per il primo tuffo. L’acqua è bella limpida e Gianluigi ci accompagna al   grottino a -47 metri che si trova sul fondo. Entro per primo ed attendo l’ingresso di Marco ed Antonio, cercando di non sollevare troppo fango dal fondo, mentre fotografo i gamberi che si inoltrano nelle zone più buie della cavità. Lascio spazio a loro ed esco insieme a Gianluigi dirigendoci verso il faraglione. Qui una amara sorpresa …. ancora una volta, ampie zone della parete ricoperta dalle margherite di mare è stata da poco devastata dai pescatori di datteri di mare, i residui giacciono sul fondo destinati a morte in breve lasso di tempo. Ahimè i controlli non sono efficienti e le pene tali da scoraggiarne la pesca. Sono ormai rassegnato e penso che questa mia segnalazione sia ancora una volta inutile …..

Rientriamo a terra e dopo una pausa di superficie siamo pronti ad uscire di nuovo con direzione Scoglio del Vervece. Qui l’acqua è leggermente più torbida, ma assolutamente godibile per una bella immersione. Scendiamo lungo il pendio in direzione delle gorgonie rosse, non mi spingo troppo in giù essendo alla seconda immersione e costeggio la parete il cerca del pesce san pietro visto la scorsa settimana. Arrivo fino al massone con lo spirografo senza vederlo, in compenso si fanno ammirare tre belle cernie ed i soliti barracuda, più radi del solito ma tutti esemplari di grandi dimensioni. Solo il tempo ancora di una visita alla tana della murena ed al buchetto con le margherite di mare e l’immersione è terminata. Non resta che tornare a terra e proseguire con la giornata di mare con la mia famiglia che nel frattempo è scesa in spiaggia a Sorrento. 

Vervece con Punta Campanella Diving

“… latte, pane, burro, farina, zucchero. OK, preso tutto, posso andare alla cassa”.  Pochi minuti dopo sono già sullo scooter con direzione Massa Lubrense, dopo esser passato per casa a lasciare la spesa e prendere fotocamera e muta stagna. La giornata è soleggiata ma la temperatura è autunnale. Raggiungo il diving con cinque minuti di ritardo sull’appuntamento. I ragazzi sono quasi pronti, aspettavano il mio arrivo! Sono sveltissimo nell’assemblare la fotocamera Nikon D7200 + 105 mm e inizio a vestirmi, la bombola la preparo direttamente a bordo. Pochissimi minuti di navigazione e siamo già arrivati allo … (non avevo nemmeno chiesto dove saremmo andati) … Scoglio del Vervece.

Mi tuffo anticipando il gruppo capitanato da Gianluigi, scendo lungo la boa di ormeggio in un’acqua verde bottiglia a causa delle intense piogge dei giorni scorsi. La visibilità non migliora di molto in profondità. Sul pianoro roccioso, ormai completamente coperto da Caulerpa racemosa, a 30 metri di profondità, un enorme scorfano rosso resta immobile, incurante delle mie “attenzioni”. Proseguo verso le gorgonie rosse dove nel frattempo è sopraggiunto il gruppo di sub, trascorro poco tempo con loro e risalgo lungo la parete, il computer subacqueo mi segnala già alcuni minuti di decompressione. Mi trattengo quindi lungo la parete verticale ad ammirare le giovani castagnole rosse che nuotano tra le gorgonie e le margherite di mare. Infine raggiungo la spacca a pochi metri d’acqua dove incontro due murene. Scatto anche qualche immagine con lo snoot ma le operazioni sono complesse a causa della leggera onda di risacca che residua da ieri. E’ trascorsa quasi un’ora quando odo il rombo del motore … è il segnale che sono tutti a bordo e bisogna risalire. Immediatamente saluto le due murene e risalgo in gommone. Giusto il tempo di sistemare l’attrezzatura al diving e sono di nuovo sullo scooter. Quando rientro a casa, in largo anticipo rispetto al solito, mia moglie resta sorpresa, chiedendomi: “Cosa è successo?  Non siete usciti in mare?”

 

Faraglione di Capri e Punta Tiberio

Il caffè ribolle nella moka quando prendo il telefono per controllare i messaggi. Ho già tutto pronto per l’immersione doppia odierna a Capri quando leggo la “terribile” notizia Gianluigi: “il gommone è tutto pieno, si sono aggiunte due persone e non c’è posto per te”. Lo sconforto mi attanaglia per un attimo, poi inizio a vagliare le possibili alternative per andare in acqua da solo, da terra oppure con la barca dei miei genitori … ambedue impraticabili. Infine desisto e mi dedico ad alcune piccole riparazioni domestiche prima di passare a cambiare l’acqua all’acquario. Una nuova notifica arriva sul telefonino. E’ Gianluigi che mi invita a venire lo stesso, staremo un poco stretti ma possiamo andare. Benissimo, prendo lo scooter e immediatamente vado a Marina della Lobra. Quando arrivo al diving, si sono aggiunti altri due nuovi clienti! No! Non può essere! Dovrò restare a terra!

Fortunatamente lo staff del Punta Campanella Diving è sempre pieno di risorse e … buone idee! Razionalizzando i tuffi delle guide è possibile portare qualche bombola in meno e fare posto al sottoscritto! WHOW!

Partiamo quindi alla volta di Capri con il mare che diventa sempre più agitato dalle tante barche che circolano attorno all’isola azzurra. Raggiungiamo i Faraglioni, attendo il salto in acqua di tutti i sub e finalmente, con il fidato compagno Mimmo, scendo lungo la parete del faraglione esterno fino a raggiungere il fondo dove ci sono alcuni scogli ricoperti di gorgonie rosse ed avvolti da migliaia di Anthias anthias. La permanenza sul fondo è limitata dalla profondità, i minuti trascorrono veloci, dopo poco siamo già in risalita lungo la parete coperta da gorgonie rosse e gialle. Risaliamo in gommone dopo aver effettuato un mezzo giro intorno allo scoglio. Effettuiamo una sosta in rada nei pressi della Grotta Verde, dopo circa 60′ ci muoviamo di nuovo alla volta di Punta Tiberio. Anche qui il mare è smosso dalle barche che transitano incuranti dei sub, a pochi metri dalla costa a picco, per mostrare “i fiori del corallo” che si intravedono sotto la zona di marea. Questa volta siamo i primi a saltare in acqua, anticipando il gruppo. Costeggiamo la parete e scendiamo verso il fondo ma senza poterlo raggiungere. Lì ci sono le gorgonie più belle, ma anche sulla parete lo spettacolo è assicurato. Insieme al prof. Roscigno mi trattengo ad una quota idonea ad una seconda immersione, nonostante ciò, terminiamo la passeggiata con oltre 10′ di deco. Quando saliamo a bordo il sole, sparito dietro la parete rocciosa, proietta una gelida ombra sul gommone, tale da far battere i denti. Appena possibile, quando tutti sono ormai a bordo, partiamo in cerca di sole e di calore!

Al “Paguro” intanto è in corso la festa del IV raduno BAWI ITALY, associazione di Stone Balancer provenienti da tutta Italia. Arriviamo in tempo al diving per assaggiare la buonissima “parmigiana di melanzane” (al cui pensiero era orientata la mia giornata) e tante altre prelibatezze offerte agli artisti intervenuti a Massa Lubrense. Il relax è totale, non ho urgenza di rientrare a casa come al solito, mi gusto quindi una bella “Corona” ghiacciata con gli amici Edo e Mimmo che intanto fumano un bel sigaro. What a Nice Day!

Punta Lauro e Punta del Capo

Un violento temporale si scatena mentre ruoto la vite eccentrica che serve a chiudere lo scafandro della Nikon D800e, dopo aver messo in carica le batterie dei flash. È passata la mezzanotte quando invio a Gianluigi il video appena girato con le saette che illuminano la notte, per avere notizie sull’immersione odierna. Lui mi risponde di primo mattino con un video “incoraggiante” appena girato dalla finestra di casa a Puolo, dove il mare è calmo ed il cielo velato solo da qualche nuvola. Tutto ok, accompagno mia figlia a scuola poi parto alla volta di Massa Lubrense con lo scooter.

Ho montato il Sigma 15 mm ma quando arrivo al Punta Campanella Diving decido di smontarlo per utilizzare il 105 micro. Andremo a Punta Lauro per un primo tuffo e poi a Punta del Capo per portare una coppia di turisti a fare snorkeling. In un attimo siamo sul primo punto d’immersione, mi tuffo con Virgilio lungo la parete verticale. Osservo attentamente ogni piccolo buco in cerca di soggetti. Dopo circa 30′ vengo chiamato da Lisa che mi mostra un bellissimo nudibranco Hypselodoris picta, scovato da Vittoria. Interrompo così le mie ricerche e mi dedico a fotografarlo anche in doppia esposizione, fin quando mi accorgo che sono già tutti sul gommone. Giusto il tempo di risalire è cambiare bombola e sono di nuovo in acqua venti minuti dopo, a Punta del Capo, nelle immediate vicinanze dei ruderi della villa romana di Pollio Felice. Scendo lungo la falesia ma mi fermo a circa -20m dove ci sono le gorgonie gialle. È triste constatare che resta ben poco della gialla foresta che ricopriva la roccia in questo punto. I ventagli delle Eunicelle sono “soffocati” dalle migliaia di lenze, esche artificiali e piombi, impigliati tra i rami delle gorgonie che mostrano  segni di sofferenza. Il sito archeologico è da anni il prescelto dai pescatori amatoriali che trascorrono la giornata lanciando e recuperando di continuo le loro esche artificiali, incuranti dei bagnanti e delle imbarcazioni che transitano.

Un vero scempio quello che si osserva sott’acqua, le esche sono ovunque, persino un piccolo polpo è stato ingannato: ha catturato inutilmente un pesce “finto” portandolo fino all’ingresso della sua tana, si ritrae in essa deluso, costretto a dover provvedere di nuovo alla cattura di una preda! Risalgo a bordo del gommone ed accompagniamo gli snorkelisti a Sorrento, poi torniamo al diving.

Oggi ho fatto molto tardi rispetto a quanto preventivato. Fortunatamente le mie donne, dopo l’uscita da scuola delle ragazze, sono già andate al mare. Non resta che raggiungerle per continuare la giornata con loro!

Banco di Santa Croce con Punta Campanella Diving

Dopo la bella serata trascorsa con tanti amici fotosub per festeggiare (con qualche mese di ritardo) il 50° compleanno del Prof. Roscigno, la sveglia alle 7:00 stamattina non è gradevole. Mi alzo e salto la colazione, non avendo ancora smaltito a dovere tutte le leccornie che ha preparato Mimmo con le sue mani. L’appuntamento al diving con Gianluigi è alle 8:30, per andare con un gruppo di clienti al Banco di santa Croce. Un peccato non potermi immergere più tardi con i miei amici fotosub, Gabriella, David e Cristina, che usciranno al nostro ritorno, perché nel pomeriggio ho un impegno familiare inderogabile.

Il cielo è coperto ma il mare è calmo, sullo scooter indosso un gubbino a vento, la temperatura dell’aria si è abbassata sensibilmente. Raggiungo il porto di Marina della Lobra e sistemo le attrezzature, attendendo che tutti completino la vestizione. Alle 9:00 salpiamo e con il gommone raggiungiamo in breve tempo la boa di ormeggio. Fortunatamente ancora nessuna barca è sul posto, sono quindi il primo a scendere in acqua, come spesso accade. L’acqua in superficie è torbida, migliora in profondità. Raggiungo la Gerardia e mi accorgo che ancora una volta si è spostato il selettore che limita la messa a fuoco. Non riesco così ad effettuare dei primissimi piani. Proseguo allora e mi dedico ai pesci, sempre abbondanti, che abitano la secca principale, poi decido di passare alla secca ti terra dove ci sono altre cernie e grossi dentici. In lontananza anche un’aquila di mare, ma si allontana subito. Mi “apposto” tra gli scogli cercando di non disturbare i grandi serranidi, ma il computer subacqueo già mi segnala di dover rientrare. Quando inizio il passaggio tra i due gruppi di scogli, vedo sotto di me sfrecciare ancora l’aquila di mare, questa volta è a “tiro” per qualche scatto. Ritorno alla secca principale dove trovo il gruppo intento a perlustrare alcune spaccature in cerca di scorfani, gronghi e gattucci. Li guardo dall’alto mentre sopraggiungono altri subacquei che sono appena arrivati con altri gommoni. Effettuo la decompressione sotto la boa fin quando ricevo dallo strumento il segnale per poter risalire a bordo. Rientriamo al diving dove nel frattempo sono arrivati i miei amici dopo aver lungamente riposato. Li saluto e torno a casa, nel pomeriggio mi aspetta la partecipazione ad un matrimonio!

Secca di Vetara con Enzo e Mimmo

E’ dall’istituzione dell’A.M.P. di Punta Campanella che non mi immergevo alla Secca di Vetara, zona A della riserva marina. Quando ieri ho saputo del programma odierno del Punta Campanella Diving, ho disdetto altri impegni subacquei e mi sono aggregato alla spedizione. Avevo sentito tramite sms l’amico salernitano Enzo Troisi convincendolo a venire con noi, l’occasione giusta per fargli provare il Tokina 10-17 mm con microdome di Isotta sulla sua custodia per D800.

Il gommone oggi è stracolmo di bombole e fotocamere, ci sono anche Mimmo con Monica, Edoardo e Virgilio. Navighiamo velocenente verso la meta con mare calmo e cielo sereno, posizioniamo il pallone segnasub sulla secca e ci tuffiamo, ma la corrente rende difficoltosa la discesa. Iniziamo a scendere mantenendo la parete alla nostra sinistra, andando in direzione dell’isolotto di Vetara. La secca oggi è molto diversa da come la ricordavo, con la roccia nuda coperta da ricci, stelle e spugne, miriadi di donzelle pavonine e castagnole. Adesso sembra essere nel “Mar dei Sargassi” come l’ha definito il mitico prof. Roscigno, con una copertura algale bruna che non lascia segno della roccia sottostante. Le donzelle sono meno presenti mentre abbondano le castagnole, gli sciarrani ed i tordi. Proseguiamo fino a raggiungere una piccola grotta sita a circa -30 m, poi passiamo sull’altro versante effettuando il ritorno. Una piacevole passeggiata per i subacquei nell’acqua limpida, meno interessante per noi dal punto di vista “fotografico”. Quando raggiungiamo l’ancorotto del pallone, Claudia, una delle guide del diving, ci mostra un gattuccio che riposa nella stretta spaccatura che si trova base di un grosso scoglio sul quale c’è anche un brandello di rete da pesca abbandonata con una lisca di un pesce impigliata tra le sue maglie, segno della continua violazione delle regole all’interno dell’A.M.P. . Ritorniamo al porto tra mille risate, fantasticando sui “incredibili” incontri che avremmo potuto fare … nel Mar dei Sargassi!