Archivi categoria: Double Exposures

Puolo – Immersione Notturna

Ultimo giorno dell’estate o primo dell’autunno? Questo è il dilemma! Risolvo la questione bagnando il 21 settembre perché non mi è stato possibile farlo ieri, sono rientrato tardi dal lavoro e non ero in perfetta forma, non me la sono sentita di raggiungere i miei amici dell’Associazione J. Cousteau. Oggi invece, riesco a ritagliare qualche ora tutta dedicata me, andando a fotografare il mio mare. L’attrezzature è tutta pronta ma attendo le 19 per muovermi da casa. Quando arrivo in spiaggia, con grande sorpresa, trovo una leggera onda frangere sulla riva e che ha sporcato l’acqua. Mi vesto lentamente aspettando le tenebre assolute e scendo in acqua. La visibilità è pessima, tale da farmi sbagliare direzione, sono costretto a risalire in superficie per orientarmi. Finalmente prendo la direzione giusta e scendo verso il pendio sabbioso. Incontro alcune grandi triglie e qualche mormora, oltre agli immancabili gronchi delle baleari, ad un certo punto da lontano vedo il luccichio di uno sparide …. mi avvicino e mi accorgo che non è un sarago ma un’orata. Mi avvicino ed inizio a scattare …. all’improvviso si sotterra davanti al mio obiettivo, riesco solo ad immortalare la scena, restando incredulo poiché non pensavo che anche le orate si nascondessero sotto la sabbia quando spaventate. Provo a smuovere leggermente il sedimento per fotografarla semisepolta ma con uguale prontezza, fugge via nel buio della notte. Proseguo e raggiungo la parete dove vado a cercare soggetti tra le foglie di posidonia poi risalgo ancora tenendo d’occhio ogni buco della roccia. Stasera non si vedono molti gamberi, solo qualche paguro e qualche granchio decoratore, c’è poco “movimento” e pochissimi soggetti, quindi decido di dedicarmi ad una sessione di “addestramento” e familiarizzazione con la fotocamera Nikon D850 eseguendo delle prove di doppia e tripla esposizione, usando il micro nikkor 60 mm ed i flash Inon Z240 che non usavo da molto tempo. Rientro a terra dopo 90 minuti, proprio nell’acqua torbida, all’improvviso vedo una bellissima medusa cassiopea che si specchia a pelo d’acqua. Maledizione! La configurazione montata sulla mia Isotta non è quella ottimale per fotografarla come merita, sono costretto ad allontamarmi moltissimo per riprenderla per intero, con l’acqua lattescente. Il tempo di qualche scatto e si sposta, facendomi decidere di terminare l’immersione. Non resta altro che riportare il tutto a casa, stanco ma felice per aver goduto ancora una volta delle bellezze e scoperto qualche segreto del mio amato mare “domestico”.

Immersione Notturna

Lo sciabordio del mare che raggiunge la spiaggia è l’unico rumore che si apprezza, il silenzio è rotto dal suono della campana che rintocca otto volte; nello stesso istante mi tuffo in un’acqua anche oggi cristallina, in cerca di soggetti da fotografare con l’obiettivo Micro Nikkor 60 mm. Questa volta tiro dritto subito verso il fondo senza indugiare a bassa quota e raggiungo i -25 metri dove trovo alcune attinie Andresia partenopaea che si ergono dal fango mostrando i tentacoli ritti in cerca di prede. Proseguo incontrando alcune stelle corazzate fino a trovare un capone ubriaco. Scatto alcune foto ma avrei sfruttato al meglio l’occasione se avessi portato anche lo Snooty del mio amico Fabio Iardino. Dopo poco però mi lascia di stucco, schizzando via lontano dalle potenti lampade Archon che utilizzo per illuminare il buio della notte. Incontro il primo cavalluccio marino della serata, abbarbigliato allo scheletro di una gorgonia, più tardi ne trovo altri due, uno dei quali è una giovane femmina di cavalluccio camuso e nulla più. Anche stasera pochi incontri ma molto interessanti, rientro a casa sperando di aver portato a “carniere” qualche scatto buono per i concorsi del 2018. Mentre sciacquo l’attrezzatura nel lavatoio fuori al balcone ed inizio a stenderla mi accorgo di alcune piccole gocce di pioggia che iniziano a cadere … pochi minuti dopo la pioggia è battente …. avrei potuto risparmiarmi il lavaggio! Bene così, ho fatto il pieno d’azoto in modo da sopravvivere ai prossimi quattro giorni di riunione di lavoro che mi aspettano!

 

Immersione Notturna

La sosta invernale del campionato di calcio modifica le abitudini dei “malati” di calcio come me … non c’è da guardare in TV l’amata Juventus (che abitualmente gioca di sabato o domenica sera) …  e non resta che dedicarsi all’amore più grande …. il MARE!

Al termine di una bella giornata soleggiata, trascorsa in famiglia a sistemare casa e ad ordinare la mia stanza dei giocattoli, finalmente in serata posso andare in acqua. In settimana mi sono lasciato ingannare dal meteo confidando in due giorni buoni consecutivi, ma mi sbagliavo … così mi sono organizzato subito per immergermi.

Grande dubbio, cosa montare … è da tempo che, grazie allo stimolo ricevuto alcuni anni fa dal mio amico e maestro Mimmo Roscigno, di notte sono solito montare un grandangolare, Tokina 10-17 mm o Sigma 15 mm all’interno del Microdome di Isotta. Ho così realizzato numerose immagini spesso anche vincenti nei concorsi, ma al contempo mi sono accorto di essere in carenza di nuove foto macro. Non mi piace riproporre nei concorsi foto vecchie, essendo sempre desideroso di scattare qualcosa di ancora più bello ed interessante.

Faccio così un cambio “tattico” sperando di non pentirmene … monto infatti il Micro Nikkor 60 mm e riporto in acqua i flash Inon che sono una garanzia, questo per non inserire troppe variabili contemporaneamente, lasciando a casa i nuovi Ikelite 161.

Raggiungo il punto d’immersione e mi trattengo a parlare durante la vestizione con i miei amici pescatori, Raffaele O’ Messican e Michele O’ Biond, che mi aiuta nella chiusura della cerniera e mi passa anche la fotocamera prima di andarsene a cena.  L’acqua è cristallina, il mare è calmo e c’è alta marea, mi immergo e inizio a osservare il fondo guardando tra le alghe in cerca di cavallucci marini. Dopo pochi minuti incontro il primo esemplare della serata, una femmina. Mi trattengo a lungo provando a giocare anche con l’illuminazione creativa. Trascorro quasi 30 minuti a fotografarla a circa -10 metri d’acqua … ma mi rendo conto di rischiare di “perdermi” qualche incontro più a fondo e così decido di scendere in cerca del mio amico Zeus. Questa sera non incontro il pesce San Pietro e me ne risalgo di nuovo nel basso fondale. La serata è magra, gratificata solo dall’incontro di altri due cavallucci marini maschi, sempre di color bruno, a cui dedico tutto il tempo restante dell’immersione. Poco prima di risalire, ecco il grande rammarico … un enorme polpo si sposta sul fondo in cerca di prede, mi avvicino ma quasi subito si allontana lentamente planando via lontano dalle mie potenti luci. Sarebbe stato un soggetto ideale per il Microdome! Vabbè, non posso lamentarmi però!

Cala di Puolo con Punta Campanella Diving

Dopo giorni fermi ai box a causa del mare agitato, oggi finalmente si torna in acqua. Il mare è ancora mosso e torbido, non ci sono molte opzioni disponibili … ripieghiamo alla Cala di Puolo dove il mare consente l’immersione in sicurezza. Raggiungiamo Punta Lauro dove mi tuffo insieme a Gianluigi, mentre il resto del gruppo, compreso Mimmo, si tuffa al centro della baia. Nei primi metri l’acqua è terribile …. più sotto migliora sensibilmente, essendo anche più fredda. Subito mi infilo in una piccola grotta dove staziona una bella cernia bruna che non faccio n tempo a fotografare. Proseguo di poco e ne vedo un’altra più piccola. Negli anfratti della parete c’è tanta vita: scorfanetti, castagnole, re di triglie e gamberi meccanici. Mi diverto a scattare con il 105 mm anche se avrei dovuto portare anche la lente macro +15 e lo snoot per fotografare i tanti nudibranchi che ho visto. Trascorro circa 70′ in massimo relax fin quando decido di terminare l’immersione, leggermente infreddolito. Anche oggi ho osservato alcuni “gusci” di Pinna nobilis morte, così come riferitomi anche da Mimmo e Virgilio che ne hanno viste altrettante morte. La situazione è preoccupante, speriamo di trovarne qualcuna ancora in buona salute nelle prossime immersioni. Una volta ritornato al diving, saluto gli amici e me ne vado a prendere il sole con la mia famiglia che mi attende in spiaggia a Sorrento. E domani si replica con amici in arrivo!

Immersione Notturna

La pioggia attesa in giornata non è arrivata, così ho approfittato per fare un tuffo serale, con la mia fidata compagna d’immersione … l’Isotta D800. Ho lasciato la stessa configurazione degli ultimi tuffi, con il Tokina 10-17 mm ed il microdome. Un leggero vento smuove la superficie dell’acqua, ma il mare è comunque buono e l’acqua sembra limpida. Ho deciso di invertire il percorso, per vedere cosa mi riserva la notte …. e apparentemente la scelta sembra … sbagliata.

Alcuni paguri e poche altre presenze, inizio così a fotografare una triglia che si lascia avvicinare senza grande fatica. Il pesce si sposta sul fango fino a portarmi dritto dritto verso un cappone ubriaco. Inizio a fotografarlo e dopo poco ne vedo un secondo esemplare. Dopo qualche scatto fuggono via in direzioni opposte, inizio a risalire ed incontro uno Zeus faber che, nonostante le centinaia d’incontri notturni, mi fa sobbalzare ogni volta che lo vedo. Lo inseguo a lungo per effettuare ancora una serie di scatti double exposures, fin quando il manometro ed il computer subacqueo non mi impongono di risalire.  Raggiungo una rete abbandonata nella quale c’è impigliato uno scorfanetto che è ancora vivo. Tiro fuori così il coltello e lo libero, concludendo la bella serata con un gesto spontaneo, dedicato al mio amato mare.

 

 

Immersione Notturna

La domenica è dedicata a portare a termine tutte le cose lasciate in sospeso durante la settimana, tra le tante incombenze c’era quella di liberare alcuni piccoli saraghi che avevo in acquario e che mesi fa erano scampati a morte certa, all’interno di una nassa abbandonata. Li ho rimessi in forma ed essendo ormai cresciuti, ho preferito riportarli in mare. L’acqua era cristallina, come resistere al richiamo dell’acqua salata? Così, dopo aver seguito il calcio in tv ed ammirato le foto degli amici che sono andati ad immergersi a Cala di Puolo, ho preso l’attrezzatura e sono andato a fare un tuffo anch’io. 

Mi muovo in anticipo rispetto al solito ed infatti non riesco a parcheggiare l’auto nel posto dove avrei voluto. Cambio così programma e mi sposto, fin quando trovo la situazione ideale, dove poter scendere in acqua agevolmente. Appena sono vestito scendo in acqua ma sono ormai le 20. Inizio a scendere lungo il pendio e immediatamente incontro un … Pesce San Pietro! Provo a restare lucido e concentrato … inizio a pensare a qualcosa di diverso dal solito …. trovato! Accendo il display della mia Nikon D800e e attraverso di esso modifico le impostazioni … double exposure. Così inizio a scattare una coppia di scatti per ogni fotogramma, è difficile riuscire a non sovrapporre le due figure, il pesce nuota velocemente parallelamente al fondale. Solo alla fine riesco a “catturare” l’immagine che avevo idealizzato. Ho consumato gran parte dell’aria della mia bombola, ritorno a basso fondale iniziando il rientro, soddisfatto dell’incontro. La serata non termina qui, sulla sabbia incontro un bellissimo crostaceo, il granchio melograno Calappa granulata. Proseguendo ancora, trovo un secondo Zeus faber, delle stesse dimensioni ma con un raggio della pinna dorsale spezzato. Scatto di getto alcune foto, ma l’esemplare non è bello come il primo, quindi lo lascio andare via senza seguirlo. Infine, una bella Alicia mirabilis ed un cavalluccio marina rosso. Proprio una bella serata, ne è valsa la pena di sfidare i 7 °C di temperatura esterna.

 

Scoglio Penna con Punta Campanella Diving

Alcune gocce di pioggia cadono sulla sella del mio scooter quando mi metto in movimento per Massa Lubrense. Ho indossato anche una giacca di tuta per ripararmi dal vento freddo che continua incessante a soffiare. Il mare è ancora smosso dal grecale e le onde sono maggiori rispetto a ieri, fortunatamente le condizioni consentono comunque di uscire in mare, così ci dirigiamo allo Scoglio Penna, subito dietro Punta Campanella dove il mare è piatto. L’acqua è limpida e non c’è corrente. Mi tuffo per primo lasciando il gruppo intento alla vestizione. Mi dirigo con il mio 105 mm nei pressi del foro passante tra gli scogli e mi fermo a fotografare una famiglia di Apogon imberbis che staziona nei pressi di un grande masso che si trova lungo il pendio. Trascorro quasi tutta l’immersione tentando di fotografare in primo piano i rossi pinnuti, ma solo a casa mi accorgo che il selettore  della messa a fuoco si era spostato inavvertitamente sulla distanza minima di 50 cm! Controllo quindi l’orologio e sono trascorsi quasi i 60′ convenuti, risalgo così a bordo del gommone insieme al gruppo di clienti e ritorniamo alla base. Quando arriviamo al diving è finalmente arrivato l’amico Pietro Formis che è pronto ad uscire in mare con Edoardo e Mimmo con direzione Mitigliano.

Saluto tutti e vado al mare a Sorrento con le mie figlie, monitorando continuamente le condizioni meteomarine perché …. stasera si torna in acqua!

Mitigliano con Mimmo, Edo e Stefano

Il forte vento di Nord-Est mi mette in allarme, contatto Edoardo con WhatsApp che mi conferma che si esce comunque, destinazione da definire in funzione delle condizioni meteo.

UnknownPerfetto, monto il 105 mm per effettuare qualche altra prova in doppia esposizione e raggiungo il Punta Campanella Diving con lo scooter. E’ ancora qui a Massa Lubrense l’amico Stefano Pietrobon che mi fa omaggio di un bellissimo calendario “il regno degli squali” da lui realizzato, oltre a Mimmo, Edo e Virgilio. Decidiamo di andare a Mitigliano dove il mare è più calmo. Ci tuffiamo nei pressi della grotta ed entriamo nella prima camera dove ci sono numerosi gamberi Palaemon serratus e qualche gambero meccanico. Più dentro, verso la strettoia, una musdea si nasconde tra le alghe morte depositate sul fondo, al riparo di un sasso. Mentre mi trattengo a fotografare vengo superato da  Edoardo e Ivana che entrano nello stretto passaggio dove vivono le diafane attinie Halcampoides purpurea. Qui abbondano anche i misidiacei di cui le attinie rosa si nutrono, ma certamente sono anche il cibo per le botole nere che abitano l’ultima porzione della grotta. Non riesco a vedere nessun Oligopus ater, subito disturbati dalle luci degli altri sub. Dopo poco esco dalla grotta lasciando Stefano e Mimmo intenti a fotografare un granchi facchino e torno all’esterno in cerca del sole … mi occorre la luce per le mie prove. Proseguo quindi lungo la parete in direzione della spiaggia dove Gianluigi ci attende con il gommone, fermandomi ogni tanto a scattare qualche immagine ai saraghi. Quando riemergo però, mi accorgo di avere il vento contro e la barca a grande distanza! Non resta che “incamminarsi” in superficie fino a raggiungere l’asciutto, attendendo il rientro anche del gruppo di fotografi che si è trattenuto nella caverna. La navigazione verso il porto è ricca di spruzzi d’acqua, il vento è aumentato ed il mare si è increspato ulteriormente. Ancora una bella giornata trascorsa in mare, peccato solo che la notturna programmata per la sera debba essere abortita a causa delle avverse condizioni meteomarine.

Punta Campanella con Mimmo

Mi sembra incredibile, ad agosto inoltrato, che solo oggi sia riuscito ad immergermi con il mio caro amico e maestro Mimmo. Abitualmente le immersioni con il Punta Campanella Diving hanno un’unica costante … la presenza del Prof. Roscigno nei pressi della consolle di guida del gommone! Impegni vari lo hanno tenuto lontano ma finalmente ha ripreso possesso del suo mare.

Partiamo alla volta di Punta Campanella dopo aver effettuato un cambio di configurazione della fotocamera. Ho montato il 105 mm al posto del Sigma 15 mm per effettuare delle prove in doppia esposizione. Appena ormeggiati alla boa gialla, mi tuffo e scendo sul panoro a circa -20 metri, mi muovo pochissimo restando quasi sempre in prossimità dei massoni che si sollevano dal fondo. Qui ci sono tanti saraghi fasciati, le tanute, le donzelle e alcuni scorfani. Una piccola cernia mi sorprende nascondendosi prima che possa fotografarla, vedo anche un pesce pappagallo, ma lo perdo quasi subito di vista mentre armeggio con la fotocamera per cambiare le impostazioni di scatto. Attendo il rientro di Mimmo che è sceso lungo la parete ed effettuiamo insieme la decompressione mentre Gianluigi con il rombo del fuoribordo ci segnala che è tempo di risalire dopo 80′ d’immersione. Immancabile poi un selfie ricordo con l’amico Mimmone.