Puolo con Arturo – Immersione Notturna

Oggi programma invertito, prima al mare con la famiglia e poi al mare con mio fratello Arturo, in immersione notturna. Tutto è stato preparato in mattinata, fotocamera, muta e bombole, bisogna attendere solo il calare delle tenebre. In meteo oggi è variabile, con caldo torrido ma con nuvole in arrivo. Cade anche qualche goccia di pioggia ma il vento ed il mare sono calmi. Per prepararmi alla serata, nel pomeriggio effettuo un carico di zuccheri, azzannando una ciambella appena sfornata dalla cucina dello stabilimento Bagni Salvatore. Precedentemente ho effettuato anche una prima prova con la GoPro Hero7 Black per familiarizzare con lei prima di ricevere lo scafandro Flex-Arm appena acquistato, attualmente in viaggio con il corriere verso Sorrento. 

Passo a prendere mio fratello alle 20:30 per andare a Puolo, ci vestiamo con tutta calma ma le condizioni del mare sono peggiorate, una intensa onda frange sulla spiaggia dovuta al mare che nel frattempo si è alzato. Alle 21:30 entriamo in acqua, la visibilità nei primi metri è pessima, migliora un poco in profondità e nei primi metri si apprezza l’intensa risacca causata dal moto ondoso. La serata comunque sembra subito interessante, il movimento dell’acqua si riflette anche in una discreta attivazione dei pinnuti nella baia. I gronchi, pagelli e menole sono abbondanti sul sabbione, anche un piccolo sarago viene sorpreso a dormire sul fondo. Il mio compito oggi è di fare da “guida” ad Arturo, scovando i soggetti per lui che da lungo tempo non riusciva ad andare in mare per fotografare. Mentre lui è alle prese con un grosso paguro io trovo un piccolo pesce San Pietro a circa 35 metri. Inizio a scattare ma quasi subito provo a segnalare “lampeggiando” la presenza dello Zeus faber a mio fratello che prontamente sopraggiunge. E’ bellissimo ed avrei potuto scattare una bella serie d’immagini, ma il piacere di “offrirlo” a lui è più grande, quindi mi faccio da parte appena è vicino a me. Avanzo mentre lui scatta e trovo una bavosa cornuta all’interno di un riccio morto, anche questa volta la segnalo e lui arriva, qualche metro più avanti ce n’è un’altra sempre dentro un riccio morto. Osservo una Flabellina affinis sopra una oloturia e poi raggiungiamo la parete rocciosa dove ci sono gamberi meccanici e vinai. Tra le foglie di Posidonia oceanica come preannunciato nel briefing, troviamo due pesci ago mimetizzati tra le foglie. Il computer subacqueo mi segnala una lunga decompressione, ho tardato parecchio a fondo per mostrare il San Pietro ad Arturo e gli segnalo la necessità di guadagnare una batimetrica più tranquilla. Lungo il percorso di ritorno trovo una piccola cicala e qualche Apogon imberbis con le uova in bocca, mentre Arturo mi mostra l’enorme vermocane che abita la parete di Punta Lauro. Ovviamente a 6/7 metri d’acqua si sente tantissimo l’onda di risacca ed i pinnuti sono sballottati come noi avanti e indietro. Negli ultimi metri prima di salire sorprendo anche una piccola cernia fuori tana mentre Arturo mi mostra sul display della sua Nikon D7000 l’immagine di una piccola corvina che dopo qualche scatto è fuggita via, non dandogli il tempo di avvisarmi. 

Esco dall’acqua per primo, poso la bombola e la fotocamera e vado ad aiutare mio fratello per uscire dall’acqua, operazione che è alquanto complessa. Ci svestiamo soddisfatti, Arturo è raggiante e mi confessa di essersi molto divertito, sono strafelice, spero solo che sia riuscito a scattare qualche bella foto!

P.S. mi sono dimenticato per l’euforia di scattare la foto-ricordo con lui, ma replicheremo il prima possibile!