Punta Campanella e Scoglio Penna con Gabriella

Quando la sveglia suona alle sette ma tu sei andato a dormire alle tre di notte per attendere il rientro della figlia Lidia dalla gita scolastica, sei tentato di lasciar perdere e restare a dormire … poi pensi all’occasione del giorno che potresti perderti e salti giù dal letto, pronto a mettersi in moto per andare a mare. Raggiungo il Punta Campanella Diving Center con lo scooter dove ci sono Andrea, Gianluigi, Rosy e Virgilio, mentre è in arrivo Gabriella da Napoli per il doppio tuffo odierno. Quella di oggi è una piccola anteprima del Nautica Day che si svolgerà qui al diving a fine giugno, con le fotocamere in bella mostra.

Quando tutte le bombole sono sul gommone, partiamo dal porto per raggiungere Punta Campanella, il mare è calmo ma il cielo è coperto, con un continuo rischio di pioggia. Una volta ormeggiato il gommone alla boa predisposta per le immersioni,  seguo Gianluigi e Gabriella con le loro nuove fotocamere Nauticam NA-D810 e raggiungiamo alcuni scogli isolati sui quali non ero mai andato.  Il posto è interessante e mi fermo a fotografare, dimenticando di seguire ancora Gianluigi che invece raggiunge uno scoglio più distante dove c’è una Gerardia savaglia. Quando siamo sulla via del ritorno si vede un grande rete da pesca che copre completamente il fondale, coprendo le gorgonie. All’interno della rete c’è anche uno scorfano che fotografiamo a turno. Terminiamo il tuffo sotto il faraglione coperto dalle margherite di mare. Quando risaliamo, sulla superficie dell’acqua si sono accumulati rifiuti portati sotto costa dal vento, buste di plastica e … una scarpa galleggiante che sembra una Physalia physalis (caravella portoghese). 

Attendiamo una quarantina di minuti prima di tornare in acqua dall’altro lato della Baia di Jeranto, allo Scoglio Penna. Gabriella approfitta del “Servizio Ristorazione” dello staff del Punta Campanella Diving Center, con Rosy che “somministra” lo spuntino alla fotosubbina. Scendiamo attraversando il foro nello scoglio ed usciamo all’esterno del faraglione mantenendo la parete alla nostra sinistra. Speriamo nell’incontro dei barracuda, ma non ci sono oggi, nel contempo però, ci sono tanti spirografi che ondeggiano in corrente. Terminiamo l’immersione all’interno dello scoglio dove alcuni sciarrani hanno puntato un polpo. Quando mi avvicino i serranidi vanno via, lasciando il polpo da solo davanti al minidome  Zen della mia Nauticam NA-D850. Statto una serie di immagini, poi lascio campo libero a Gabry che nel frattempo è in arrivo passando dal buco. La stanchezza si fa sentire così decido di risalire, ormai soddisfatto. Rientriamo al diving e dopo un rapido risciacquo delle attrezzature, torno a casa per il pranzo e per riposare finalmente un pochino. 

Alle 17 ho un nuovo impegno, devo assistere (e fotografare) alla presentazione della nuova collezione di profumi artigianali “Septimontium II” dello stilista  Mauro Lorenzi presso la casa comunale e non posso mancare!