Puolo – Immersione Notturna

Tutto pronto da una settimana, ad ogni rientro da lavoro le condizioni erano  buone per andare a mare, ma le mie condizioni “fisiche” non ottimali mi hanno impedito di approfittare. Il programma del weekend prevedeva così un tuffo sabato mattina con il mio amico Francesco Rastrelli al Vervece con il Punta Campanella Diving Center e tutto era già concordato fin quando non mi è giunto il messaggio di mia moglie che mi comunicava la scomparsa della madre di una sua carissima collega ed amica. L’imprevista visita di condoglianze cambia il mio programma del sabato …. così dopo essere stato al supermercato con mia moglie fino alle 20, sono tornato a casa e con tutta calma, mi sono preparato per andare a fare immersione in serata da solo. Ho preso l’auto e mi sono incamminato verso la Cala di Puolo, ma sono rimasto imbottigliato nel traffico caotico di Sorrento. Poco male, arrivo per le 21 in spiaggia ed il buio è totale. Mi vesto lentamente mentre alcuni ragazzi fanno un bagno notturno, dopo una mezz’ora sono pronto e m’immergo subito, senza fare l’abituale breve percorso in superficie. Immediatamente incontro un pesce pappagallo addormentato, lo fotografo più volte ma presto decido di salutarlo e scendere in profondità. Mi mantengo  in prossimità della parete senza andare al centro della baia dove c’è la sabbia e osservo ogni buco della roccia. Raggiungo alcuni scogli a me noti e proseguo in cerca di soggetti. Ci sono alcune oloturie sollevate dal fondo pronte ad emettere i gameti e gamberi meccanici in ogni spaccatura. Anche stasera raggiungo la zona in cui vegetano le posidonie e cerco tra le foglie qualche pesciolino addormentato. Una piccola Alicia mirabilis è attaccata ad una foglia della pianta, ma è ancora completamente chiusa, peccato, sarebbe stato un ottimo soggetto per il Micro Nikkor 60 mm montato sulla Isotta Nikon D850. Unico incontro interessante, un enorme mollusco Umbraculum mediterraneum, ma devo andare via perchè il computer subacqueo mi impone di risalire. Trascorro oltre 80 minuti in immersione, facendo un passaggio anche a riva, in acqua bassa. Ci sono svariate salpe ed occhiate ma sono abbastanza stanco e non mi dedico a loro. Gonfio  il GAV completamente e rientro verso terra in superficie, continuo a guardare sul fondo e all’improvviso, con la potente lampada OrcaTorch, illumino una coppia di piccole spigole che per un attimo restano immobili sul fondo. Sgonfio istantaneamente il gav e mi immergo di nuovo …. sarà stato il rumore o la mia “foga”, il risultato è la fuga dei due pinnuti in direzioni opposte …. provo a seguirne una che rallenta leggermente la sua corsa, riesco a scattare qualche foto ma inesorabilmente mi lascia a guardare i grandi ciottoli. Risalgo con ancora aria nelle bombole ma sono soddisfatto, posso rientrare a casa dopo aver fatto il pieno d’azoto!