Banco di Santa Croce con Andrea e Vittoria

Mi alzo di scatto dal letto, la sveglia non ha suonato o forse ho sbagliato io a regolarla … ieri sera ho fatto le ore piccole a cena insieme ai tanti cugini di mia moglie e sono le ore 6:35 …. è tardissimo! Si, sono in ritardo, avrei dovuto alzarmi alle 6 per fare colazione, chiudere lo scafandro Isotta D850 e sistemare le batterie dei flash Ikelite DS161 …. riesco a fare tutto tranne la colazione, la qual cosa mi preoccupa perché quando ciò accade, la giornata si prospetta quasi sempre negativa. 

Salgo sullo scooter indossando il k-way e corro al diving dove arrivo alle 7:10, con leggero ritardo rispetto al programma. Lo staff è impegnato a preparare il tutto per l’immersione odierna al Banco di Santa Croce, provo a passare per il bar per portare un po’ dì caffè ma è ancora chiuso …. monto l’attrezzatura e mi vesto. Saltando sul gommone mi trovo difronte a due papà molto fortunati …. che vanno in acqua entrambi con le loro figlie, una bellissima scena familiare. Raggiungiamo il punto d’ormeggio alle 8:30 e ci tuffiamo in acqua. La visibilità è pessima nei primi metri ma come sempre accade, sotto migliora sensibilmente. Decido di rimanere sulla secca principale andando subito alla foresta di Savaglia savaglia, poi mi sposto mantenendo la parete alla mia destra in cerca di soggetti tra le gorgonie rosse. Una bellissima Felimare picta, una coppia di grandi scorfani, alcune uova di gattopardo con l’embrione visibile all’interno sono i primi sussulti di una immersione spettacolare, che prosegue con le tante cernie che mi girano intorno. Resto tranquillo ed immobile, aspettando che le deliziose creature si avvicinino alla cupola del grande oblò montato sul Sigma 15 mm. Riesco ad avvicinarle più del solito ed è stata quindi corretta la scelta di montare il grandangolare. Vedo arrivare il gruppo che nel frattempo è andato a visitare la secca di terra, dove mi segnalano la presenza di cinque aquile di mare, di dentici e cernie a gogò. È tempo di ritornare alla gomena di ormeggio, il computer subacqueo mi segnala 11 minuti di decompressione …. ed è il momento di smettere di fotografare. Mentre sono in sosta di sicurezza, mi raggiungono Vittoria ed Andrea per il selfie d’ordinanza, solo adesso l’immersione può dirsi conclusa …. 

Quando andiamo via dal Banco non è ancora sopraggiunto nessun natante carico di subacquei, siamo stati veramente svelti, così rientriamo velocemente al porto di Marina della Lobra, sono le 10 …. il bar è aperto …. è ora di iniziare bene la giornata e fare la prima colazione!