Puolo con Arturo – Immersione Notturna

Mentre sono al mare con la famiglia consulto il telefonino e mi accorgo che ci sono grandi nozizie dall’Australia nel Photo Contest AIDE Australasia Underwater Photographer of the Year Competition 2018, con un primo ed un secondo posto! Molto bene, il pomeriggio trascorre molto meglio, nonostante il gran caldo che c’è qui in spiaggia, senza un “filo” di vento. Con il passare delle ore anche il meteo cambia con una coltre nuvolosa che rinfresca l’aria  “tagliando” la luce solare, inizia anche un pò di vento che sembra increspare il mare. Torniamo a casa alle 18:30 perchè ho appuntamento con mio fratello Arturo per una bella immersione insieme. Un intenso languore mi prende e, diversamente dal solito, decido di mangiare subito, senza attendere le ore piccole per cenare al ritorno dall’immersione. Speriamo porti bene …..

L’attrezzatura fotografica è pronta da questa mattina, c’è solo da prendere le bombole in garage e raggiungere Arturo a casa dei miei genitori alle 20:15, da lì saremo pronti a partire. In garage mi accorgo di aver dimenticato al Bikini Diving i miei calzari, prendo così un paio di pinne da apnea e vado da Arturo.  Fortunatamente mio fratello ha in borsa un secondo paio di calzari, così posso usare le mie abituali pinne! Raggiungiamo la spiaggia, scarichiamo le attrezzature mentre alcuni ragazzi stanno facendo ancora il bagno, e parcheggio l’auto. Vengo assalito alle caviglie e sullo zigomo dalle zanzare tigre ma nulla può fermarci stasera. L’acqua è calda e sporca a riva, migliora sensibilmente in profondità ma resta “calda” fino ad oltre -25 metri dove si apprezza un minimo termoclino.  Arturo mi segnala sulla sabbia un bellissimo pagro, ma mi segnala anche problemi di messa a fuoco …. controllo e sembra tutto ok, solo dopo mi segnala di aver sbagliato a montare l’obiettivo prendendo uno zoom al posto del 60 micro nikkor! E’ così costretto a fotografare da lontano i soggetti non potendo mettere a fuoco a brevi distanze. Ci penso così io a fotografarlo nel suo splendore con la Nikon D7200 ed il 40 micro nikkor. Ci sono tante “cosine” simpatiche da fotografare, un bellissimo pesce ago, una micro Aplysia punctata, e tanti altri soggetti, alcuni quasi invisibili, come il gamberetto nel crinoide che “live” non ho visto, ma solo al monitor del mio IMAC 27″. Cipree e gamberetti sono dappertutto e ci sono anche due enormi esemplari di Hermodice caruncolata, sicuramente diversi dall’esemplare che ho incontrato altre volte in questo luogo. Il primo di essi, non grandissimo era di un colore rosa mentre l’altro, lunghissimo aveva della zone danneggiate lungo il corpo. La domanda però mi sorge spontanea, come mai in questo punto si vedono solo esemplari giganti e non se ne vede nessuno di normali dimensioni? Non ho la soluzione e chiedo l’aiuto a voi da casa! Rientrando a terra, un piccolo polpo mi tende un tentacolo mentre più avanti, ci sono i resti della pesca illegale di datteri di mare. Ancora una bella serata trascorsa in mare con mio fratello e le meravigliose creature marine!