Puolo con Arturo – Immersione Notturna

Questi giorni lavorativi sono stati un vero calvario, densi di contrattempi e tanta maleducazione … l’unico rimedio possibile per allontanare lo stress e tensioni è un gran bel tuffo con mio fratello Arturo, che manca da alcuni mesi dall’acqua. Passo a prenderlo alle 20:30 sotto casa dei miei genitori, ho preso dal garage le bombole e l’attrezzatura e ce ne andiamo a Puolo a fare la nostra immersione notturna. Ho conservato ancora la configurazione macro con il 40 mm montato sulla Isotta per Nikon D7200 abbinata ai flash Ikelite DS161. Arturo invece ha una Nikon D7000 nel suo scafandro rosso con il Tokina 10-17 mm ed il minidome. Arriviamo sul posto con la luce che è ancora tanta, ci vestiamo lentamente attendendo le 21.30 per entrare in un’acqua cristallina. Ho finalmente posato la muta stagna avendo risolto i problemi alle cicatrici cutanee e la temperatura dell’acqua è ottimale. Scendiamo sul fondo sabbioso dove anche stasera sono presenti le mormore, i gronchi delle baleari ed i pesci lucertola. Mentre io sorvolo l’area cercando soggetti dall’alto, Arturo “passeggia” in prossimità del fondo dove scatta improvvisamente una singola foto ad un pesce arancione che fuoriesce dalla sabbia. Subito dopo il pinnuto è sparito nel sedimento. Solo a terra mi mostra la foto e viende identificato, si tratta di una Biscia di mare cieca, Apterichtus caecus (foto Arturo Gargiulo) che non era mai stata segnalata da queste parti.

Sulla sabbia non incontro nulla di particolare interesse, quindi mi sposto sulla parete in cerca dei pesci ago tra le foglie di posidonia. Questa sera non ci sono, ma tra le foglie vedo un tordo musolungo che ha un parassita Anilocra sul capo e che ne ha divorato gran parte del tessuto. Anche sulla parete nessun sussulto, ma stasera si vede anche una ciprea più rara rispetto a quelle che si vedono abitualmente. Terminiamo l’immersione rornando sui ciottoli del basso fondale dove nel frattenpo si è intorbidita l’acqua. Qui incontro un grosso cefalo adagiato sul fondo che resta per un poco abbagliato dalla potente lampada Orcatorch, Arturo si avvivina con l’oblò fino a toccarlo. Tra i sassi sono presenti anche svariati Apogon imberbis, dal colore rosa pallido, quasi per “mimetizzarsi” con il fondale verdognolo. Rientriamo a terra dopo due ore di grande divertimento, con la gioia di aver trascorso una bella serata insieme, da replicare al più presto!