Immersione Notturna

La sosta invernale del campionato di calcio modifica le abitudini dei “malati” di calcio come me … non c’è da guardare in TV l’amata Juventus (che abitualmente gioca di sabato o domenica sera) …  e non resta che dedicarsi all’amore più grande …. il MARE!

Al termine di una bella giornata soleggiata, trascorsa in famiglia a sistemare casa e ad ordinare la mia stanza dei giocattoli, finalmente in serata posso andare in acqua. In settimana mi sono lasciato ingannare dal meteo confidando in due giorni buoni consecutivi, ma mi sbagliavo … così mi sono organizzato subito per immergermi.

Grande dubbio, cosa montare … è da tempo che, grazie allo stimolo ricevuto alcuni anni fa dal mio amico e maestro Mimmo Roscigno, di notte sono solito montare un grandangolare, Tokina 10-17 mm o Sigma 15 mm all’interno del Microdome di Isotta. Ho così realizzato numerose immagini spesso anche vincenti nei concorsi, ma al contempo mi sono accorto di essere in carenza di nuove foto macro. Non mi piace riproporre nei concorsi foto vecchie, essendo sempre desideroso di scattare qualcosa di ancora più bello ed interessante.

Faccio così un cambio “tattico” sperando di non pentirmene … monto infatti il Micro Nikkor 60 mm e riporto in acqua i flash Inon che sono una garanzia, questo per non inserire troppe variabili contemporaneamente, lasciando a casa i nuovi Ikelite 161.

Raggiungo il punto d’immersione e mi trattengo a parlare durante la vestizione con i miei amici pescatori, Raffaele O’ Messican e Michele O’ Biond, che mi aiuta nella chiusura della cerniera e mi passa anche la fotocamera prima di andarsene a cena.  L’acqua è cristallina, il mare è calmo e c’è alta marea, mi immergo e inizio a osservare il fondo guardando tra le alghe in cerca di cavallucci marini. Dopo pochi minuti incontro il primo esemplare della serata, una femmina. Mi trattengo a lungo provando a giocare anche con l’illuminazione creativa. Trascorro quasi 30 minuti a fotografarla a circa -10 metri d’acqua … ma mi rendo conto di rischiare di “perdermi” qualche incontro più a fondo e così decido di scendere in cerca del mio amico Zeus. Questa sera non incontro il pesce San Pietro e me ne risalgo di nuovo nel basso fondale. La serata è magra, gratificata solo dall’incontro di altri due cavallucci marini maschi, sempre di color bruno, a cui dedico tutto il tempo restante dell’immersione. Poco prima di risalire, ecco il grande rammarico … un enorme polpo si sposta sul fondo in cerca di prede, mi avvicino ma quasi subito si allontana lentamente planando via lontano dalle mie potenti luci. Sarebbe stato un soggetto ideale per il Microdome! Vabbè, non posso lamentarmi però!