Posto Segreto – Immersione Notturna

Volere è potere …… Desideroso d’andare in acqua prima di un futuro stop a causa di un nuovo intervento odontoiatrico, ho da risolvere un  problema tecnico …. chiudere da solo la cerniera dorsale della muta stagna  … e ovviamente riaprirla! 

Rientro da lavoro in auto come al solito ed entro nello studio a preparare la fotocamera rimontando il Sigma 15 mm ed il microdome Isotta sulla Nikon D800. Sono le 19 quando scendo di nuovo per andare in garage, prendo la muta stagna ed un cordino con due moschettoni ai lati e mi dirigo al mio posto preferito. Il mare è calmo e limpido, la temperatura polare e alla marina regna una calma surreale, non si vede nessuno in giro. Inizio a montare fotocamera e bombola e poi indosso la muta …. è il momento cruciale … non ho la certezza di riuscire a chiuderela … aggancio un’estremità della cima alla cerniera e l’altra non so dove assicurarla ….. tutti i punti che esamino non sembrano fare al caso mio. Quasi disperato ritorno all’auto e mi trovo la “soluzione” davanti agli occhi: il pistone idraulico che sostiene il portellone posteriore è proprio ciò di cui ho bisogno …. anche l’atlezza è perfetta. Lo aggancio ed inizio a far scorrere la chiusura lungo la cerniera …. il primo tratto “cammina” agevolmente per poi fermarsi proprio dietro la mia nuca. Maledizione, non sembra andare …. mi contorco cercando di far avvicinare i due lembi e …. zip …. finalmente la chiusura avanza fino a raggiungere l’avambraccio destro. Un ultimo sforzo e la cerniera è chiusa completamente! WHOW! Sono felicissimo, ho risolto un grande problema! Adesso posso andare a mare da solo con questa muta stagna senza dover necessariamente comprarne una nuova con la chiusura anteriore, per sostituire la gloriosa Mobby’s che ho usato per otto anni. 

Inizio l’immersione sul fango e quasi immediatamente vedo un pesce prete. Scatto le prime foto ma i flash non sono ben posizionati. Mentre sposto la loro posizione il pinnuto sparisce alla mia vista  con uno scatto fulmineo. Inizio a scendere lungo il pendio sabbioso e non sembra esserci granché in giro, se non le grandi stelle corazzate e le immancabili triglie. Raggiungo i -30 metri e cerco qualcosa da fotografare usando i due faretti Archon montati sulla nuova staffa Isotta appena montata. Sono prossimo ad abbandonare la quota per cercare più in alto quando incontro il mio “amico” Zeus, un esemplare di medie dimensioni, abbastanza poco collaborativo … pochi scatti e mi “semina” allontanandosi nel nero della notte. Risalgo a pochi metri ma questa sera ho sbagliato l’assetto, sono troppo “positivo” avendo messo una felpa in più sotto la muta … fatico a restare fermo a fotografare. Prendo un grosso sasso e me lo porto a spasso. Raggiungo una piccola prateria di posidonia e cerco qualche cavalluccio tra le foglie. Sono fortunato ma è praticamente impossibile fotografare con “efficienza” l’ippocampo giallo che ho scovato. Più avanti ne trovo un secondo esemplare rosso mattone, ma sono ormai a corto d’aria e non riesco a scattare con la pietra tra le mani a pochi metri d’acqua. Un ultimo tentativo per ritrovare il pesce prete e sono fuori dell’acqua. Inizia adesso la seconda “prova” della serata … l’apertura della cerniera. Riaggancio la cimetta al pistone ed inizio a ruotarmi …. la zip cammina agevolmente da un’estremitá all’altra aprendosi magicamente. Evviva, sono di nuovo autonomo! Non resta che tornare a casa per la cena e una volta terminata, vado a lavare l’attrezzatura fuori al balcone. Il vento gelido che soffia mi raffredda molto più dell’acqua di mare, l’operazione viene eseguita con grande rapidità, solo allora arriva il momento di buttarsi sotto una doccia bollente!