Vervece con Edoardo

Imprevisto è qualcosa d’imponderabile, che può avere accezione negativa o positiva …. la giornata odierna è stata un susseguirsi di imprevisti … negativi e positivi. Così mi sono ritrovato a non riuscire a raggiungere Napoli per lavoro come programmato, bloccato a risolvere alcune questioni in terra stabiese. Mentre sono in procinto di spostarmi squilla il telefonino, è Edoardo che mi chiama da Napoli. Mi dice che sta partendo in gommone dal porto di Baia per accompagnare dei clienti a fare immersione allo scoglio del Vervece. Ha più di un’ora di navigazione per arrivare al Punta Campanella Diving di Massa Lubrense e si chiedeva se facessi in tempo a raggiungerlo. La fortuna ha voluto che io fossi ancora a Castellammare di Stabia, quindi non troppo distante da casa e dal diving per poterlo raggiungere. Così ho avuto il tempo di rientrare a casa a preparare la fotocamera, a cambiare l’obiettivo e l’oblò e dopo poco ero sullo scooter in direzione di Marina della Lobra. Edoardo è già pronto ed attende la mia vestizione, subito ripartiamo con il gommone per raggiungere lo scoglio del Vervece. C’è un poco di maestrale e leggera onda che si sente anche nei primi metri d’acqua. La visibilità non è ottimale a causa della bassa penetrazione della luce in acqua con il sole basso del tardo pomeriggio. Raggiungiamo la grande spugna gialla Axinella a -47 metri e stento a riconoscerla. Le sue dimensioni sono notevolmente ridotte, lo scorso anno avevamo notato che la spugna si era abbattuta verso il basso “tagliata” alla base sa una lenza di pescatori di frodo che entrano all’interno della zona A dell’A.M.P. Punta Campanella per pescare illegalmente al suo interno. La parte superiore (e più cospicua) deve essersi staccata dalla restante parte ed svanita. Sicuramente sarà andata incontro al deperimento non essendo più ancorata al substrato su cui giaceva da  decenni. Anche la parte restante sembra deperita e coperta di alghe filamentose. Lo sconforto è massimo così come vedere alcune gorgonie giá ricoperte di mucillagine. L’immersione prosegue come al solito tra cernie, saraghi, barracuda, murene e milioni di castagnole. Tra le gorgonie gialle trovo una lenza impigliata da poco tempo, segno che la pesca continua nonostante i divieti.  Dopo la decompressione, non resta che rientrare al diving per un selfie ricordo con Edo ed una birra ghiacciata. Grazie Edo per avermi fatto concludere alla grande la giornata!