Vervece con Punta Campanella Diving

“… latte, pane, burro, farina, zucchero. OK, preso tutto, posso andare alla cassa”.  Pochi minuti dopo sono già sullo scooter con direzione Massa Lubrense, dopo esser passato per casa a lasciare la spesa e prendere fotocamera e muta stagna. La giornata è soleggiata ma la temperatura è autunnale. Raggiungo il diving con cinque minuti di ritardo sull’appuntamento. I ragazzi sono quasi pronti, aspettavano il mio arrivo! Sono sveltissimo nell’assemblare la fotocamera Nikon D7200 + 105 mm e inizio a vestirmi, la bombola la preparo direttamente a bordo. Pochissimi minuti di navigazione e siamo già arrivati allo … (non avevo nemmeno chiesto dove saremmo andati) … Scoglio del Vervece.

Mi tuffo anticipando il gruppo capitanato da Gianluigi, scendo lungo la boa di ormeggio in un’acqua verde bottiglia a causa delle intense piogge dei giorni scorsi. La visibilità non migliora di molto in profondità. Sul pianoro roccioso, ormai completamente coperto da Caulerpa racemosa, a 30 metri di profondità, un enorme scorfano rosso resta immobile, incurante delle mie “attenzioni”. Proseguo verso le gorgonie rosse dove nel frattempo è sopraggiunto il gruppo di sub, trascorro poco tempo con loro e risalgo lungo la parete, il computer subacqueo mi segnala già alcuni minuti di decompressione. Mi trattengo quindi lungo la parete verticale ad ammirare le giovani castagnole rosse che nuotano tra le gorgonie e le margherite di mare. Infine raggiungo la spacca a pochi metri d’acqua dove incontro due murene. Scatto anche qualche immagine con lo snoot ma le operazioni sono complesse a causa della leggera onda di risacca che residua da ieri. E’ trascorsa quasi un’ora quando odo il rombo del motore … è il segnale che sono tutti a bordo e bisogna risalire. Immediatamente saluto le due murene e risalgo in gommone. Giusto il tempo di sistemare l’attrezzatura al diving e sono di nuovo sullo scooter. Quando rientro a casa, in largo anticipo rispetto al solito, mia moglie resta sorpresa, chiedendomi: “Cosa è successo?  Non siete usciti in mare?”