Punta Campanella con Lorenza

E’ dalla scorsa estate che non andavo in acqua con mia figlia Lorenza,  allora l’acqua era calda a 26 °C, la muta era solo una 2 mm e d’improvviso si avvistavano le mante! Oggi invece la temperatura è rigida, tira vento forte da nord (che ha reso limpidissima la vista del Golfo di Napoli con le sue isole) e Lorenza indossa la sua muta stagna.

Siamo partiti di primo mattino con lo scooter alla volta del Punta Campanella Diving Center dove mia figlia ha dato appuntamento al suo amico Guglielmo per immergersi come ai tempi del corso subacqueo.   Ho equipaggiato la fotocamera Nikon D7200 con il micro Nikkor 40 mm, due flash Inon Z240 e lo Snoot di Fabio Iardino per effettuare qualche scatto di prova in macrofotografia, non conoscendo il luogo d’immersione. Ci prepariamo al diving ed usciamo alla volta della Punta Campanella. Il mare è piatto, nonostante il vento,  tale da consentirci di raggiungere il sito d’immersione in pochi minuti. A bordo con Gianluigi ci sono anche le “girls” del Punta Campanella Diving: Claudia, Lisa, Rosy e Vittoria. Ormeggiamo alla boa sommersa e ci dividiamo in vari gruppetti, io sono con Lorenza, Rosy e Guglielmo, diretti verso il faraglione che si trova proprio sulla punta. Costeggiamo la parete mantenendola alla nostra destra, poi ritorniamo indietro sul pianoro, passando sulla “sella” che unisce il faraglione alla costa. E’ qui che trascorro gran parte del mio tempo a fotografare un piccolo polpo, alcuni scorfani ed un paguro. E’ passato molto tempo dall’ultima occasione in cui ho usato lo snoot ed ho qualche difficoltà per ritrovare il giusto feeling.  Dopo 60′ risaliamo a bordo ma la temperatura è sempre bassissima, ancora bagnati ci raffreddiamo ulteriormente nel rientrare velocemente in porto. Lorenza invece, benedice la sua scelta di un’immersione “asciutta”. Alle 12:00 siamo già intenti a sciacquare le attrezzature, pronti per tornare a Sorrento dove ci attendono mia moglie e la piccola Lidia per andare al mare!