Vervece

Il caldo torrido è arrivato, le giornate lavorative divengono sempre più difficili da affrontare, l’unico sollievo è dato dall’approssimarsi delle agognate ferie estive. Anche oggi la temperatura supera i 35°C e l’auto in cui viaggio è infuocata nonostante il condizionatore. L’unico sollievo potrebbe essere un bel tuffo nel mare che costeggio quotidianamente, chissà cosa mi riserverà il weekend.

Mentre sono a lavoro, mi giunge un SMS da Gianluigi …… ” Vervece ore 18:30 in crepuscolare? Rientri in tempo?”  …..  ed io “non sono sicuro di fare in tempo, non ho la fotocamera pronta, ma ci provo”.

Riesco a concludere in tempo la giornata lavorativa e alle 17:30 raggiungo casa. Tiro fuori dal’armadietto la fotocamera, il Sigma 15 mm ed il  superdome, lo scafandro Isotta D800e, i due flash e le batterie. Ricordo anche di prendere i cavi sincro-flash in fibra ottica che avevo lasciato sull’altro scafandro D7200 ed assemblo il tutto con rapidità e precisione. Indosso il costume e parto alla volta di Massa Lubrense dove mi attende Gianluigi ed il suo staff …. di sole donne! Prepariamo le attrezzature ed usciamo dal porto alle 18:30 in perfetto orario. Con noi c’è anche Lorenzo, fedelissimo frequentatore del Punta Campanella Diving Center. Raggiungiamo lo Scoglio del Vervece ed ormeggiamo alla boa sommersa. L’acqua in superficie non è limpida, migliora in profondità ma la luminosità è molto attenuata dall’orario prescelto. Mi stacco subito dal gruppo e  provo a raggiungere la spugna gialla a -47 metri, ma una leggera corrente e la visibilità non ottimale mi consigliano di desistere. Risalgo così verso la parete ed effettuo un giro profondo dello scoglio dove incontro i barrracuda, alcune cernie ed una grande orata. Proprio nel momento in cui lo sparide si allontana infastidito dalla mia presenza ecco apparire nel blu la sagoma scura di due aquile di mare che sorvolano il fondo algale in cerca di cibo. Trattengo il respiro e mi avvicino, ma non in maniera sufficiente a fotografarle come avrei voluto. Scappano via verso il largo con un frenetico batter d’ali. Risalgo sul pianoro dove c’è la statua della Madonna e dove sono state sistemate due telecamere subacquee di sorveglianza. Non sono esteticamente il massimo, ma speriamo possano essere un valido deterrente per i malintenzionati che continuano ad andare a pesca di frodo nella zona A dell’A.M.P. di Punta Campanella. Risaliamo in barca soddisfatti e rientriamo così a terra, dopo una doccia calda, ci  tratteniamo  per l’aperitivo al diving.