Isca e Mitigliano con Punta Campanella Diving

La sveglia suona anche oggi alle 6:30, ma né per andare a lavoro né per andare a fare immersione …. ho un appuntamento con il mio fraterno amico Elio a Castellammare di Stabia. Mi metto in auto presto e raggiungo la banchina del porto dove mi aspetta. Mi presenta i due suoi amici e ci dirigiamo verso la meta … un secchio bianco pieno di pesciolini per il mio acquario marino mediterraneo! Rientriamo subito in auto verso Sorrento e dopo una mezz’ora i pesciolini nuotano già in vasca.

La giornata prosegue tra svariati impegni familiari fin quando, verso le 13:00, senza pranzare, mi dirigo con largo anticipo a Massa Lubrense per una immersione pomeridiana con gli amici del Punta Campanella Diving Center. L’uscita è programmata per le 15:00 ed il mare è mosso dal vento teso di maestrale che ogni giorno si alza. Esco con una famiglia di subacquei e di piccoli sub che mi fanno sentire una STAR, ammiratori delle mie foto sul web, mi chiedono cortesemente di fare loro una foto ricordo sott’acqua!

Usciamo con il gommone e raggiungiamo lo Scoglio dell’Isca dove ci tuffiamo. I ragazzi restano con Rosy all’esterno del tunnel subacqueo mentre Francesca, con la sua fotocamera, mi segue mentre mi dirigo nella Grotta dell’Isca. Entriamo e ci dedichiamo prima a visitare la parte sommersa, poi emergiamo e ammiriamo le belle colate di alabastro e le stalattiti ancora gocciolanti. Torniamo fuori e raggiungiamo il gruppo nel tunnel, qui ci fermiamo a fotografare le “vacchette” di mare (Peltodoris atromaculata) ed altri nudibranchi presenti nella caverna. Infine riemergiamo per tornare sul gommone.

Un piccolo spostamento nautico verso la Cala di Mitigliano e siamo già pronti per un nuovo tuffo. I ragazzi sostituiscono le bombole mente io ritorno in acqua con le 100 bar del mio mono da 15 litri.

La configurazione fotografica montata non è ideale per il sito scelto, ma è ok per le foto ricordo ai ragazzi.

Siamo ormeggiati dal lato opposto della baia dove è presente la grotta, mi immergo sulla spianata sabbiosa in cerca di qualche soggetto interessante, trovo un pesce serpente semi infossato nella sabbia e che sparisce subito al mio incedere. Torno indietro e vado in cerca dei minisub che sono intenti a controllare l’assetto in modo ottimale a pochi metri d’acqua. Raggruppo l’intera famiglia sub ed effettuo qualche scatto prima di tornare a bordo. Il rientro è bagnato dai mille spruzzi delle onde, siamo a terra per le 19:00. Giusto in tempo per tornare a casa a fare una doccia e mettersi davanti alla TV per seguire la partita dei campionati europei di calcio Germania-Italia sperando in un grande successo!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.