Marina Grande con David e Mauro

La luna piena è alta nel cielo e rischiara la bellissima  serata. Mentre le persone “normali” sono in giro a fare shopping prenatalizio, il sottoscritto è nel negozio Maresca-Sport per raboccare le bombole in vista di una immersione notturna. Con largo anticipo sull’appuntamento mi avvio al porticciolo di Marina Grande di Sorrento ed attendo i miei amici romani che sono per strada, attanagliati dall’immancabile traffico di questo periodo. Nell’attesa comincio a preparare le attrezzature, dopo aver passeggiato sulla banchina per salutare i pescatori che mi conoscono fin da bambino.

Quest’oggi ho montato per necessità una configurazione nuova, visto che Mauro, un po’ distratto, ha lasciato il 105 mm montato sulla sua fotocamera e dall’autostrada mi ha chiamato per prestargli il mio Micro Nikkor 60 mm. Così, dopo una leggera indecisione se portare il minidome, ho rispolverato un obiettivo che non usavo da tanti anni, il 18-55 mm che abitualmente viene venduto di serie nei kit Nikon.

Solo alle 1930 l’auto di David raggiunge il piazzale dove ho parcheggiato. Dopo gli abbracci, ricevo in anteprima assoluta la graditissima copia del suo libro “Reflections of the past” sul lago di Capodacqua, appena ritirata dal tipografo a Nola.

Scendiamo in acqua dalla spiaggia e ci immergiamo all’imbocco del porticciolo, sorvoliamo il pendio fangoso fino a circa -30 metri dove raggiungiamo una barchetta affondata diversa da quella solita, all’interno della quale mostro ai miei amici due gamberi vinai. Mentre David subito scorge il piccolo animaletto, è vana l’impresa con Mauro che invece non riesce a comprendere le mie indicazioni. Proseguiamo verso sinistra raggiungendo la barca affondata sulla prua della quale staziona da tempo una bellissima Alicia mirabilis. Questa volta ci siamo accordati di restare leggermente più separati, a contatto visivo delle lampade, per evitare di disturbarci nelle foto. Vado così in giro sul fondo ma la serata non sembra essere molto frequentata, solo al ritorno, dopo un grosso scorfano, ritrovo l’ormai famosa bavosa ocellata, nei pressi della scogliera frangiflutti. Inizio a fotografare ma dopo poco vengo raggiunto dai miei amici e lascio loro il campo d’azione. Dietro un massone vedo l’inconfondibile sagoma del pesce serpente con la testa fuori dal fango di oltre 30 centimetri. Spengo immediatamente le luci accendendo quella rossa e mi avvicino. L’animale, dopo essere rientrato quasi completamente nella sua tana, si lascia avvicinare senza paura, riesco infatti a fare molte foto e addirittura, decido di accendere i fari per provare a girare un breve filmato mentre respira. Quando sopraggiunge Mauro, mi invita calorosamente ad allontanarmi! Va bene allora proseguo … Ritorno indietro a segnalare la presenza del serpente a David e mi avvio all’interno della scogliera per fare ritorno a terra. Improvvisamente noto un piccolo esserino nascondersi in una bottiglia di birra abbandonata sul fondo. Mi avvicino e guardo bene all’interno, un piccolissimo polpo ha stabilito la sua dimora al suo interno. Inizio a scattare mentre il piccolo mollusco inizia a tirare fuori dal collo il primo tentacolo, pian piano viene fuori e lo immortalo nella sua “fuga” verso un luogo più tranquillo. Quando ormai siamo tutti a terra, arriva il momento delle foto ricordo e del brindisi natalizio con annesso panettone al cioccolato che incredibilmente “sparisce” dopo pochi minuti!