Scoglio Penna con Mimmo e Filippo Borghi

Le temperature sono scese sensibilmente dalla mia ultima immersione, per questo decido di passare in garage a prendere la sacca con la muta stagna in trilaminato, quella in neoprene è ancora non utilizzabile a causa di un foro sul ginocchio che mi impedisce di usarla. Soffia un vento teso di tramontana che smuove il mare e rende impraticabile raggiungere la Baia di Puolo e la Punta del Capo di Sorrento.

Raggiungo con lo scooter il Punta Campanella Diving Center dove mi attende Mimmo con un suo caro amico, Filippo Borghi, venuto di primo mattino da Siena per un weekend dedicato alla ricerca del gamberetto dei crinoidi. La sorpresa è anche quella di trovare David Salvatori “senza muta”, essendo impegnato con il grafico a sistemare le ultime pagine del suo libro. Quando tiro fuori la muta dalla borsa, mi accorgo che manca il sottomuta che ho lasciato nell’armadio a casa. Vabbè, userò la muta umida.

Partiamo con leggero ritardo con direzione Scoglio Penna a causa di qualche inconveniente con la fibra ottica alla fotocamera di Mimmo e raggiungiamo lo scoglio dove residua una intensa onda lunga. Ci tuffiamo tutti in cerca di crinoidi, ne troviamo solo un paio ed ovviamente la sessione è abbastanza infruttuosa, termino così l’immersione a scattare qualche foto per non tornare senza foto. Arrivati a terra, saluto e vado via, dando appuntamento per domani.