Vervece con Sereno Variabile

La telefonata di Rosy mi coglie di sorpresa: “si si , mi piacerebbe, ma devo lavorare …. dovrei chiedere un giorno di ferie ….” rispondo. In serata, ricevuto l’ok da mio capo, posso confermare l’invito ….

Stamattina, dopo aver accompagnato Lidia a scuola, sono finalmente libero per un tuffo infrasettimanale, non programmato ma molto gradito. Raggiungo come al solito il Punta Campanella Diving Center con lo scooter ed attendo l’arrivo di Gianluigi, Edoardo e delle ragazze dello staff. Con loro arrivano anche Antonella e Nicola, reduci da un weekend in cui si sono presi un grande spavento, affondati al largo di Punta Licosa con la barca che li aveva portati sul punto d’immersione, il relitto KT.

Attendiamo a lungo che la troupe di Sereno Variabile raggiunga la Marina della Lobra dove gireranno alcune scene per una puntata che andrà in onda a breve. Li osserviamo mentre attendono l’arrivo di un peschereccio con il carico di preziosi gamberetti pescati con le nasse e intervistano l’equipaggio, poi finalmente possiamo muoverci dalla banchina alla volta dello Scoglio del Vervece.

Dopo aver ormeggiato alla boa sommersa si affianca la vedetta della Guardia Costiera, da cui scende sul gommone il conduttore televisivo Alberto Bevilacqua, accompagnato dal Comandante Ruggiero D’Ambra per intervistare Edoardo Ruspantini.

Segue quindi una breve descrizione delle attività del diving, delle immersioni effettuabili in zona, della flora e della fauna abbondante e particolare che popola queste acque della penisola. Tutto il gruppo di subacquei è completamente vestito in attesa dell’ok del regista per il tuffo simultaneo …. i minuti trascorrono e la temperatura nelle nostre mute stagne sale notevolmente sotto il sole intenso. Finalmente siamo pronti e scendiamo in acqua, con direzione Gerardia savaglia per poi proseguire verso la spugna gialla Axinella cannabina e poi sulla foresta di gorgonie rosse.

Malauguratamente mi accorgo solo in acqua che i flash non scattano, fortuna vuole che abbia montato in parallelo le torce Archon Lights poiché intendevo girare anche qualche video. Procedo così a fotografare in luce continua, sperimentando questa opzione d’illuminazione. Durante la risalita, in una spacca piena di castagnole rosa, vedo un bellissimo tordo fischietto, un labride raro dalle nostre parti che ho visto solo altre due volte in 40 anni. Il Tokina 10-17 mm non è la lente ottimale per fotografarlo, ma non posso fare altrimenti.

Terminiamo l’immersione ammirando gli onnipresenti saragi fasciati mangiare alla base delle nostre pinne che sollevano il sedimento dal fondo, scovando vermi e crostacei per un inatteso spuntino.