Punta del Capo

Era in programma tutta un’altra immersione, causa vento di scirocco, non posso andare all’isolotto dell’Isca per effettuare dei rilievi fotografici all’interno della grotta. Di buon mattino mi dirigo con lo scooter al Punta Campanella Diving Center ed attendo l’arrivo di Ivo, Rosy e Gianluigi. Oggi sono “orfano” del Prof. e di Edo che sono al diving a Baia. Mare calmo e giornata calda. partiamo in gommone con direzione Punta del Capo. Ci tuffiamo proprio sulla punta, per poi procedere in direzione Sorrento mantenendoci con la parete alla nostra desta. L’acqua è abbastanza limpida ed incontriamo qualche aragosta e qualche scorfano. Risaliamo poi verso la superficie dove l’acqua è leggermente più torbida. Qui residuano brandelli di rete e tantissimi “artificiali” lanciati dai pescatori ed impigliati tra le rocce del fondo. Risaliamo all’interno dei “Bagni della Regina Giovanna”, insenatura naturale che si apre all’interno della Punta del Capo, dove residuano vestigia di una villa di epoca romana. Prima di rientrare a Massa Lubrense, passiamo per il porto di Sorrento e, mentre l’equipaggio effettua le operazioni per il rifornimento di carburante, approfitto per scendere a terra con la mia fotocamera per fotografare le barche a vela latina che sono prossime a partire per una regata d’epoca.