2013-09-22 Banco S.Croce

Ieri mi è stato impossibile effettuare la prima immersione autunnale … per fortuna oggi ci sono riuscito. Sono partito come al solito con lo scooter per raggiungere il Circolo Amici degli Abissi di Castellammare di Stabia per immergermi con Raffaele, Michele, Alfonso, Salvatore, Gaetano, Angelo & Gang, con la sorpresa di conoscere una piacevolissima persona, Rosario Scariati. Il feeling nasce subito ed iniziamo a scambiare le nostre impressioni su fotocamere, custodie, flash e … ci tratteniamo così tanto che questa volta siamo tra gli ultimi ad esser pronti. Il cielo è parzialmente nuvoloso e soffia un vento teso da oriente che promette di increspare il mare. L’aria però è limpida, con il Golfo di Napoli bellissimo con tutte le sue isole visibili. Ho montato il Micro Nikkor 60 mm ed i due Inon Z240 sulla Nikon D800, a causa delle cattive condizioni dell’acqua di questi giorni e mi è stata preparata una bella bottiglia con il Nitrox 32% …. Raggiungiamo lo scoglio dove l’affollamento domenicale ci costringe ad ormeggiare sulla Secca di Terra. Da lì ci lasciamo trasportare in superficie dalla corrente, verso l’ormeggio della Secca Principale, dove ci immergiamo inizialmente solo io e Rosario … Raffele è attardato da un piccolo inconveniente tecnico alla fotocamera, ci raggiungerà solo dopo aver sistemato il tutto/tappo!

Mi dirigo subito al posto segreto e cerco il primo uovo di gattuccio … stranamente non riesco ad individuarlo … passo allora al secondo, ben visibile tra le gorgonie. Mi trattengo a scattare, ma non ho con me il mio dive-buddy Salvatore, che avrebbe dovuto retro-illuminarmi l’uovo con la sua lampada HID. Rosario mi è vicino con la sua Canon 5D III e scatta anche lui in macro con le due lenti Subsee montate sull’oblò come le orecchie di Topolino. Risalgo verso la parete dove le gorgonie e le margherite di mare sono rigogliose come sempre, sulla roccia ad un certo punto osservo un piccolissimo platelminte viola, lo mostro a Rosario e passo avanti a fotografare qua e là, senza particolari sussulti. Ci ritroviamo tutti alla catena, senza attendere i lunghi minuti di decompressione, per risalire in superficie dove ci attende un graditissimo aperitivo!

Tornati a terra, mentre sciacquiamo le attrezzature sotto l’acqua corrente, al mio ritorno verso la fotocamera, trovo un graditissimo regalo … una maniglia in corda per la mia ISOTTA D800, realizzata a mano da Rosario per la sua fotocamera nuova! Grandioso! Non resta che scappare a casa per andare a vedere il GP di F1 & l’amata Juventus il Tv!