2013-09-15 Banco S.Croce

“Auto o scooter? Questo è il dilemma! … SCOOTER la risposta esatta!”

Il cielo plumbeo del primissimo mattino mi suggerisce di prendere l’auto per raggiungere Castellammare di Stabia e la Gang degli Amici degli Abyssi … poi il cielo si apre un poco e decido di rischiare ed andare con il motorino. L’attrezzatura era pronta da ieri, così come la fotocamera, con il Micro Nikkor 60 mm montato per andare a fotografare un uovo di gattuccio che avevo individuato nell’ultimo tuffo al Banco di Santa Croce. Arrivo in anticipo al Diving dove abbraccio in sequenza Raffaele, Angelo, Michele, Giovanni, Rosa, Antonella & Nicola, Salvatore & Alessia, Bruno e … tutti gli altri, il meteo è notevolmente migliorato … alle 9:30 siamo tutti sulle tre barche per raggiungere la secca. Il mare è calmo ed al nostro arrivo ci sono già altre imbarcazioni. Il gommone comandato da Raffaele si ormeggia sulla secca principale, mentre le altre due barche si posizionano sulla secca di terra. Appena possibile mi lancio in acqua e scendo dritto verso l’uovo, lo trovo quasi subito ed inizio a scattare. Ho dimenticato in barca il faretto che avrei voluto utilizzare per illuminarlo da dietro, devo quindi provvedere con il lampo dei flash. A poca distanza ne trovo un altro, qualche metro più in su, e mi fermo di nuovo a scattare. Dopo alcuni minuti e con il computer subacqueo che mi segnala l’inizio della decompressione, lascio il posto ed inizio a girare intorno allo scoglio ammirando l’esplosione di colori del coralligeno. In una spacca mi trovo a tu per tu con una grossa musdea, un solo scatto prima di vederla sparire nel buio della fenditura. Tutto intorno è un tripudio di vita, branchi di alici che si muovono in sincronia, si aprono all’improvviso al passaggio dei tonnetti in caccia. Le cernie ed i saraghi sono come sempre presenti, ma oggi non sono oggetto delle mie attenzioni. Quando decido di terminare le foto, mi restano ancora svariati minuti di sosta a 3 m ed una pipì incombente, ma quando risalgo, Salvatore e Raffaele mi mostrano due meduse con i pesciolini … la tentazione di fotografarle è grande, nonostante l’urgenza idraulica! Appena possibile risalgo a bordo, mi svesto e mi rituffo per svuotarmi finalmente!

Ancora una grandiosa immersione al Banco di Santa Croce, in compagnia di cari amici che ogni volta mi accolgono con grande affetto e simpatia! Grazie AMICI DEGLI ABYSSI!