2013-08-12 Camping & Punta Lauro

Dopo il tuffo effettuato alle Isole Canarie, torno nel mio mare per immergermi con Lorenza. Oggi è in programma una doppia immersione con il Diving Futuro Mare della neo-mamma Mariangela, con appuntamento alle 9:00 al porto. Scendiamo con lo scooter e scarichiamo le attrezzature sulla Ligeia, già pronta in banchina, attendiamo l’arrivo del gruppo di clienti stranieri e di quelli indigeni e poco dopo salpiamo alla volta della Punta del Capo. Saremo divisi in due gruppi, il primo con a capo Andrea, si dirigerà più in profondità verso le gorgonie rosse presenti sotto il Camping Santa Fortunata, il secondo, di cui fa parte Lorenza, sarà guidato da Antonio e ci seguirà a quota più bassa. L’acqua è molto limpida per il periodo, consente una buona visibilità orizzontale e verticale. Raggiungiamo quasi subito l’albero sommerso, ormai incrostato di briozoi e completamente integrato nel fondale coralligeno dell’area. Qui è possibile incontrare svariati nudibranchi o platelminti, tra i quali alcune enormi flabelline. Sulle Axinella sono abbondanti i Parazoanthus axinellae mentre sulla roccia è un fiorire di serpule e protule. Due scorfani rossi in rapida sequenza ed un maschio di Apogon imberbis intento a custodire in bocca le uova. Mi trattengo più del dovuto a fotografarlo, quando infine Andrea viene a “sollecitare” la mia risalita.

Ci spostiamo con la Ligeia verso la Baia di Puolo, dove ci tratteniamo al largo per un bagno, in attesa di prerararci per la seconda immersione. Verso le 12:00 siamo di nuovo tutti pronti in due gruppi. Anche questa volta seguirò Andrea in alcune grotte all’interno della Punta Lauro, mentre Lorenza effettuerà il giro classico dall’esterno verso l’interno della baia. L’ingresso è stretto ma si apre rapidamente in una discreta cavità dove c’è posto per quattro subacquei. E’ piena di gamberi e cipree, briozoi, serpule e protule. Nelle fenditure più strette, sul fango si vede qualche ghiozzo leopardo insieme ad alcuni Stenopus. All’uscita del tunnel in alto sopra la mia testa, un incontro ormai raro nel nostro mare, il Cymathium parthenopaeum, perfettamente mimetizzato sulla roccia. All’uscita due sciarrani “puntano” un polpo fuori tana mentre nel blù frecciano alcuni tonnetti. Abbondanti le salpe ed i saraghi, così come le cernie brune e dorate; è un vero piacere percorrere la parete ed ammirare così tanto pesce. Solo allora ci ricongiungiamo al gruppo di Antonio dove Lorenza è entusiasta per aver contato ben 13 piccole cernie.

Ancora una bella giornata di mare, questa volta condivisa con la mia amata Lorenza, che rende l’evento ancor più speciale!