2013-06-02 Punta Lauro

2 Giugno, Festa della Repubblica Italiana … ma sembra novembre! Arriva finalmente l’SMS di Raffaele che mi conferma l’uscita in mare dalla spiaggia. Sono indeciso sull’attrezzatura da portare … muta stagna o umida … e poi Macro o Wideangle-Close Focus? Alla fine decido per il Nikon 10,5 mm e l’oblò da 4,5″ con i flash Inon Z240. La giornata migliora progressivamente, ma dal garage ho già preso la muta stagna. Al mio arrivo verso le 9:45 alla Baia di Puolo, trovo Nicola, Antonella e Rosa intenti a scaricare le attrezzature dall’auto. Faccio lo stesso mentre sopraggiunge anche Raffaele con Valeria. Le condizioni del mare non sono ottimali, anzi, una intensa risacca rende l’ingresso in mare difficoltoso. Bisogna saltare dalla piccola piattaforma di pietra con un bel passo da gigante. L’acqua a Punta Lauro è biancastra verso riva, ma allontanandoci dalla spiaggia migliora sensibilmente, ma l’onda si sente anche in profondità. Scendo quindi fino a -40 m al centro della baia in cerca di qualcosa di interessante. Questa volta nulla da segnalare, se non una piccola aragosta e un gruppo di Hypselodoris tricolor intenti alla riproduzione, ma troppo piccoli per il mio grandangolo! Raffaele non è con me sin dai primi istanti dell’immersione e non mi è possibile mostrarglieli per uno scatto con il Micro Nikkor 60 mm. Rientro a terra con leggera difficoltà, a causa dell’onda che frange sulla spiaggia, per proteggere lo scafandro della mia fotocamera da imprevedibili urti accidentali e fortunatamente tutto si svolge per il meglio. Non resta che gustare un bel caffè al bar sulla spiaggia e salutare gli amici prima di andare a pranzo.