18 novembre 2009 Marina Grande

Giornata primaverile, mare calmo e stasera … l’Italia in Tv!    No, la conclusione di una dura giornata di lavoro non può essere questa, per uno come me che ha il sangue azzurro … come il mare!

La telefonata a mio fratello Arturo ha esito positivo e decidiamo di immergerci in serata alla Marina Grande. Ci vediamo alle 19:00 sotto casa di papà che questa volta non ci accompagna carpito dalla nazionale di calcio alla televisione. Ma c’è la mamma che è disponibile! Raggiungiamo il porto e ci vestiamo, dopo aver sistemato le fotocamere. L’acqua è cristallina come poche volte accade in questo luogo e speriamo che non sia fredda!

Subito troviamo una testa di un tonnetto su cui si sono catapultati i paguri ed i murici, poi una grossa triglia, un tordo pavone addormentato sul fondo ed una splendida Bispira volutacornis. Arturo mi segnala con la lampada un grosso scorfano rosso; mi avvicino tantissimo fino a fotografare solo il particolare dell’occhio. Proseguendo incontro alcuni paguri sospesi su un filo come degli acrobati, quando … dal nero si staglia la sagoma inconfondibile della “Bella di Notte”, l’attinia notturna Alicia mirabilis, appoggiata ad una cima galleggiante. Ci alterniamo negli scatti per riprendere il trasparente antozoo in tutta la sua bellezza, gli scatti si susseguono incessanti, visibili perfino dalla superficie. Uno spirografo e poi due polpesse si allontanano dalle luci dei nostri fari. Infine, quasi sotto la banchina di cemento, un gambero meccanico dalla livrea sgargiante mostra agguerrito le sue chele per difendersi dalla nostra intrusione. Una bellissima giornata, conclusa nel migliore dei modi!