14 luglio 2009 Ustica Cala Galera

Dopo un leggero riposo sulla banchina del porto, giusto per il tempo necessario a sostituire le bombole vuote con quelle piene, alle ore 12:00 ripartiamo alla volta di Cala Galera, con me questa volta sul gommone, anche mia moglie Maria e le bambine, Lorenza e Lidia.

La navigazione procede spedita con massimo divertimento per la piccola Lidia, ci tuffiamo appena arrivati sul posto, ancora con me la fotocamera con montato l’obiettivo grandangolare.

Iniziamo la passeggiata ancora una volta su una estesa prateria di posidonia e subito incontriamo un folto branco di piccoli Barracuda dalle code gialle, la guida ci segnala di non fermarci perchè li ritroveremo in risalita, ma la tentazione è dura da dominare!

Appena giunti su di un fondale roccioso sui -25 mt scorgiamo una enorme cernia adagiata su un masso, dalla livrea chiarissima, quasi bianca. L’animale si solleva dal fondo e si lascia fotografare anche se ad un pò di distanza. Più in là altre due più piccole dalla caratteristica livrea marrone. durante l’immersione ho perso il conto dei grossi serranidi incontrati, di tutte le misure, sembrava che dietro ad ogni scoglio ce ne fosse una! E poi nel blù ecco apparire un branco di enormi Ricciole, si avvicinano incuriosite dalle nostre bolle ma si allontanano senza darmi il tempo di fotografarle!

Tantissimi saraghi e tanute di grandi dimensioni volteggiano tra le castagnole con movimenti lenti, più in superficie migliaia di coloratissime donzelle pavonine nuotano in gruppo alla ricerca di qualche succulento boccone. Infine ritorniamo alla radura e ritroviamo i barracuda, questa volta abbiamo tutto il tempo che desideriamo poichè siamo a circa -7 m e non resta che fare la sosta di sicurezza. Che spettacolo!!!