Campionato Italiano FIPSAS Portoferraio 2019 – Individuale

Oggi iniziamo alle 10 per attendere il caricamento delle immagini consegnate ieri sera dai concorrenti sul nostro computer. Nell’attesa d’iniziare, Giuseppe e Franco si sfidano scattando qualche foto agli uccelli … ad armi impari!

I lavori cominciano prima con le categorie “macro” e “pesce”, e proseguono ininterrottamente fino alle 14 quando effettuiamo una pausa essendoci bloccati su una decisione da prendere … Approfittiamo dell’intervallo per pranzare e liberare la mente in modo da decidere tra le due foto in lizza per la prima posizione.

Riprendiamo le votazioni alle 15 quando ci viene portato anche il caffè. Due giurati votano per la murena con il gambero pulitore, altri due votano per il barracuda … sono l’ultimo a votare e la decisione è cruciale …. alla fine esprimo la mia preferenza per quest’ultima foto e la stessa cosa accadrà qualche ora più tardi con la categoria grandangolo nella quale sono chiamato a prendere la decisione finale. Terminiamo alle 1730 e subito dopo me ne vado a passeggio con Franco e Stefano che vanno a fotografare gli uccelli acquatici. Vediamo alcuni cormorani, una coppia di aironi cenerini, tantissimi germani, mentre non riusciamo a vedere il martin pescatore nonostante il suo canto sia chiaramente distinguibile.

Terminiamo il giro alle 1930, ritorniamo in camera e andiamo a cena. Siamo finalmente tutti allo stesso tavolo, compreso Francesco Sesso e Alessandra Pagliaro, reduci dal campionato mondiale di Tenerife così come Guglielmo Cicerchia che arriva in sala accolto da un’ovazione per la conquista di una medaglia d’oro al mondiale di fotosub. Al termine andiamo nella sala conferenze per assistere alla proiezone di Franco Banfi su cetacei e altri “Big Animals” che fotografa nei suoi viaggi intorno al mondo. Al termine approfitto per consegnare qualche altro libro e per salutare tutti i partecipanti. 

L’indomani parto infatti molto presto dall’hotel, insieme a Franco e Filippo per prendere la prima nave per Piombino. A causa di un guasto tecnico alla nave siamo costretti ad attendere le 9 per imbarcare, nell’attesa ce ne siamo andati a fare la colazione in un bar del porto. Ci salutiamo quando siamo nelle auto prima di sbarcare, io effettuo una tappa di un’ora a Cerveteri per lasciare una copia per i miei amici David e Cristina, ma anche una per i mitici “botoli” Anna e Settimio Cipriani. Mentre sono in viaggio mi arrivano le classifiche tramite whatsapp e solo allora conosco i nomi dei vincitori. Arrivo a casa abbastanza stanco per il traffico sul GRA e sulla strada statale sorrentina ma molto soddisfatto del lavoro svolto, contento per aver incontrato tanti vecchi amici fotosub ed averne conosciuto altrettanti che in questi anni di mia assenza dalle competizioni, si sono affacciati nel mondo delle gare Fipsas.

Campionato Italiano FIPSAS 2019 Portoferraio – Società

Oggi sveglia forzata alle ore 6, Domenico ha da presenziare alla partenza dell’ultima giornata di gara del campionato individuale, essendo lui il giudice designato. Resto ancora un po’ nel letto ma poi mi alzo per andare a fare colazione alle 7:30. Ritorno in camera ed aspetto che si faccia ora per incominciare a giudicare le immagini del campionato per Società.

Prendo alcune copie del libro “I Colori delle Sirene” per autografarle e consegnarle ai miei compagni di viaggio, prima di procedere alle operazioni di voto.

Siamo in “conclave” dalle 9 alle 13, fin quando, dopo aver completato i primi due temi (macro e grandangolo), ci fermiamo per pranzare in terrazza, con Mario che ci offre il vino imbottigliato apposta per lui!

Riprendiamo i lavori alle 14 e procediamo senza sosta né caffè per completare i restanti due temi (pesce e “il mio mare”) fino a concludere le operazioni per le 16:30, quando finalmente ci concediamo uno stop. Andiamo finalmente a goderci un poco di relax al bar, prima di radunarci per la cena … ipocalorica. 

Campionato Italiano FIPSAS 2019 Portoferraio – Compatte

La sveglia suona alle ore 5, mi metto in viaggio per l’Isola d’Elba ma dopo 1 h si accende la spia dell’olio che mi costringe ad una sosta anticipata per il rabocco. Mi rimetto in viaggio e dopo tre ore effettuo la sosta programmata per caffè e toilette, quando sono prossimo all’arrivo una deviazione stradale a Grosseto per lavori mi fa perdere molto tempo girovagando per la città, facendo impazzire il navigatore satellitare.  Arrivo finalmente a Piombino alle 11:45 e la signorina alla biglietteria mi dice che ho perso la nave per 5 minuti.  Le chiedo info per mangiare qualcosa e gentilmente mi suggerisce di tornare in città. Così mangio un panino in centro e mentre aspetto per imbarcare l’auto sul traghetto, mi dedico ad assolvere alcune incombenze lavorative, a seguito delle numerose chiamate ricevute mentre ero alla guida.
Finalmente sono sulla nave che parte puntuale alle ore 13, posso concedermi così un poco di relax. Appena sbarco con l’auto raggiungo subito l’hotel Airone dove ci sono tutti i giurati che mi attendono per iniziare. Ho solo il tempo di salutare tutti i componenti (Giuseppe Pignataro, Filippo Borghi, Franco Banfi e Stefano Gradi) & dirigenti federali (Michele Davino e Mario Genovesi) e subito siamo a votare le foto del campionato fotocamere compatte. I lavori procedono spediti e senza nessuna pausa, abbiamo un tassativo orario di pubblicazione delle classifiche alle 19,  riusciamo a terminare per le 18, in modo da consentire agli organizzatori anche di preparare le classifiche e la proiezione delle immagini dei concorrenti.
Solo a questo punto posso andare alla reception per recuperare le chiavi della mia camera, ma devo attendere a lungo perché entrambe le chiavi sono in possesso del mio compagno di stanza Domenico Iannaccone. Raggiungo la sala proiezioni dove vengono pubblicate le classifiche. Finalmente ce andiamo tutti a cena, la sala è affollata e fatichiamo a trovare un tavolo per noi. Mi siedo con Franco Banfi e Filippo Borghi a scambiare commenti sulle foto davanti ad un bel bicchiere di vino, al termine della cena assistiamo alla proiezione delle foto dei concorrenti ed alla premiazione dei vincitori della categoria Compatte, con ai primi due posti due promettenti ragazze!

Giuria Campionato Italiano FIPSAS di Fotografia Subacquea Digitale

Ricevo all’improvviso una telefonata dal mio amico Mimmo Roscigno ad inizio ottobre, mi dice di contattare urgentemente Mario Genovesi della FIPSAS che ha provato a chiamarmi invano, non ricevendo risposta. Dopo verifica, mi accorgo che è stata contattata mia figlia Lidia che ha il mio vecchio numero di telefono, ma che è “addestrata” a non rispondere ai numeri non presenti nella sua rubrica telefonica. Immediatamente  chiamo Mario per conoscere il motivo della telefonata … che mi riempie di orgoglio. 
Con mia grande sorpresa sono stato invitato a comporre la giuria del prossimo Campionato Italiano Fipsas di Fotografia Subacquea Digitale all’Isola d’Elba, insieme a grandissimi nomi della fotosub, in sostituzione dell’amico Roscigno, momentaneamente impossibilitato a partecipare all’evento. 
Il preavviso è stato minimo e, prima di confermare, ho dovuto sentire il mio capo, che ringrazio,  per avere la sua approvazione, prima di prendere i giorni di ferie necessari.
Eccomi quindi pronto a partire per questa bella avventura!



 

Punta Lauro con Virgilio

Tutte le volte che non preparo con anticipo l’attrezzatura mi espongo a grande rischio … fortuna ha voluto che ci fosse in barca il mio amico Gianluigi, altrimenti avrei buttato alle ortiche l’immersione fotografica odierna.

Prima di andare al diving infatti sono andato di primo mattino in pescheria per assicurare il pranzo domenicale alla family, ho chiuso la fotocamera, lasciata nella stessa configurazione di ieri, non avendo avuto il tempo di cambiare oblò ed obiettivo in previsione di oggi. Malauguratamente mi accorgo solo mentre sono in acqua, in attesa che qualcuno mi passi la fotocamera, che c’è il tappo sull’obiettivo! La fortuna ha voluto che me ne accorgessi prima di bagnare lo scafandro e, grazie a Gianluigi anch’egli possessore di una Nauticam, è stato in grado di aprire lo scafandro, togliere il tappo e rimettere sottovuoto la fotocamera avendo a bordo anche l’apposita pompetta! Riesco così a fare comunque il mio tuffo con la mia Nikon D850 e 105 mm. L’acqua è molto sporca in superficie e c’è una intensa onda che agita il mare. Abbiamo ormeggiato a Cala di Puolo dove siamo ridossati, anche se in superficie l’acqua non è invitante a causa di una schiuma giallastra poco gradevole alla vista dei turisti. La visibilità è scarsissima, migliora leggermente in profondità, nell’acqua fluttuano meduse e … rifiuti. Seguo Virgilio che è più avanti di me e raggiungo la punta rocciosa della baia. Oggi non ci sono grandi presenze, una piccola cernia bruna ed alcune cernie dorate in livrea giovanile, mi concentro sulla roccia in cerca di soggetti, ma anche qui non trovo nulla che mi attragga particolarmente. Entro in una piccola grotta e qui invece vedo dei piccolissimi Re di Triglie ma è difficile metterli a fuoco perchè rapidamente si solleva sedimento dal fondo fangoso. Esco quasi subito e mentre vado in cerca di una grande famiglia di Apogon imberbis che vive sotto due grossi massi, un cliente venuto con noi in apnea mi chiama per essere fotografato … è un’impresa riuscire a “catturarlo” con il 105 mm! Raggiungo la tana degli Apogon e qui mi trattengo a lungo, fino allo scadere dei 60′ canonici. Risalgo in superficie ed il gommone è lontano … sono tutti a bordo e guardano in mare … penso stiano cercando me. Quando arrivo a bordo dopo aver segnalato la mia posizione, mi confessano che avevano quasi dimenticato la mia presenza in acqua! Torniamo alla base dove provvedo a lavare tutto, saluto i miei amici dopo una bella doccia calda, loro tornano in mare per la seconda immersione al Vervece, io me ne vado a casa per il “canonico” pranzo domenicale a base di pesce!

 

Scoglio del Vervece con Gianluigi & Staff

Le gocce di pioggia si addensano sulla visiera del casco ed il cielo è nero plumbeo, con l’orizzonte oscurato dalla pioggia visibile in lontananza a Napoli. Sono perfettamente cosciente di essere un po’ folle, ma il richiamo di quella infinita distesa fluida è irresistibile. Arrivo al Punta Campanella Diving alle 8:20 e non c’è nessuno, non sono sicuro che si possa uscire oggi non avendo avuto conferma tramite sms …  

mentre guardo l’orizzonte ecco arrivare Gianluigi. Andiamo a prendere un caffè e aspettiamo il resto dello staff. Vittoria e Lisa restano con noi, Linda invece ci saluta e torna a casa. Gianluigi mi conferma che oggi i clienti sono stati avvisati che non ci sarà immersione, ma noi approfittiamo per fare un tuffo da soli.

Nel frattempo comincia a piovere forte. Aspettiamo al riparo della tettoia del Paguro che smetta e iniziamo a prepararci. Alle 10 infatti il cielo si è liberato della maggior parte di nubi e fa capolino anche un tiepido sole. Decidiamo di fare una turnazione, scendiamo prima io e Gianluigi poi tocca a Lisa e Vittoria, noi attenderemo bagnati in barca in modo da evitare di far prendere freddo alle ragazze. Raggiungiamo la boa di ormeggio e ci immergiamo. L’acqua è pessima nei primi metri, molto peggiorata rispetto a ieri, come riferito dai miei amici. Fino ai 20 metri la situazione visibilità è critica, sotto i 30 metri migliora sensibilmente ed è qui che mi trattengo a lungo con la mia Nauticam NA-D850 equipaggiata con il 105 mm ed i flash Ikelite DS161. Inizio a scattare qualche foto agli Anthias anthias poi vado oltre sorvolando le gorgonie rosse in cerca di qualche soggetto interessante. In lontananza vedo un’aquila di mare che nuota planando verso il fondo, mi avvicino e nonostante la lente montata adatta, riesco a stento a metterla a fuoco a causa della scarsa luce e visibilità. Quando trovo un grosso scorfano rosso, mi fermo a fotografarlo per bene, effettuando anche qualche scatto in doppia esposizione. Incrocio Gianluigi che ha fatto il giro inverso dello scoglio e risalgo al limitare tra acqua torbida e quella pulita, dove stazionano i barracuda. I pesci preferiscono stare nel torbido così me ne vado in cerca di murene con gamberetti. Desisto immediatamente perché la visibilità è pessima e manometro e computer subacqueo mi suggeriscono che è il momento di risalire. Raggiungo la parete a 6 metri sotto la scaletta di approdo allo scoglio ed effettuo la lunga decompressione senza spostarmi per non sciupare aria, parzialmente “sprecata” a causa di una perdita continua al secondo stadio dell’erogatore che mi ha infastidito per tutta l’immersione.

Risaliamo sul gommone mentre Lisa e Vittoria scendono in acqua. Aspettiamo in barca il loro ritorno, chiacchierando amabilmente di photoshop e lightroom, con il sole che entra ed esce dalle nuvole. Durante il rientro ci ammazziamo dalle risate, con Lisa che ha gonfiato al massimo la sua muta stagna prendendo le sembianze dell’omino della Michelin!

 

Alle 12:30 siamo di nuovo al diving per una doccia calda e per sistemare le attrezzature. Saluto tutti e mi rimetto sullo scooter, soddisfatto per aver anche oggi “rubato” un’immersione in una giornata che prometteva tutt’altro! 

 

 

 

The Big Photo Ezine

Sono veramente contento di vedere pubblicato l’articolo “Underwater Night Creatures” sulla rivista The Big Photo Academy Magazine, insieme ad altri grandi nomi della fotosub come Davide Lopresti e Tobias Friedrich.

al link qui sotto potete scaricare tutto il magazine
dalla pagina 60 in poi

https://thephotographeracademy.com/big-photo-ezine-septembe…

Pulizia dei Fondali a Marina di Cassano

Da qualche giorno ho un gran raffreddore che mi ha fatto dormire male, ma non è bastato a fermarmi nemmeno oggi. Infatti avevo un appuntamento da non mancare a Piano di Sorrento, la pulizia dei fondali organizzata dal Sindaco e mio amico Dott. Vincenzo Iaccarino in collaborazione con Marevivo e le altre associazioni di subacquei della zona, l’Associazione Jacques Cousteau e il Centro Sub S. Erasmo e la partecipazione a terra anche degli studenti dell’Istituto Nautico Nino Bixio. Il mio compito odierno è quello di documentare video-fotograficamente l’evento subacqueo, così ho portato anche la GoPro Hero7 insieme alla Nauticam NA-D850. Dopo lunghi preparativi finalmente alle 10:30 entriamo in acqua e ci restiamo fino alle 12, quando è previsto il termine delle operazioni, sorvegliate dalla Guardia di Finanza e dalla Guardia Costiera. L’acqua è pessima a causa della pioggia dei giorni scorsi, ma anche perchè i sub sollevano altra “polvere” recuperando i rifiuti dal fondo. 
Concludiamo le operazioni spogliandoci sullo stabilimento balneare Antico Bagno Nettuno che ci ha gentilmente ospitati e dove abbiamo consumato anche il pranzo. Anche oggi una bella giornata di mare!

 

Concorso Abissi Underwater Photo Venice 2019

Un grande piacere ricevere finalmente una telefonata dagli organizzatori del concorso fotografico internazionale Abissi Underwater Photo Venice 2019. Sono veramente contento!

Un secondo posto nella categoria “Fish in the Trash” con la foto della medusa me “mangia” una busta di plastica 

Un terzo posto nella categoria “Macro” con un’aguglia in caccia a pelo d’acqua, fotografata quest’estate a Saline Joniche

ed un quarto posto nella categoria “Grandangolo” con una foto di un pesce civetta fotografato ad aprile in una notturna indimenticabile, sempre a casa di Domy Tripodi. 

Scoglio Penna con Edo e Gabriella

Sullo scooter si avverte chiaramente che l’aria del mattino si è rinfrescata. Oggi ho portato con me anche una coppia di bombole da ricaricare al diving, essendo al momento guasto il compressore della stazione di ricarica abituale a Sorrento; al momento infatti mi è impossibile uscire in autonomia.

Al diving c’è Edoardo e dopo un pò arriva Gabriella, ma ci sono anche Ivana, Chiara, Salvatore e tanti altri amici. I preparativi vanno un poco a rilento, finalmente usciamo con il gommone senza una precisa destinazione, essendo il mare agitato dietro Punta Campanella. Proviamo a guardare le condizioni meteomarine una volta arrivati sul posto, ormeggiamo allo Scoglio Penna dove c’è onda ma ci si può immergere. Anticipo tutto il gruppo per evitare di disturbarmi, scendendo subito sotto la boa di ormeggio. Qui recupero un telo mare rosa e lo consegno ad Andrea. L’acqua è limpida e si vedono i sub in superficie. Quando arrivano tutti passo attraverso il buco nella roccia e vado verso le gorgonie rosse, ma prima mi fermo a fotografare la famiglia di Apogon imberbis che vive nei pressi di una piattaforma rocciosa. La temperatura dell’acqua è confortevole e sento un gran senso di benessere, raggiungo Edo mentre di Gabriella non vi è traccia. Proseguo il mio giro fino a ritornare sugli scogli che sono sul pianoro roccioso dove ci sono le eunicelle. Una piccola cernia bruna si nasconde sotto una masso, mentre la seconda, più grande si allontana tenendosi a distanza. Vado a controllare lo spirografo ma lo trovo chiuso, forse a causa dell’acqua calda, poi torno nei pressi del buco dal quale sopraggiungono tutti i miei amici. Qui scatto anche io una foto con l’asciugamani al collo prima di risalire per ultimo a bordo al fine di non soffrire il mal di mare.  Una volta rientrati a terra scarico l’attrezzatura dal gommone e, dopo aver ripreso le bombole cariche, mentre tutti gli altri si preparano per tornare in acqua al Vervece,  me ne vado a casa perchè ho del lavoro arretrato da concludere.

Dopo pranzo, mentre mi godo la Pole Position di Charles Leclerc nel  GP di Singapore, ricevo una piacevole telefonata da un numero non presente nella mia rubrica  … 

 

Fotografia Subacquea – Underwater Photography

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: